L’Italia incontra la Cina
Mercoledì 28 giugno 2017, ore 20.30
Basilica di San Giovanni Maggiore – Napoli
(Rampe di San Giovanni Maggiore, n. 14)
La Nuova Orchestra Scarlatti
propone un evento nuovo e originale nel segno
dell’incontro creativo tra comunità italiana e cinese
‘Sinfonia’ di Marco Polo
Voci e Suoni dal Mediterraneo all’Oriente
INGRESSO GRATUITO
Mercoledì 28 giugno 2017, alle ore 20.30, nella grande cornice della Basilica di San Giovanni Maggiore (Rampe di San Giovanni Maggiore, n. 14, Napoli), la Nuova Orchestra Scarlatti propone un appuntamento particolare a ingresso gratuito, aperto a tutta la cittadinanza: ‘Sinfonia’ di Marco Polo, un incontro creativo con le comunità cinesi residenti sul nostro territorio, nel segno dell’arte e della musica.
La ‘Sinfonia’, evento conclusivo de I Suoni della Seta, uno dei progetti vincitori della rassegna MigrArti, promossa e sostenuta dal MiBACT, è realizzato dalla Nuova Scarlatti con un ampio ventaglio di partner, fra i quali l’associazione culturale ‘Ciao Cina’ (nata a Napoli nel 2014 con il preciso intento di promuovere e accrescere gli scambi culturali tra Cina e Italia e migliorare la conoscenza tra i due popoli) e l’associazione culturale di solidarietà internazionale ‘Haiat’.
L’Orchestra – affiancata da un variegato insieme di musicisti e artisti, fra i quali il soprano cinese Wang Siyi, la voce palestinese di Alaa Al-Amoudi, il soprano Naomi Rivieccio, il baritono Jiang Shanhe, il mezzosoprano Feng Xiaoshun, i Pueri Cantores Montemurro, Liu Xiaoxia e i giovanissimi ballerini della scuola Yongen, la voce recitante di Qin Jun, ecc. – darà vita a un collage del tutto inedito e nuovo di musiche, voci, danza e poesia, fra Italia, Mediterraneo e Cina, Vicino ed Estremo Oriente, ispirato ad alcune delle mille suggestioni dello straordinario viaggio di Marco Polo dalla superba Venezia allo sfarzoso cuore del Celeste Impero, incontro epocale tra Oriente e Occidente. Vivaldi e Paisiello dell’Idolo cinese, danze spazianti dai Balcani alla Mongolia, melodie antiche e moderne del Mediterraneo, elaborazioni inedite, raffinate e avvincenti di brani vocali e strumentali cinesi, di immediata presa per il più largo pubblico e con un’attenzione particolare ai giovani, si alterneranno e si intrecceranno come in un’unica sequenza.
La rielaborazione ad hoc di alcuni dei brani in programma è a cura di una delle più originali e versatili figure dell’odierna scena musicale italiana, Federico Odling (leader musicale de I Virtuosi di San Martino). Dirige Francesco Aliberti.
La Nuova Orchestra Scarlatti sarà anche affiancata da giovanissimi strumentisti dell’Orchestra Scarlatti Junior, cosi che l’evento possa essere, fra le altre cose, un’occasione di incontro tra i nuovi cittadini di una società plurale. Non a caso questo appuntamento è inserito nella rassegna Giugno dei Giovani 2017, promossa dall’Assessorato alle Politiche giovanili del Comune di Napoli
INFO: 081 410175 – info@nuovaorchestrascarlatti.it – www.nuovaorchestrascarlatti.it
Per condividere le nostre iniziative puoi aderire ad Ami Scarlatti
la “Comunità Scarlatti” sui social: flickr / facebook / instagram / twitter
Press: Silvia Pepe 339.4845176 – spepe.news@gmail.com–

—————————————————–
Venerdì 23 giugno 2017, ore 19.30 Chiesa dei SS. Marcellino e Festo – Napoli (Largo San Marcellino, n. 10)
Per la Primavera musicale della Nuova Scarlatti il Quartetto ‘Mitja’ propone un inedito confronto
tra l’appassionante Quartetto in mi minore di Verdi e il luminoso Quartetto op. 74 “Delle arpe” di Beethoven
G. Verdi Quartetto per archi in mi min
L. van Beethoven Quartetto per archi op. 74 “Delle arpe”
Quartetto ‘Mitja’
Giorgiana Strazzullo, Sergio Martinoli violini
Carmine Caniani viola Veronica Fabbri violoncello
Per il settimo e penultimo appuntamento della Primavera musicale della Nuova Scarlatti, venerdì 23 giugno 2017, ore 19.30, nella cornice preziosa della Chiesa dei SS. San Marcellino e Festo (Largo San Marcellino, n. 10, Napoli), torna (dopo l’anteprima del 13 aprile scorso) il Quartetto d’archi ‘Mitja’, giovane eccellenza artistica in ascesa che miete crescenti consensi in campo nazionale e internazionale, tra rassegne, festival e premi prestigiosi, ed è nata e cresciuta in seno alla Nuova Orchestra Scarlatti.
Per l’occasione il ‘Mitja’, attualmente composto da Giorgiana Strazzullo e Sergio Martinoli (violini), Carmine Caniani (viola), Veronica Fabbri (violoncello), propone un confronto inedito e particolarmente succoso tra due capolavori del genere quartettistico: il Quartetto in mi minore di Giuseppe Verdi (composto proprio a Napoli nel 1873), dove l’impeccabile contrappunto strumentale risuona avvincente come un grande concertato d’opera, e il Quartetto op. 74 “Delle arpe” di Ludwig van Beethoven, una pagina del 1809, oasi luminosa che segna il passaggio dalla fase degli eroici contrasti a un nuovo, affascinante paesaggio sonoro, mosso da fremiti e suggestive anticipazioni.
Costo del biglietto del concerto del 23 giugno: € 10,00, acquistabile presso le prevendite abituali, on line: www.azzurroservice.net, e presso la sede del concerto da un’ora prima dell’inizio.
L’unico capolavoro cameristico di Giuseppe Verdi, il Quartetto in mi minore, nasce in un albergo di Napoli nel marzo del 1873 (durante l’ozio forzato tra le rappresentazioni di un Don Carlo e le prove di un’Aida). Qui un raffinato linguaggio strumentale si fonde con gli accenti del grande uomo di scena: ecco l’incipit scuro e avvolgente in quarta corda del secondo violino nell’Allegro iniziale (che evoca il tema della gelosia di Amneris in Aida); l’Andantino si apre con un ritmo di valzerino di una grazia svagata e decadente; l’alato spirito mendelssohniano del Prestissimo, con il violoncello che canta come un nobile baritono nel Trio centrale, ci conduce allo Scherzo Fuga finale, uno scintillante contrappunto in cui già ci sembrerà di udire, con vent’anni d’anticipo, il chiacchiericcio di Falstaff.
Fra l’estate e l’autunno del 1809 (proprio mentre un’Europa squassata prova a scendere a patti con Napoleone), nel Quartetto in mi bemolle maggiore op. 74 Beethoven stipula una tregua con la sua stagione eroica: dopo il breve Poco adagio, amabile e introverso, accordi improvvisi portano allo scorrevole e spensierato Allegro, punteggiato a un tratto dagli arpeggi pizzicati degli archi (che giustificano l’appellativo di Harfenquartett). Il successivo Adagio ma non troppo è una di quelle preghiere beethoveniane che dall’anima salgono direttamente alla Divinità. Il vorticoso, splendido Presto, già tutto mendelssohniano, porta al semplice Allegretto, “un campione di sottoproletariato melodico” (M. Mila) riscattato dal gioco ‘strutturalista’ delle sue variazioni.
INFO: 081 410175 – info@nuovaorchestrascarlatti.it – www.nuovaorchestrascarlatti.it
Per condividere le nostre iniziative puoi aderire ad Ami Scarlatti
la “Comunità Scarlatti” sui social: flickr / facebook / instagram / twitter
Press: Silvia Pepe 339.4845176 – spepe.news@gmail.com

——————————————————————
Primavera Musicale 2017 della Nuova Orchestra Scarlatti
Torna l’appuntamento più atteso con la Comunità delle Orchestre Scarlatti
sabato 17 giugno 2017 – ore 19.00
BASILICA DI SAN GIOVANNI MAGGIORE – NAPOLI
(Rampe di San Giovanni Maggiore, n. 14 – Napoli)
La Carica dei 114
(III edizione)
musiche di A. Scarlatti, F. J. Haydn, G. Paisiello, G. Rossini, F. Schubert, E. Grieg,
F. von Suppé, F. Kreisler, B. Persico e al.
NUOVA ORCHESTRA SCARLATTI, SCARLATTI JUNIOR
SCARLATTI YOUNG, SCARLATTI per TUTTI
direttori
Beatrice Venezi
Gaetano Russo, Federico Odling, Bruno Persico
La NUOVA ORCHESTRA SCARLATTI e le sue ‘creature’
– SCARLATTI JUNIOR, SCARLATTI YOUNG e l’amatoriale SCARLATTI per TUTTI –
di nuovo riunite sulla scena per il piacere di fare e ascoltare musica insieme al pubblico,
in un programma spaziante da Alessandro Scarlatti alla Sinfonia di Totò
Sabato 17 giugno 2017, alle ore 19.00, nella maestosa, affascinante cornice della Basilica di San Giovanni Maggiore (Napoli, Rampe di San Giovanni Maggiore n. 14), torna la Carica dei 114, l’appuntamento più atteso della Primavera musicale della Nuova Orchestra Scarlatti.

Per il terzo anno consecutivo l’Orchestra raccoglie intorno a sé sul palco tutte le altre formazioni della Comunità delle Orchestre Scarlatti: la Scarlatti Junior (circa 90 tra ragazze e ragazzi di età compresa fra i gli 11 e i 18 anni), la Scarlatti Young (giovani strumentisti fra i 18 e i 28 anni) e la Scarlatti per Tutti (musicisti amatoriali di ogni età ed estrazione: studenti e insegnanti, medici e ingegneri…). Quattro orchestre, oltre 120 elementi, più generazioni riunite in scena – fra tradizione e sguardo al futuro – per rinnovare con il pubblico la magia di una festa collettiva nel segno del piacere di fare e ascoltare musica insieme: una realtà a tutt’oggi unica in Italia, per un evento unico nel suo genere. La Nuova Scarlatti e le sue creature si alterneranno e si uniranno sul palco in varie combinazioni, per un programma tutto da scoprire e da gustare, da Alessandro Scarlatti alla Sinfonia di Totò, passando per Haydn, Rossini, Schubert, Suppé e altro ancora: sul podio direttoriale il giovane talento in ascesa di Beatrice Venezi (con cui si alterneranno anche Gaetano Russo, Federico Odling e Bruno Persico). Il concerto, come gli altri appuntamenti di giugno della Primavera musicale della N.O.S., è abbinato al Giugno dei Giovani 2017 rassegna promossa dall’Assessorato alle Politiche giovanili del Comune di Napoli
Il programma spazierà da un’Aria di A. Scarlatti al fascino nordico di un’Elegia di Grieg, dal primo movimento della Sinfonia Hornsignal di F. J. Haydn, illuminata dal colore inconfondibile di quattro corni, alla suggestione profonda del primo movimento della Sinfonia Incompiuta di Schubert, da Rossini a ‘101’, un brano inedito del poliedrico musicista napoletano Bruno Persico, dalla celebre, brillantissima Ouverture da Cavalleria leggera di Suppé a un’autentica chicca: una breve selezione dalla Sinfonia di Totò, fantasia di temi tratti da colonne sonore dei film del grande comico partenopeo, ideata ed elaborata da Federico Odling (e presentata dalla Nuova Scarlatti in prima assoluta all’Auditorium RAI di Napoli lo scorso 12 maggio).
Costo del biglietto del concerto del 17 giugno: € 10,00, acquistabile presso le prevendite abituali on line: www.azzurroservice.net, e presso la sede del concerto da un’ora prima dell’inizio.
INFO: 081 410175 – info@nuovaorchestrascarlatti.it – www.nuovaorchestrascarlatti.it
Per condividere le nostre iniziative puoi aderire ad Ami Scarlatti
la “Comunità Scarlatti” sui social: flickr / facebook / instagram / twitter
Press: Silvia Pepe 339.4845176 – spepe.news@gmail.com

Categorie: Eventi

0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.