Pasquale Alfieri, AGE: Gragnano capitale della pasta si mette in mostra e vince il premio Buonitalia.
AGE Napoli – Oltre cinquemila persone hanno affollato la centrale via Roma a Gragnano per l’apertura di Gragnano in Pasta, la manifestazione del Comune vesuviano dedicata all’arte del bianca. La rassegna si sarebbe dovuta inaugurare con il volo di un dirigibile che doveva decollare dalla Stazione Marittima di Napoli ed atterrare, dopo aver sorvolato la penisola vesuviana, a Gragnano per dare il via al fitto programma di inziative che dureranno sino al 2 ottobre prossimo. Le condizioni meteo avverse, con un deciso maestrale, però, non hanno permesso all’aerostato di alzarsi in volo, rinunciando, così, alla trasvolata. Questa edizione di Gragnano in Pasta è dedicata al viaggio che la cittadina a sud di Napoli compirà nel 2006 negli Stati Uniti toccando le città di New York, Miami, Chicago e Boston per promuovere l’Italian Style nell’alimentazione. Intanto a Gragnano anche questa sera si potranno degustare oltre dieci formati di pasta presentati dagli chef del Santa Lucia Catering e immergersi nelle “strade dell’arte” con gli spettacoli tratti da un’idea di Gerardo Buonocore e Lucia Amato. Via Roma, il Chiostro Ungaretti, la Fontana del Trivione, faranno da quinte teatrali agli artisti che si ritroveranno immersi nel pubblico.
Intanto ieri sono stati assegnati a Camerota (Sa) i premi Qualità Buonitalia a 12 prodotti agroalimentari italiani a tutela comunitaria per la categoria Dop-Igp. La rosa dei candidati comprendeva, tra gli altri, il Vitellone Bianco dell’Appennino Centrale, il Caciocavallo Silano e la Mozzarella di Bufala Campana, l’olio d’oliva del Cilento e quello delle Colline Salernitane mentre tra i prodotti tradizionali figuravano la Pasta di Gragnano. Proprio a quest’ultimo presidio, prodotto da oltre 500 anni nella città vesuviana, è andato il premio Buonitalia nella categoria “tradizionali”. Fabrizio Mottirotti, presidente di Buonitalia Spa e Camillo Gardini per il “Premio di Qualità Buonitalia” hanno voluto consegnare il riconoscimento al Sindaco di Gragnano Michele Serrapica ed al Presidente del Consorzio Gragnano Città della Pasta, Giuseppe Di Martino,sottolineando la motivazione “di un prodotto che è specchio dell’Italia più genuina e delle sue secolari tradizioni”.
“Per il Consorzio e la Città di Gragnano – ha detto Di Martino – questo riconoscimento premia lo sforzo di un’intera città a continuare a produrre una pasta che sia al di sopra di ogni moda o fenomeno di costume”.


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.