Mary Attento: Problematiche Ambientali della Provincia di Caserta
Sinergie e Strategie a tutela della Salute
Ordine dei Medici di Caserta
sabato 10 dicembre 2005

Ottima riuscita del convegno organizzato sabato scorso all’Ordine dei Medici di Caserta dalla sezione provinciale dei Medici per l’ambiente con l’intento di stimolare l’impegno di cittadini e istituzioni per la salvaguardia del territorio in cui si vive. Ospite d’onore il presidente nazionale dell’Associazione affiliata all’ISDE (International Society of Doctors for the Environment), Roberto Romizi, su invito del presidente della sezione provinciale Gaetano Rivezzi.
Dopo la relazione introduttiva di quest’ultimo sul momento critico che vive la nostra provincia in tema di Ambiente e Salute, Romizi ha illustrato il progetto di rete delle Città Sane ed il modello dei Piani Integrati di Salute in ambito provinciale e regionale in cui l’associazione Medici per l’Ambiente, essendo interdisciplinare, ha avuto un ruolo di coordinamento e di stimolo soprattutto nel realizzare progetti con i servizi di prevenzione ed epidemiologici delle Aassll, con le Arpa e con le principali associazioni ambientaliste.
Consistente e qualificata la platea degli intervenuti. Tra i presenti, non solo medici ma anche rappresentanti della società civile, delle associazioni, di enti e istituzioni, di organizzazioni sindacali e di agricoltori; alcuni sindaci e amministratori comunali, veterinari di vari distretti, ecc.
“Ci troveremo in una situazione sempre più drammatica, se il governo regionale non aumenta le dotazioni e gli stanziamenti a favore dell’Arpac – ha tuonato il presidente della Provincia di Caserta Sandro de Franciscis – perché solo così istituzioni, Aassll, Medici per l’Ambiente possono lavorare insieme, ricomporsi e raccordarsi in una strategia comune per il territorio”. L’on. de Franciscis ha sottolineato la necessità di dare risposte precise sulle tematiche di salute ambientale, che le lacune strutturali, soprattutto nella funzione del controllo, rendono prioritarie e abbisognevoli di risorse. Alle richieste di far luce sull’aumento di patologie tumorali bisognerà rispondere con dati epidemiologici precisi e capillari, che un serio Registro dei Tumori provinciale, riunendo le due Aassll e l’Azienda Ospedaliera di Caserta, potrà dare. La volontà di collaborazione di tutti si è manifestata in maniera evidente ed alcuni progetti e ricerche medico-scientifici potrebbero ben presto realizzarsi.
Alle “Problematiche Ambientali della Provincia di Caserta: Sinergie e strategie a tutela della Salute” – questo il titolo dell’incontro – hanno partecipato, tra gli altri, il presidente della sezione di Napoli di Medici per l’Ambiente Salvatore Marotta, il vicepresidente della sezione di Caserta Pietro Carideo, il rappresentante dell’Ordine dei Medici di Caserta nel direttivo dell’Associazione Ottavio Cennamo, l’assessore provinciale Maria Carmela Caiola, il dirigente ARPAC Delle Femmine, il direttore regionale di Legambiente Anna Savarese con il referente casertano Leopoldo Coleti, il direttore del Bosco di San Silvestro Oasi WWF Francesco Paolella, il presidente della sezione provinciale della Lega Tumori Enzo Battarra, il direttore sanitario Asl CE 1 Gennaro D’Auria, il direttore amministrativo Azienda ospedaliera di Caserta Domenico Ovaiolo, il direttore del Distretto 26 dell’Asl CE1 Antonella Guida, la rappresentante dell’Asl CE1 Francesca D’Antonio e dell’Asl CE 2 Bonavolontà, l’ing. Mauro Mastroianni, la rappresentante del Comitato civico Acqua Mena Moretta, Carlo Ferrara del Servizio veterinario Asl Ce1.
INFO: resp Comunicazione: dott.ssa MARY ATTENTO m.atten@tin.it 340.7676184
Associazione Italiana Medici per l’Ambiente, via della Fioraia n. 17/19 – 52100 Arezzo
tel. 0575.22256 – fax 0575.28676 isde@ats.it – www.isde.it
Sezione provinciale di Caserta: presidente dr. GAETANO RIVEZZI (nella foto) garivezzi@tin.it 330.505548


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.