14 MARZO 2005 – LE BOLLICINE TREVIGIANE SEDUCONO NAPOLI
Vino portabandiera della Marca Trevigiana, prodotto di grande successo che non conosce crisi, il Prosecco è stato il protagonista oggi lunedì 14 marzo di un evento di grande richiamo andato in scena a Napoli nella sontuosa cornice di Palazzo Crispi, nelle cui sale si è riunito un affollatissimo pubblico di giornalisti, ristoratori, gestori di pizzerie, enoteche e wine bars, sommelier e amanti delle bollicine provenienti da tutta la Campania.
Sponsor dell’evento la Cantina Produttori di Valdobbiadene, azienda estremamente dinamica e competitiva leader nel comparto delle bollicine venete, che ha scelto come prima tappa proprio Napoli per lanciare una forte campagna di comunicazione e promozione dei suoi prodotti di punta per l’anno 2005 nel Sud Italia.
Entusiasmo e diffuso apprezzamento da parte degli operatori e degli enoappassionati per la fragranza e il raffinato bouquet degli spumanti della Cantina protagonisti del Wine Tasting e dei seminari-degustazione curati dal giornalista del “Mattino” Luciano Pignataro, con l’intervento del Direttore della Cantina Sig. Aldo Franchi, che ha illustrato le peculiarità vitivinicole del prosecco di Valdobbiadene e presentato l’azienda che in questi ultimi anni sta investendo notevolmente in infrastrutture per il miglioramento della qualità e in comunicazione.
Il direttore del Consorzio della Mozzarella di Bufala Campana Dop Sig. Vincenzo Oliviero, ha illustrato invece l’abbinamento delle bollicine trevigiane con la Mozzarella, prodotto simbolo della tradizione gastronomica italiana che ha conquistato il mondo.
Per celebrare questo insolito e affascinante matrimonio tra veri fuoriclasse del gusto, la Cantina Produttori di Valdobbiadene ha avuto come partner il Consorzio Tutela Mozzarella di Bufala Campana DOP e, sotto la regia dell’Associazione Italiana Sommeliers di Napoli, ha contribuito con i suoi eccellenti prodotti a rendere ancor più memorabile e unico l’evento incentrato sull’ineguagliabile Prosecco, qui presentato nelle versioni Brut, Millesimato, Superiore di Cartizze e “Colfondo”. Soprattutto quest’ultimo, un Prosecco non filtrato che riposa sui suoi lieviti naturali anche in bottiglia, ha incuriosito e deliziato il pubblico per le sue caratteristiche di genuinità e versatilità di accostamenti gastronomici.
14 MARZO 2005 – Prosecco di Valdobbiadene e Mozzarella di Bufala Campana Dop a Palazzo Crispi
L’insolito e l’ardito: le bollicine trevigiane del Prosecco della Cantina produttori della Valdobbiadene ed il gusto pieno e delicato della Mozzarella di Bufala Campana Dop.
Vincenzo Oliviero, direttore del Consorzio Tutela Mozzarella di Bufala Campana Dop, ha chiarito l’equivoco generatosi tra esperti nei giorni scorsi, che aveva provocato il lancio preventivo di strali contro questo matrimonio.
”E’ un abbinamento insolito ed ardito – ha detto Oliviero, che sottolinea – ma nel complesso gradevole: il Prosecco esalta il gusto pieno della Mozzarella Dop, soprattutto ne sottolinea la valenza di “formaggio da meditazione” e la apre ad un nuovo posto in tavola: l’aperitivo, ma anche lo spuntino nel wine bar.”
Ancora, per Oliviero:”In questo modo è possibile degustare la Mozzarella Dop in un contesto informale e forse proprio per questo di ancor maggior presa su un consumatore sempre più esigente”
Ancora sulle dispute dei giorni scorsi:” Per anni enologi e sommelier si sono consumati in una defatigante ed insoluta querelle – ricorda Oliviero – indecisi se abbinare la Mozzarella di Bufala Campana con la Falanghina o con l’Asprinio di Aversa”
Oliviero sottolinea: “l’Asprinio intanto è un abbinamento tradizionale, ma da antipasto: prosciutto e Mozzarella di Bufala Campana Dop. E l’Asprinio è un vino molto secco, unico, che, come è stato detto da chi ne sa “o si ama o si odia.”
“Quanto alla Falangina – afferma Oliviero – ci troviamo di fronte ad un ottimo vino monovitigno, ma della più varia provenienza ed inclinazione: dai Campi Flegrei al Taburno, passando per il bianco del Falerno del Massico (zone Doc), dal Beneventano, all’Irpinia (zone Igt) ognuno con le sue caratteristiche, al punto da rendere forse difficile l’individuazione di un’appropriata bottiglia.”.
Oliviero infine chiosa:” In verità tutti questi vini si sposano bene con la Mozzarella, ma in un contesto di antipasto, secondo piatto o fine pranzo; solo il Prosecco, invece – sposta la mozzarella “oltre” questo contesto, verso l’aperitivo o il convivio informale, purché non sia fast – food”.
13 marzo 2005 – IL PROSECCO A NAPOLI: UN VINO DI SUCCESSO PER SEDURRE IL SUD
Realtà leader del Prosecco, la Cantina Produttori di Valdobbiadene sbarca a Napoli per promuovere i suoi prodotti di punta. L’evento si preannuncia di grande richiamo, per l’abbinamento delle mitiche bollicine trevigiane con due prodotti della tradizione partenopea altrettanto mitici: la pizza e la mozzarella di bufala.
Dopo aver operato investimenti per più di 6 milioni di euro in nuove infrastrutture per rendersi ancora più competitiva e agguerrita sul mercato, la Cantina Produttori di Valdobbiadene investe ora anche nella comunicazione e promozione dei suoi prodotti per attrarre un consumatore sempre più esigente e sofisticato, contando sulla propria notevole forza distributiva.
Tappa d’esordio Napoli ritenuto strategico per gli spazi già aperti da un vino che piace sempre di più e non conosce crisi. Lunedì 14 marzo a Palazzo Crispi dalle ore 16.00 alle ore 20.00 il Prosecco di Valdobbiadene sarà il protagonista di un Wine Tasting al quale sono invitati giornalisti, ristoratori, gestori di pizzerie, enoteche e wine bars, sommelier e amanti delle bollicine provenienti da tutta la Campania.
Un nome di successo, una personalità accattivante, una grande capacità di seduzione: il Prosecco ha tutte le caratteristiche per attrarre nuove fasce di mercato, dopo aver già conquistato milioni di consumatori italiani e stranieri con la sua fragranza e i suoi profumi fruttati, e per una versatilità che facilita l’accostamento con piatti semplici, leggeri e di grande modernità.
Nell’evento, le fragranti bollicine della Cantina Produttori di Valdobbiadene avranno come partner la Mozzarella di Bufala Campana Dop.
Questo matrimonio di sapori veneto-napoletano sarà approfondito dalle ore 17.00 alle 18.00 e dalle 19.00 alle 20.00 in un seminario-degustazione, organizzato con la collaborazione del Consorzio Tutela Mozzarella di Bufala Campana Dop e dell’Associazione Italiana Sommeliers. Il giornalista del “Mattino” Luciano Pignataro avrà il compito di spiegare le “affinità elettive” tra questi prodotti di grande successo e dalle caratteristiche uniche, emblemi dell’eccellenza italiana. Interverrà il Direttore della Cantina Sig. Aldo Franchi e il Direttore del Consorzio Mozzarella di Bufala Campana Dop Sig. Vincenzo Oliviero.
La mozzarella di bufala campana sarà proposta in abbinamento agli spumanti metodo Charmat del marchio “Val d’Oca”: il “cru” Prosecco Superiore di Cartizze, un vino esclusivo prodotto in un’area vitata molto ridotta e particolarmente pregiata, il Prosecco di Valdobbiadene Millesimato, ottenuto in purezza varietale e in assoluto rispetto dell’annata di produzione, il Prosecco di Valdobbiadene Brut, la versione più secca e dai profumi fragranti, e il Prosecco “Colfondo”, un vino non filtrato, che riposa sui suoi lieviti naturali anche in bottiglia mantenendo così la sua genuinità e sviluppando al massimo le sue caratteristiche organolettiche con sapori e aromi ancora più intensi.
Prosecco e mozzarella di bufala campana: l’evento di Napoli promosso dalla Cantina Produttori di Valdobbiadene si prospetta come un incontro tra veri fuoriclasse del gusto e un gemellaggio tra due territori meravigliosi dove la cultura del vino, del cibo e dell’accoglienza ha nobili e antiche tradizioni.


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.