A MARZO ENERGYMED 2012
Definita la quinta edizione di EnergyMed 2012, il salone sulle fonti rinnovabili e l’efficienza energetica.
L’inaugurazione nella giornata mondiale dell’acqua e intanto a Napoli istituite le colonnine di acqua purificata e minerale.
Si punta sui settori Recycle, MobilityMed e Ecobuilding
Napoli – Nell’anno dell’energia sostenibile promossa dall’ONU, il Salone EnergyMed, la mostra convegno sulle Fonti Rinnovabili e l’Efficienza Energetica nel Mediterraneo, organizzata dall’Anea (Agenzia Napoletana Energia e Ambiente), diventa annuale e celebra, dal 22 al 24 marzo alla Mostra d’Oltremare, la quinta edizione proprio in occasione della giornata mondiale dell’acqua.
“Il passaggio dell’esposizione, da biennale ad annuale è frutto di una scelta ben precisa – dichiara vicesindaco di Napoli, Tommaso Sodano -. L’amministrazione del Comune di Napoli ha deciso di puntare molto sul salone delle fonti rinnovabili ed in particolar modo sul riciclo, uno dei problemi maggiori che ci troviamo a dover affrontare.
L’iniziativa espositiva sarà accompagnata da una serie di progetti che il Comune vuole portare avanti per affrontare la questione dei rifiuti, con l’attuazione progettuale, entro il 2012, di alcuni impianti cittadini di selezione.
Il salone EnergyMed – conclude Sodano, che ricopre anche la carica di assessore all’ambiente – può, e deve, rappresentare un punto di riferimento per la green economy del centro sud Italia e rilanciare così la posizione centrale della città sul Mediterraneo”.
A supportare la scelta organizzativa anche alcuni dati sull’occupazione indicati da Unioncamere, secondo i quali Il 38% delle assunzioni delle aziende nel 2011 riguarda figure professionali legate alla sostenibilità: sono 227mila sul totale delle circa 600mila previste dalle imprese.
Di queste 227mila assunzioni legate alla sostenibilità ambientale previste per il 2011 in Italia, circa la metà (97.600, il 16,4% del totale) sono legate alle “professioni verdi”, ossia quelle dei settori delle energie rinnovabili, della gestione delle acque e rifiuti, della tutela dell’ambiente, mobilità ed edilizia sostenibile ed efficienza energetica.
Le 20mila presenze dell’edizione 2011, con una crescita del +10% delle aziende espositrici, hanno supportato le scelte dell’Anea che ora punta, proprio nell’anno dell’energia sostenibile dell’ONU, a diventare la piattaforma espositiva e degli interscambi commerciali, del Mediterraneo
“Partendo dall’annualità puntiamo a trasformare EnergyMed in un volano di sviluppo per le tecnologie pulite e i servizi innovativi per l’energia, la mobilità sostenibile ed il riciclo – dichiara il direttore dell’Anea, Michele Macaluso -, aprendo le porte ad aziende, Istituzioni, associazioni, Università e Centri di ricerca, interessati ad investire in un settore vitale per l’economia del Centro-Sud Italia e non solo.
In particolare, il settore delle rinnovabili è in forte crescita, come attestato dall’autorevole centro studi della California, Ihs, che ha rivelato come nel 2011 l’Italia sia diventata leader mondiale nel solare, scavalcando la Germania”.
EnergyMed è organizzato in collaborazione con gli Enti promotori Comune di Napoli e le Province di Benevento e Napoli, Arin ed Enel, con la partnership di Tirreno Power”.
INFO
Ufficio Stampa Anea [ufficiostampa.anea@tin.it]
———————————-
BOOM RINNOVABILI ENEL IN CAMPANIA, VETRELLA: IN LINEA CON L’ACCELERAZIONE IMPRESSA DALLA REGIONE ALLO SVILUPPO DELL’INTERO SETTORE
“Il boom degli impianti di energia rinnovabile in Campania è in linea con la forte accelerazione che la Regione ha impresso negli ultimi due anni allo sviluppo dell’intero settore per quanto di sua competenza: basti pensare che nel 2009 erano stati autorizzati 259 megawatt elettrici, mentre nel 2011 abbiamo dato il via libera a impianti per una potenza complessiva di 341 megawatt; nello stesso periodo abbiamo portato le autorizzazioni da 16 a 37 l’anno.”
Così l’assessore ai Trasporti e alle Attività produttive della Regione Campania, Sergio Vetrella commenta i dati diffusi oggi sugli impianti per l’energia elettrica da fonti pulite che Enel ha connesso alla rete nel 2011 in Campania.
“L’aumento della competitività del sistema produttivo regionale nel settore energetico – continua Vetrella – è del resto tra le priorità strategiche del nuovo piano di sviluppo economico regionale (Paser) in corso di approvazione, che oltre ad accelerare e semplificare le procedure delle autorizzazioni di nuovi impianti, prevede anche la riduzione dei consumi migliorando il sistema di intelligenza della rete di distribuzione attraverso l’utilizzo delle cosiddette ‘smart-grid’.
Il miglioramento della ecocompatibilità del sistema, riducendo il consumo di energia e diminuendo il livello di inquinamento, sarà affrontato infine anche nell’ambito del trasporto pubblico e privato locale, favorendo l’utilizzo di mezzi a basso inquinamento, come sistemi di bike e car sharing alimentati prevalentemente a energia solare.”
REGIONE CAMPANIA. COMUNICATO UFFICIO STAMPA DEL 24 GENNAIO 2012


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *