LETTERA CIBERNETICA
E’ online il primo numero di Lettera Cibernetica,
Newsletter dell’Istituto di Cibernetica “Eduardo Caianiello” del CNR.
Lettera Cibernetica si propone di raccontare le attività di ricerca dei diversi gruppi dell’Istituto di Pozzuoli,
con un’attenzione particolare oltre che ai temi e ai risultati di queste attività, ai contesti e alle ricadute sociali
delle loro ricerche, con alcuni spazi di approfondimento e altri di brevi notizie.

In questo numero:

Editoriale
Fare ricerca (e comunicarla), oggi
(s.t.)
Perché una newsletter sulle attività di un Istituto di Ricerca? La risposta è semplice. La ricerca scientifica oggi
è essenziale per i suoi contenuti culturali e come base per lo sviluppo economico e produttivo.
Non altrettanto semplice è essere coerenti con questo presupposto.
http://www.cib.na.cnr.it/cibcnr/news/newsletter/fondo.html

Ecco come costruiamo i sensori magnetici più sensibili al mondo
di Vincenzo Napolano
Intervista a Maurizio Russo, fisico dell’Istituto di Cibernetica “E.Caianiello”, dove da anni coordina le attività in superconduttività,
che ci spiega come il suo gruppo ricerchi una complessa, ma proficua integrazione tra ricerca e trasferimento tecnologico.
Realizzatesi compiutamente almeno in un caso: quello degli SQUID (Superconducting QUantum Interference Device),
sensori di flusso magnetico applicati utilmente in molteplici campi, tra cui la Medicina.
http://www.cib.na.cnr.it/cibcnr/news/newsletter/art1.pdf

Quale innovazione per la ricerca informatica?
di Mario Mango Furnari
L’informatica è una disciplina giovane, che ciò nonostante sembra incessantemente rinnovarsi e trasferire innovazioni. A ben
guardare però questa rapida evoluzione riguarda quasi esclusivamente le sue applicazioni tecnologiche (certo con ricadute cruciali
sull’economia e la società), ma sembra non coinvolgere le idee scientifiche fondanti. Il rischio è quello di produrre sempre più
innovazioni fini a sè stesse da un lato e speculazioni autoreferenziali dall’altro. Non sarà allora necessario ripensare
l’intreccio vitale tra ricerca e applicazioni? Magari lungo la via di una profonda contaminazione dei saperi nei contesti
in cui si introducono le nuove tecnologie.
http://www.cib.na.cnr.it/cibcnr/news/newsletter/art2.pdf

Appunti per una storia dell’Istituto di Cibernetica “E. Caianiello”
di Settimo Termini
L’Istituto di Cibernetica del C.N.R. è nato nel 1968 realizzando un’idea ambiziosa di Eduardo Caianiello, a cui poi nel 2002
l’Istituto sarebbe stato intestato, e che precorreva ampiamente i tempi. L’idea d’avanguardia di Caianiello era quella di
affrontare con le metodologie proprie della fisica lo studio dei processi mentali. I risultati di tali indagini avrebbero, poi, permesso
di avere a disposizione strumenti per analizzare e studiare i comportamenti complessi e intelligenti in ogni tipo di sistema anche
di quelli artificiali, cioè gli artefatti basati su tecnologie sofisticate e innovative.
http://www.cib.na.cnr.it/cibcnr/news/newsletter/art3.pdf

In Breve
E’la cardiografia magnetica il futuro della diagnostica per il cuore?
http://www.cib.na.cnr.it/cibcnr/news/newsletter/Mcg.html

Imagination and Rigor, una raccolta di saggi sull’eredità
scientifica di Eduardo R.Caianiello.
http://www.cib.na.cnr.it/cibcnr/news/newsletter/imagination.html

Rione terra in Rete e Visual Area Network, i due progetti presentati a Galassia Gutenberg il 4 aprile.
http://www.cib.na.cnr.it/cibcnr/news/newsletter/terra.html

Gabriel Kass-Simon, prof.ssa di Neurobiologia dell’Università
di Kingston, ospite dell’Istituto.
http://www.cib.na.cnr.it/cibcnr/news/newsletter/gabriel.html

Barbara Webb, prof.ssa dell’Università di Edimburgo, ospite dell’Istituto.

NOTA
Lettera Cibernetica si propone di raccontare le attività di ricerca dei diversi gruppi dell’Istituto di Pozzuoli, con un’attenzione particolare oltre che ai temi e ai risultati di queste attività, ai contesti e alle ricadute sociali delle loro ricerche, con alcuni spazi di approfondimento e altri di brevi notizie.
Lo stretto intreccio tra ricerca di punta e applicazioni tecnologiche in diversi settori è il filo rosso di questo primo numero, e un particolare approfondimento è dedicato al lavoro di due gruppi di fisica e informatica dell’Icib, che hanno prodotto negli ultimi anni importanti applicazioni tecnologiche rispettivamente per la diagnostica medica e i beni culturali. Queste attività costituiscono solo un pezzo (per quanto significativo) delle diversificate attività di ricerca dell’ Istituto (dalla Fisica della Materia all’Informatica, dalla Neurobiologia all’ Intelligenza Artificiale, dalle Neuroscienze alla Computer Vision…), che verranno riprese nei prossimi numeri della newsletter .
Questo carattere interdisciplinare, in effetti, è una delle cifre dell’Istituto fondato nel 1968 da Eduardo R. Caianiello, legata alla sua storia (ripercorsa nel primo numero di Lettera Cibernetica dal direttore dell’Istituto Settimo Termini) e alla comune matrice (pure se oggi difficilmente rintracciabile) di tutte queste attività in quella disciplina, la Cibernetica, che secondo la definizione diffusa negli anni ’60 studiava “i comportamenti complessi e intelligenti dei sistemi naturali e artificiali”.
Lettera Cibernetica comunque vorrebbe rivolgersi non solo a chi lavora nel mondo della ricerca e dell’innovazione tecnologica, ma ad un pubblico più ampio interessato a una comunicazione scientifica approfondita oltre che a studenti universitari o delle scuole superiori.
L’obiettivo insomma è di aprire un nuovo (tra i tanti possibili) canale tramite cui la scienza nel suo farsi comunica con la società.

COME LEGGERE
http://www.cib.na.cnr.it/cibcnr/news/newsletter/webb.html
BV&AI, Brain Vision and Atificial Intelligence.
http://www.cib.na.cnr.it/cibcnr/news/newsletter/bvai.html
Isidis, l’occhio intelligente al servizio della sicurezza.
http://www.cib.na.cnr.it/cibcnr/news/newsletter/isidis.html
Per informazioni rispondere a v.napolano@cib.na.cnr.it.


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.