Pozzuoli. Dal 17 al 21 l’Arcante scrive il Diario di una bevuta Il calendario degli eventi.

LE NEWS DELL’ARCANTE ENOTECA, Pozzuoli (Na)

DIARIO DI UNA BEVUTA
COMUNICARE IL VINO, CON TUTTO L’AMORE
Programma Settimanale
Una settimana all’insegna del grande vino da conversazione,
quel vino cioè capace di raccontare se stesso attraverso ogni singolo sorso.
Luoghi, persone e memorie che fanno di alcuni vini grandi ed esclusivi nettari d’autore.

MARTEDI’ 17 NOVEMBRE
ore 19.30 – 20.30
Chianti Classico La Selvanella 1995 Melini ticket di partecipazione di €ur 14,00

MERCOLEDI’ 18 NOVEMBRE ore 19.30 – 20.30
Nuits S. Georges 2006 J. Drouhin
ticket di partecipazione di €ur 14,00

GIOVEDI’ 19 NOVEMBRE ore 19.30 – 20.30
Terra di lavoro 2006 Galardi
ticket di partecipazione di €ur 14,00

VENERDI’ 20 NOVEMBRE ore 19.30 – 20.30
Turriga 2000 Argiolas
ticket di partecipazione di €ur 14,00

SABATO 21 NOVEMBRE ore 19.30 – 20.30
Champagne Cuvèe “D” n.m. Devaux
ticket di partecipazione di €ur 14,00

Conduce le degustazioni Angelo Di Costanzo. In accompagnamento, alcuni stuzzichini preparati da Lilly
—————————–
13 novembre 2009
—————————–
Serata con i vini della Tenuta Adolfo Spada a L’Arcante Enoteca
In degustazione i vini dell’azienda di Galluccio (CE) premiati da Gambero Rosso, Seminario Veronelli e Luca Maroni
Venerdì 13 Novembre nell’ambito del ciclo di appuntamenti “Amici di Bevute. Viaggio al centro dell’autoctono”, L’Enoteca L’Arcante di Pozzuoli (Napoli) propone una serata con i vini della Tenuta Adolfo Spada una delle più interessanti realtà emerse negli ultimi anni nel panorama delle aziende della provincia di Caserta, areale di antichissima tradizione vitivinicola.
Dopo la pausa estiva, quello con l’azienda di Galluccio (Caserta), è il primo degli appuntamenti che Angelo Di Costanzo, Miglior Sommelier Professionista campano del 2008, dedica ai grandi vini della regione.
L’azienda della famiglia Spada nasce nel 1973, quando l’ingegner Adolfo acquista la proprietà di Galluccio per realizzare il sogno di produrre vini di qualità nella terra del leggendario Falerno celebrato dagli Antichi. Dal 2001, il progetto è affidato ai figli Ernesto e Vincenzo, anche loro ingegneri, affiancati dal noto winemaker Riccardo Cotarella.
Nascono così vini di grande armonia e abbinabilità in tavola come il Gallicius Aglianico e il Gallicius Falanghina e veri fuoriclasse come il Sabus e il Gladius, appena premiato con i Tre Bicchieri dalla Guida ai Vini d’Italia 2010 del Gambero Rosso.
Due i momenti della serata alla quale parteciperà il produttore, Ernesto Spada:
– dalle ore 18.00 degustazione gratuita a L’Arcante Enoteca (Via Pergolesi, 86 Pozzuoli – Napoli) di due delle migliori interpretazioni aziendale in materia di vitigno autoctono: il bianco Flòres 2007 (Due Bicchieri Gambero Rosso 2010), a base di Falanghina, e il rosso, Aglianico al 100%, Gallicius. Conduce le degustazioni Angelo Di Costanzo.
– dalle ore 20,30, poi, presso Ristorante Il Rudere, adiacente all’Enoteca, cena-degustazione su prenotazione (costo 38 euro) con i vini dell’azienda. Tra gli altri: il pluripremiato Gladius e l’affascinante Sabus, abbinati a un menu elaborato per l’occasione dallo chef Antonio Lubrano e raccontati da Ernesto Spada.
Il Menu
– Stuzzichino del pescatore: cotto e crudo di verdure, carpaccio di seppie, alici; Timballetto di spinaci e sgombro e Carciofo d’autunno con patate e gamberi abbinati a Flòres Falanghina Roccamonfina Igt 2007
– Pappardelle con ricciola e funghi porcini abbinato a rosso Sabus Roccamonfina Igt 2007
– Filetto di tonno con pomodorini,
uvetta, pinoli e noci secche
abbinato a rosso Gladius Roccamonfina Igt 2006 Per informazioni e prenotazioni contattare L’Arcante Enoteca: 081 3031039 oppure larcante@libero.it.
——————————
DIARIO di una BEVUTA
——————————
Programma Settimanale
Una settimana all’insegna del grande vino da conversazione,
quel vino cioè capace di raccontare se stesso attraverso ogni singolo sorso.
Luoghi, persone e memorie che fanno di alcuni vini grandi ed esclusivi nettari d’autore.
——————————
MARTEDI’ 10 NOVEMBRE
——————————
ore 19.30 – 20.30
Amarone della Valpolicella 2005 Zenato
ticket di partecipazione di €ur 14,00

MERCOLEDI’ 11 NOVEMBRE ore 19.30 – 20.30
Faro Palari 2005 Palari
ticket di partecipazione di €ur 14,00

GIOVEDI’ 12 NOVEMBRE ore 19.30 – 20.30
Terra di lavoro 2006 Galardi
ticket di partecipazione di €ur 14,00

VENERDI’ 13 NOVEMBRE ore 19.30 – 20.30
Degustazione gratuita dei vini della Tenuta Adolfo Spada,
seguirà cena-Degustazione presso il Ristorante Il Rudere
con ticket di partecipazione di €ur 38,00

SABATO 14 NOVEMBRE ore 19.30 – 20.30
Vino Nobile di Montepulciano Asinone 2006 Poliziano
ticket di partecipazione di €ur 14,00

conduce le degustazioni Angelo Di Costanzo.
Comunicare il vino, con tutto l’amore possibile.
ANGELO DI COSTANZO – LILLY AVALLONE
——————————-
IL PROGRAMMA DEL 13 NOVEMBRE
——————————–
AMICI DI BEVUTE – VIAGGIO AL CENTRO DELL’AUTOCTONO
Ristorante IL RUDERE & L’ARCANTE Enoteca
Presentano
VENERDI’ 13 NOVEMBRE ore 20.30
AMICI DI BEVUTE
Viaggio al centro del vitigno autoctono
Incontro con il produttore TENUTA ADOLFO SPADA,una delle più interessanti realtà venute fuori negli ultimi anni dalla provincia di Caserta; L’azienda nasce nel 1973, quando l’ingegner Adolfo acquista la proprietà di Galluccio per realizzare il sogno di produrre vini di qualità in uno degli areali campani più vocati per la viticoltura: la provincia di Caserta, terra del leggendario Falerno celebrato dagli Antichi.
Oggi l’azienda conta una estensione di 30 ettari, di cui 22 a vigneto condotta con capabietà e successo da fratelli Vincenzo ed Ernesto Spada.
Nascono qui vini di grande armonia come il Gallicius Aglianico ed il Gallicius Falanghina e veri fuoriclasse come il Sabus rosso e non ultimo il Gladius, appena premiato con i TRE bicchieri dalla Guida ai Vini d’Italia del Gambero Rosso.
Dalle ore 18.00 presso L’ARCANTE ENOTECA si potranno degustare gratuitamente due delle migliori interpretazioni aziendale in materia di vitigno autoctono, il bianco FLORES 2007 a base Falanghina ed il rosso 100% Aglianico GALLICIUS.
Conduce le degustazioni Angelo Di Costanzo.
Dalle ore 20.30 presso il Ristorante IL RUDERE seguirà Cena-Degustazione con i vini dell’azienda tra i quali non mancheranno certo l’ottimo Gladius e l’affascinante Sabus, accuratamente abbinati ad un menu elaborato per l’occasione dallo chef Antonio Lubrano e raccontati da Ernesto Spada.
Costo della serata €uro 38,00 per persona
E’ richiesta la prenotazione, impegnativa, per tempo
Per informazioni e prenotazioni:
L’ARCANTE ENOTECA
Via Pergolesi, 86 Pozzuoli (NA)
Tel.: 081 3031039
mail: larcante@libero.it
Contatti stampa e comunicazione:
Monica Piscitelli – 348 0063619
Comunicare il vino, con tutto l’amore possibile.
——————————-
LA NOTA DI MONICA PISCITELLI
——————————-
Galluccio, 3 novembre 2009
Serata con i vini della Tenuta Adolfo Spada a L’Arcante Enoteca
In degustazione i vini dell’azienda di Galluccio (CE) premiati da Gambero Rosso, Seminario Veronelli e Luca Maroni
Venerdì 13 Novembre nell’ambito del ciclo di appuntamenti “Amici di Bevute. Viaggio al centro dell’autoctono”, L’Enoteca L’Arcante di Pozzuoli (Napoli) propone una serata con i vini della Tenuta Adolfo Spada una delle più interessanti realtà emerse negli ultimi anni nel panorama delle aziende della provincia di Caserta, areale di antichissima tradizione vitivinicola.
Dopo la pausa estiva, quello con l’azienda di Galluccio (Caserta), è il primo degli appuntamenti che L’Enoteca di Angelo Di Costanzo, Miglior Sommelier Professionista campano del 2008, dedica ai grandi vini della regione.
L’azienda della famiglia Spada nasce nel 1973, quando l’ingegner Adolfo acquista la proprietà di Galluccio per realizzare il sogno di produrre vini di qualità nella terra del leggendario Falerno celebrato dagli Antichi. Dal 2001, il progetto è affidato ai figli Ernesto e Vincenzo, anche loro ingegneri, affiancati dal noto winemaker Riccardo Cotarella.
Nascono così vini di grande armonia e abbinabilità in tavola come il Gallicius Aglianico e il Gallicius Falanghina e veri fuoriclasse come il Sabus e il Gladius, appena premiato con i Tre Bicchieri dalla Guida ai Vini d’Italia 2010 del Gambero Rosso.
Due i momenti della serata alla quale parteciperà il produttore, Ernesto Spada:
– dalle ore 18.00 degustazione gratuita a L’Arcante Enoteca (Via Pergolesi, 86 Pozzuoli – Napoli) di due delle migliori interpretazioni aziendale in materia di vitigno autoctono: il bianco Flòres 2007 (Due Bicchieri Gambero Rosso 2010), a base di Falanghina, e il rosso, Aglianico al 100%, Gallicius. Conduce le degustazioni Angelo Di Costanzo.
– dalle ore 20,30, poi, presso Ristorante Il Rudere, adiacente all’Enoteca, cena-degustazione su prenotazione (costo 38 euro) con i vini dell’azienda. Tra gli altri: il pluripremiato Gladius e l’affascinante Sabus, abbinati a un menu elaborato per l’occasione dallo chef Antonio Lubrano e raccontati da Ernesto Spada.
Per informazioni e prenotazioni contattare L’Arcante Enoteca: 081 3031039 oppure larcante@libero.it
————————–
L’AZIENDA – IL PROFILO
—————————-
La Tenuta Adolfo Spada nasce nel 1973 quando l’ingegner Adolfo Spada acquista la proprietà di Galluccio (Caserta) con lo scopo di produrre vini di qualità in uno degli areali campani più vocati per la viticoltura: la provincia di Caserta, terra del leggendario Falerno celebrato dagli Antichi.
Fino alla fine degli anni Novanta, l’azienda si specializza nella produzione di uve di qualità, poi dal 2001, con la consulenza di Riccardo Cotarella, firma prestigiosa dell’enologia mondiale, il via alla razionalizzazione degli impianti, l’attuazione di una selezione spinta in vigna e l’adozione delle più moderne tecnologie in cantina.
Vincenzo ed Ernesto, anche loro ingegneri, succeduti al padre alla guida dell’azienda, portano avanti quel progetto con lo spirito di sempre. Lavorano l’Aglianico, il Piedirosso e la Falanghina affinché, nel rispetto delle loro caratteristiche peculiari, possano esprimersi in prodotti di qualità. Eleganti e riconoscibili.
I trenta ettari di proprietà, dei quali 22 coltivati a vigneto, su un declivio naturale a 350 metri sul livello del mare, sono immersi nei 9000 ettari di natura protetta del Parco regionale di Roccamonfina e Foce del Garigliano, ai piedi del vulcano spento di Roccamonfina.
Dal 2009 la Tenuta Adolfo Spada ne sposa il marchio e lo appone su tutta la comunicazione aziendale e sulle circa 90000 bottiglie immesse in commercio ogni anno.
Da questo lavoro rigoroso e appassionato dei fratelli Spada, nascono cinque le etichette della Tenuta:
– Gladius Aglianico Roccamonfina Igt (85% Aglianico e 15% Piedirosso)
– Sabus Roccamonfina Igt (Piedirosso, Aglianico, e Montepulciano in parti uguali)
– Flòres Roccamonfina Igt (Falanghina 85% e Fiano 15%)
– Gallicius Aglianico Roccamonfina Igt (Aglianico 100%)
– Gallicius Falanghina Roccamonfina Igt (Falanghina 100%)
Il 2010 segnerà la nascita di FiorFlòres, quella che Ernesto Spada definisce “il meglio di Flòres”, e di un cru di Piedirosso: “Camporosso”.

——————————-
Inoltre, dal 9 al 14 novembre
——————————-
DIARIO di una BEVUTA
l’Arcante per tutta la settimana,dalle ore 19.30 fa attività di degustazione,
di preziose etichette italiane.
L’happening pre-serale non è mai stato così affascinante!!
ticket di € 14,00 per persona.
————————–
6 novembre 2009
————————–
Pozzuoli(Na). Dal 6 tornano gli amici di bevute all’enoteca Arcante.
L’ARCANTE ENOTECA Pozzuoli
AMICI DI BEVUTE – VIAGGIO AL CENTRO DELL’AUTOCTONO
Comunicare il vino, con tutto l’amore possibile.
dal 6 novembre 2009
riprendono le attività di degustazione,
incontro con i produttori, serate a tema,
Percorsi di Degustazione.
Il vitigno autoctono è coltivato e diffuso nella sua stessa zona storica di origine , quindi per autoctono s’intende un vitigno non trapiantato da altre aree.
Naturalmente esistono in giro per l’Italia e per il mondo esempi di vitigni che una volta trapiantati in una certa area si sono talmente adattati bene tanto da dare spesso vini anche migliori in rapporto magari alla stessa zona di origine di provenienza.
Ogni vitigno autoctono presenta una sua caratteristica e distintiva forma, colore del grappolo, del chicco e delle foglie e conferisce al vino, da esso ottenuto, alcune caratteristiche organolettiche ben precise e tipiche, identitarie della propria natura e della simbiosi con il luogo di appartenenza.
La coltivazione e la difesa dei vitigni autoctoni, ed anche la riscoperta di vitigni quasi scomparsi dal panorama agricolo sono divenute priorità assolute per preservare la biodiversità di alcune aree viticole o come spesso accade di intere produzioni e denominazioni.
Un lavoro duro che non tutti sono disposti a fare ma che trova in coloro che si sono incamminati in questa direzione la forza di esprimere a livelli qualitativi straordinari un elemento unico ed irripetibile: l’autenticità.
L’Arcante Enoteca vi guiderà in questa riscoperta, con appuntamenti di degustazione, con incontri con i produttori, con viaggi al centro della vigna; Iniziative mirate, di grande coinvolgimento nello stile e nella tradizione di profonda disponibilità e maturata professionalità che da sempre contraddistinguono le nostre idee, i nostri progetti, le nostre proposte.
COMUNICARE IL VINO, CON TUTTO L’AMORE POSSIBILE ANGELO DI COSTANZO E LILLY AVALLONE
per ulteriori info Info
L’Arcante Enoteca Tel. 081.3031039
larcante@libero.it
Oppure potete utilizzar il collegamento facebook : http://www.facebook.com/profile.php?id=1565052213&ref=name
————————-
I PROTAGONISTI DEL VINO
————————–
Intervista incrociata ad Angelo Di Costanzo, Roberto Adduono e Salvatore Correale.
di Monica Piscitelli
Tre ragazzi, tre sommelier e tre storie. All’ultimo concorso hanno difeso i colori della regione. Ha vinto meritatamente Luca Martini, diranno in questa sorta di intervista incrociata, a tre voci, nella quale si confessano e scherzano, Angelo di Costanzo, Roberto Adduono e Salvatore Correale.
Sono trascorse alcune settimane dalla conclusione della gara per il Miglior Sommelier d’Italia, ma vale la pena comunque leggere della loro esperienza e delle loro impressioni. Uno stimolo in più per chi pensa un giorno di cimentarsi in una gara del genere, gomito a gomito con un collega della propria regione o con un “rivale” di un’altra regione.
Cosa apprezzano del loro collega e concorrente in gara?
Quale è il loro portafortuna?
Cosa avrebbero potuto far meglio per prepararsi al concorso?
Tutto questo tra le news, su www.aiscampania.it.


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.