AL VIA LA FONDAZIONE PER RIUSO BENI CONFISCATI E SOSTEGNO ALLA VITTIME DELLA CRIMINALITA’
BASSOLINO: “STRUMENTO IMPORTANTE PER PROMUOVERE LEGALITA’ E SOLIDARIETA’”
Si è costituita oggi, presso Palazzo Santa Lucia, la Fondazione regionale per il sostegno alle vittime della criminalità e per il riutilizzo dei beni confiscati.
Il consiglio di amministrazione, che svolgerà la sua attività a titolo gratuito, è così composto: Paolo Siani (Presidente); don Tonino Palmese (Vicepresidente); Antonio Ruggiero, esperto sicurezza e legalità del Por Campania; Lorenzo Clemente, Presidente coordinamento regionale famigliari delle vittime della criminalità; Geppino Fiorenza, responsabile Libera per la regione Campania.
Queste le principali attività della Fondazione, che sarà operativa già nei prossimi giorni:

Ø Interventi a favore delle vittime di reati o dei loro famigliari per supportare situazioni di disagio socio-sanitario ed economico.

Ø Azioni di sistema per rendere più efficace il riutilizzo dei beni confiscati alla criminalità organizzata, in particolare:
o azioni volte a qualificare il sistema di amministrazione dei beni dal sequestro alla confisca;
o sostegno ed accompagnamento allo sviluppo di qualificate modalità di gestione dei beni confiscati, anche attraverso attività d’impresa realizzata da soggetti del privato sociale;
o redazione ed aggiornamento di un catalogo di buone pratiche di utilizzo e gestione dei beni confiscati.

Ø Attività di documentazione, comunicazione e sensibilizzazione dei cittadini sul tema del contrasto alla criminalità organizzata, attraverso: un centro di documentazione, pubblicazioni ad hoc, promozione di concorsi e di premi per le scuole, studi e ricerche in materia di sicurezza delle città, borse di studio da utilizzarsi in Italia o all’estero.

“Come deciso nella riunione di giunta a Casal di Principe nei giorni scorsi – ha dichiarato il Presidente della Regione Campania Antonio Bassolino – la Regione ha voluto creare una fondazione per rendere più efficiente e tempestiva la gestione dei beni confiscati alla camorra e l’assistenza alle vittime e ai loro famigliari. La Fondazione – ha continuato Bassolino – sarà uno strumento importante per combattere nei nostri territori la battaglia per la legalità e per diffondere la cultura della solidarietà e della coesione sociale contro la violenza criminale. Al Presidente Paolo Siani e a tutti i membri del Cda voglio esprimere un forte ringraziamento per lo slancio con cui hanno accettato di contribuire a questa importante iniziativa” ha concluso Bassolino.

FONDAZIONE PER RIUSO DEI BENI CONFISCATI E SOSTEGNO ALLE VITTIME DELLA CRIMINALITA’, DICHIARAZIONE DEL PRESIDENTE PAOLO SIANI
“Assumo l’incarico di presidente della Fondazione per il riuso dei beni confiscati e il sostegno alle vittime della criminalità con particolare piacere, intendendolo come un servizio da rendere alla città di Napoli e all’intera regione. Insieme a don Tonino Palmese e a tutti gli altri componenti della Fondazione mi propongo di essere molto vicino ai familiari delle vittime della criminalità e di accompagnare un uso adeguato dei beni confiscati alla camorra. Il nostro impegno sarà contribuire a diffondere la cultura delle legalità attraverso un’attività costante”.

REGIONE CAMPANIA. COMUNICATI UFFICIO STAMPA DEL 3 GIUGNO 2008


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.