Mimmo Pelagalli: 7 ottobre 2005
Il Consorzio a Colonia per l’Anuga
Dall’8 al 12 ottobre il Consorzio Tutela Mozzarella di Bufala Campana Dop sarà presente all’Anuga di Colonia, che con i suoi mille espositori e 200mila visitatori attesi è la più importante fiera dell’agroalimentare d’Europa.
“Anche perché – sottolinea Vincenzo Oliviero, direttore di Consorzio tutela – si tratta di visitatori tutti qualificati, dagli operatori della ristorazione fino ai grandi gruppi di acquisto che operano nella grande distribuzione.”
Il Consorzio sarà è inserito nell’ambito del settore lattiero caseario insieme ad altri Consorzi tutela dalla Afidop (Associazione formaggi italiani a denominazione di origine protetta).
La Germania è un paese importante per la Mozzarella di Bufala Campana: nel 2004 con 907,16 tonnellate di prodotto importato, i tedeschi hanno rappresentato il secondo mercato estero per destinazione, con una quota sul totale dell’export di ben il 18, 76%.
“La presenza in Germania serve per capire come si sta evolvendo un mercato che ha una base etnica – spiega Oliviero – e dove l’interesse per il prodotto italiano in genere e per al mozzarella di bufala campana in particolare sta acquisendo una nuova consapevolezza tra i consumatori, che ormai, lo ricordiamo, non sono più certo solo i i cittadini tedeschi di origine italiana.”
Un mercato, quello della germania, che è anche il barometro per l’evoluzione dei consumi sulla fascia occidentale del continente europeo: “In tempi di non esaltanti performance dell’economia europea è una tappa d’obbligo – conclude Oliviero.

2) Consorzio Tutela collabora al Master in Scienze Gastronomiche di Slow Food Campania
Dal 3 al 7 Ottobre Slow Food Campania porterà nelle più rilevanti miniere gastronomiche campane venticinque studenti del Master in Scienze Gastronomiche e Prodotti di Qualità, dell’Università di Scienze Gastronomiche.
Gli studenti di provenienza internazionale ( Finlandia, Giappone, Messico, Svizzera, oltre che Italia) sono dei professionisti affermati nel management aziendale e nella comunicazione eno-gastronomica.
Il carnet delle visite previste in Campania si svilupperà all’insegna della scoperta della Mozzarella di Bufala Campana Dop e di alcuni Presìdi Slow della Regione Campania: pomodorino al piennolo, Albicocca Vesuviana, Bovina Agerolese, Provolone del Monaco, Pomodoro di San Marzano e la Pasta di Gragnano.
Teatro attivo delle visite il Consorzio Tutela Mozzarella di Bufala Campana Dop. Nella giornata del 5 ottobre, in mattinata, gli studenti saranno introdotti al mondo della Mozzarella Dop dal Direttore del Consorzio, Vincenzo Oliviero e del responsabile del reparto promozione Gennaro Testa.
Più tardi, gli studenti saranno condotti in un caseificio, dove sarà visibile la lavorazione della Mozzarella di Bufala Campana: una visita tecnica guidata dal Consorzio.
Nel pomeriggio gli studenti potranno conoscere da vicino un allevamento bufalino, non senza aver prima assaggiato e degustato i prodotti di bufala.
L’intento di Slow Food Campania – condiviso dal Consorzio Tutela – è quello di avviare nel nostro territorio un Centro Didattico Mediterraneo a carattere eno-gastronomico, grazie al contributo delle aziende. Con un obiettivo preciso: lasciare nella memoria e nel gusto dei partecipanti il territorio, i prodotti, le tradizioni gastronomiche, il vasto patrimonio artistico – ambientale, ma soprattutto l’unicità e la qualità dei nostri beni gastronomici.
“Tale iniziativa ha tutto il nostro appoggio – spiega Francesco Serra, presidente del Consorzio Tutela – poiché è un ottimo volano per il nostro prodotto.”


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.