Luigi Necco, napoletano, giornalista televisivo, noto per le sue cronache sportive sull’epoca d’oro del Napoli di Diego Armando Maradona, e Gino Rivieccio, attore e cabarettista napoletano, stasera con altri attori, personaggi della cultura e autorità varie, presenteranno alle ore 18.30 al ristorante le Arcate di Napoli il “Vino Maradona”. Un’occasione per tornare a parlare del mai dimenticato calciatore argentino, che ha fatto vincere due scudetti alla squadra di calcio di Napoli, ultimamente ricoverato in ospedale per collasso cardiaco da quale si è poi ripreso. Maradona, infatti, ha prestato la sua immagine ai vini argentini delle cantine Raices de Agrelo di Mendoza. Il ritorno agli sponsor è stato il modo migliore per liberarsi dall’incubo di una ricaduta e così il vino Maradona entrerà in Italia grazie alla società napoletana Uniprof Italia. Intanto, l’assaggio dei vini argentini è stato fatto da sommellier campani, durante la presentazione del vino ed interamente trasmesso dalla tv sudamericana che, quando manda in onda il campione che da noi fu battezzato Pibe de Oro, fa ascolti record, a dimostrazione che il giocatore è seguitissimo, anche dopo aver lasciato l’attività agonistica. Diego Armando Maradona, il calciatore argentino che ha fatto vincere due scudetti alla squadra di calcio di Napoli, dunque, ricoverato in ospedale per collasso cardiaco da quale si è poi ripreso, ha prestato la sua immagine ai vini argentini delle cantine Raices de Agrelo di Mendoza. Il ritorno agli sponsor è stato il modo migliore per liberarsi dall’incubo di una ricaduta e così il vino Maradona entrerà in Italia grazie alla società napoletana Uniprof Italia. Intanto l’assaggio dei vini argentini è stato fatto da sommellier campani durante la presentazione del vino ed interamente trasmesso dalla tv sudamericana che, quando manda in onda il campione che da noi fu battezzato Pibe de Oro, fa ascolti record, a dimostrazione che il giocatore è seguitissimo, anche dopo aver lasciato l’attività agonistica. (Inviato alle Arga)


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.