BORSA MEDITERRANEA DEL TURISMO ARCHEOLOGICO
Paestum 13 – 16 novembre 2008

———————————
L’ANNUNCIO DAL PARCO CILENTO V.D.
———————————
Ritorna la Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico, la manifestazione, unica al mondo che si occupa del patrimonio archeologico, si terrà al centro espositivo dell’hotel Ariston di Paestum dal 13 al 16 novembre. Dopo aver raggiunto i dieci anni nel 2007, la Borsa si apre agli altri continenti accogliendo come paese ospite il Perù, con il sito di Machu Picchu, che celebra 25 anni di elezione quale patrimonio dell’umanità. Quest’anno sarà il parco nazionale del Cilento e Vallo di Diano a festeggiare il decennale di inserimento nell’elenco del Patrimonio mondiale dell’Unesco.
Il parco sarà presente all’evento con uno spazio espositivo, con l’intento di dare sempre maggiore rilievo e visibilità ai siti archeologici “minori” del territorio del Cilento e del Vallo di Diano.
Inoltre, in occasione della settimana dell’educazione allo sviluppo sostenibile, promossa dall’Unesco, l’Ente organizzerà un convegno dal titolo “Riduzione e riciclaggio dei rifiuti in un sito Unesco”.
Tra gli aspetti e appuntamenti di maggiore rilevanza della kermesse è da sottolineare la partecipazione al salone espositivo di 35 Paesi esteri, massimo storico per la Borsa.
Tra questi per la prima volta Argentina, Bulgaria, Cile, Colombia, India, Iran, Lituania, Palestina, Repubblica Slovacca. Oltre al workshop, che vede l’incontro tra domanda e offerta, con la partecipazione di 80 buyers esteri selezionati dall’Enit, quest’anno per rafforzare l’incontro con la domanda del turismo associato, venti responsabili dei CRAL incontreranno gli operatori dell’offerta designati dagli espositori presso gli stand.
Nel ricco programma saranno riproposti ArcheoLavoro, ArcheoToons, ArcheoFilm, i Laboratori di Archeologia Sperimentale ed ArcheoVirtual, esposizione internazionale sull’archeologia virtuale, volta a svelare le nuove frontiere della ricerca scientifica e tecnologica legate al mondo antico.
A cura di Barbara Cirillo e Giovanni Ciao.
da: newsletter [newsletter@cilentoediano.it]

——————————–
Borsa Turismo Archeologico
——————————–
Degustazioni enogastronomiche
Di Mario Carillo

Dal 13 al 16 novembre si rinnova, all’ombra dei mitici templi di Paestum, la Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico.
Giunta all’XI edizione la rassegna ospita nei saloni del Centro congressi dell’Hotel Ariston conferenze, tavole rotonde, laboratori di archeologia sperimentale.
Negli stand espositivi, oltre quindicimila metri quadri, workshop con i buyers esteri; workshop con la domanda del turismo associato, visite guidate per gli ospiti ai siti archeologici della provincia e della regione e assegnazione dei premi Paestum.
L’Italia possiede un ricco patrimonio archeologico. La sola Campania vanta ben cinque siti riconosciuti dall’Unesco. L’idea di istituire nel 1998, una Borsa del Turismo nella cittadina, in provincia di Salerno, dove fino al V secolo a.C si svolgeva un florido emporio commerciale, è risultata vincente.
Il Salone espositivo, sotto l’auspicio dell’Amministrazione Provinciale di Salerno con il patronato del Presidente della Repubblica, dell’assessorato al Turismo della Regione Campania con il sostegno del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, del Centro Internazionale di Studi per la Conservazione ed il Restauro dei beni culturali, la collaborazione dell’Organizzazione Mondiale del Turismo, ideata e organizzata dalla Leader sas, con il patron Ugo Picarelli, si propone di promuovere siti e destinazioni di richiamo archeologico dei Paesi del Mediterraneo.
L’happening, unico nel suo genere, promuove siti e destinazioni archeologiche, creando sinergie tra diverse culture e promuovendo la divulgazione di prodotti turistici specifici.
L’industria del turismo è l’elemento chiave della crescita economica e della creazione di posti di lavoro. Mete tradizionali di vacanza quali l’Italia, Francia e Spagna hanno perso in quest’ultimo periodo smalto. La borsa di Paestum, punta su un segmento, una volta riservato ai viaggiatori del Gran Tour e oggi appannaggio di studenti e cultori del mondo antico, contribuendo anche a destagionalizzare le vacanze.
Trentacinque i Paesi presenti, massimo storico per la Borsa. Tra questi per la prima volta Argentina, Bulgaria, Cile, Colombia, India, Iran, Lituania, Palestina, Repubblica Slovacca, Romania, Slovenia, Spagna, Thailandia, Venezuela. Paese, ospite ufficiale, il Perù con il sito Machu Piccu, patrimonio dell’Umanità. Ottanta i buyers esteri selezionati dall’Enit provenienti da 15 Paesi.
Nuove iniziative caratterizzeranno l’undicesima edizione della Borsa, luogo per lo scambio di conoscenze, per l’approfondimento e la divulgazione di temi inerenti al patrimonio culturale; occasione di incontro per gli addetti ai lavori, per il business professionale, per i viaggiatori, per gli appassionati; promotore di relazioni e partnership tra Organizzazioni Internazionali e Istituzioni per lo sviluppo della cooperazione mediterranea e del dialogo interculturale. Laboratori, attraverso i quali sarà ricostruita la cultura antropologica e materiale dell’antichità e i percorsi enogastronomici, tratti da fonti storico-archeologiche e letterarie con degustazione di pietanze.
Nel ricco programma – ha dichiarato Angelo Villani, presidente della Provincia di Salerno – saranno riproposti ArcheoLavoro, ArcheoToons, ArcheoFilm, i Laboratori di Archeologia Sperimentale ed ArcheoVirtual, esposizione internazionale sull’archeologia virtuale, volta a svelare le nuove frontiere della ricerca scientifica e tecnologica legata al mondo antico.
Sabato 15 ospiti i due protagonisti di “Turisti per caso” Patrizio Roversi e Susy Blady, intervistati dall’autore Marxiano Melotti, racconteranno con umorismo e arguzia il loro nuovo progetto, quello di uno Slow-Tour storico archeologico alla scoperta delle eccellenze dell’Italia minore.
29.10.2008, Mario Carillo

da: Mario Carillo [mcarill@tin.it]


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.