Fondazione Valenzi e l’Associazione Libera Italiana ricordano a Napoli le vittime senegalesi della folle strage di Firenze

Sarà dedicata a Modou Samb e Mor Diop, i due senegalesi brutalmente uccisi a Firenze, la prossima edizione di Memoriae.

Un evento per celebrare a Napoli le vittime dell’olocausto nazista e di tutte le forme di intolleranza

Non saranno solo le vittime dell’olocausto nazista ad essere ricordate durante le celebrazioni della prossima Giornata della Memoria ma anche Modou Samb e Mor Diop, i due senegalesi uccisi il 13 Dicembre scorso a Firenze durante un atto di follia xenofoba.

A proporlo sono state l’Associazione Libera Italiana, presieduta da Pietro Valente e la Fondazione Valenzi, l’istituzione internazionale dedicata a Maurizio Valenzi, l’ex parlamentare italiano ed europeo, sindaco a Napoli dal 1975 al 1983 e presieduta da Lucia Valenzi.

Ai due cittadini del Senegal sarà infatti dedicata la terza edizione di “Memoriae”, l’iniziativa promossa da ALI e Fondazione Valenzi per non dimenticare la Shoah e attraverso di essa tenera viva l’attenzione contro ogni forma di razzismo e discriminazione culturale, sociale e politica.

L’evento si svolgerà, come di consueto, in occasione della Giornata della Memoria, il 27 Gennaio 2012 al Teatro Mercadante di Napoli.

La tragica strage di Firenze contro le comunità immigrate in Italia offre lo spunto ai promotori dell’iniziativa di intensificare gli sforzi affinchè una vera cultura della tolleranza e dell’integrazione che parta dalla memoria del recente passato dell’umanità possa affermarsi a Napoli e nella nazione.

“Modou Samb e Mor Diop, così come Jerry Masslo, ucciso a Villa Literno nell’agosto di dodici anni fa – dichiarano Lucia Valenzi e Pietro Valente – rappresentano il tributo di una regione e di una nazione che non hanno imparato nulla dalla storia. A loro e a tutte le vittime dell’intolleranza e dell’ignoranza va il nostro commosso ricordo”.

Relazioni Esterne e con i Media:
Fondazione Valenzi
Gianluigi Cioffi 333 5056074
[gianluigicioffi@fondazionevalenzi.it]


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *