Mary Attento: Il 25 a Caserta conferenza stampa e “Giornata internazionale del Medico per l’Ambiente”.
MEDICI per l’AMBIENTE è stata presentata oggi, 24 novembre, presso la sede dell’Ordine dei Medici di Caserta.
Caserta, 24 novembre 2004 – La neo-costituita sezione provinciale dell’Associazione internazionale ISDE (International Society of Doctors for the Environment) – protesa a sottolineare il ruolo del medico nella promozione delle norme di tutela ambientale per la salvaguardia della salute – ha come referente Gaetano Rivezzi, pediatra dell’A.O. “San Sebastiano” di Caserta.
“In occasione della ‘Giornata internazionale del Medico per l’Ambiente’, che si celebra il 25 novembre, ho ritenuto opportuno dare notizia dell’attività dell’Associazione – ha detto Rivezzi – per manifestare gli obiettivi che perseguiamo e per esporre le iniziative che si stanno intraprendendo nella provincia di Caserta. La società ha sempre chiesto alla medicina di curare le malattie ma oggi, più che mai, vuole anche una salute migliore ed un’aspettativa di vita più lunga. Nel mondo sanitario c’è una bassa percezione cognitiva delle problematiche di salute legate al degrado ambientale, per cui è necessario che i medici prediligano le strategie di prevenzione poiché molte patologie di tipo degenerativo-neoplastico dipendono in larga parte dai fattori ambientali e dagli stili di vita scorretti”.
Tra gli obiettivi prioritari che questa associazione si prefigge a livello locale c’è quello di promuovere l’impegno dei medici e pediatri di famiglia per sensibilizzarli alle problematiche ambientali e sanitarie della realtà territoriale; svolgere un ruolo di unione tra ricerca scientifica e società civile, stimolando una ricerca epidemiologica territoriale nella provincia di Caserta alla luce di un gravissimo inquinamento ambientale da rifiuti tossici smaltiti illegalmente.
Di quest’ultimo progetto ha parlato Pietro Carideo, anestesista e responsabile della Nutrizione Artificiale del nosocomio casertano: “Occorre attivarsi per l’istituzione di un registro tumori completo, che attualmente non esiste, come non esistono dati epidemiologici validi a livello locale, e impegnarsi per una collaborazione attiva e fattiva con i servizi di prevenzione dell’Asl CE1 e Asl CE 2”.
È in corso, intanto, un’indagine epidemiologica spontanea, avviata dai medici di base dei Comuni di Macerata, Portico e Recale e promossa dai Medici per l’Ambiente, sulle patologie neoplastiche del territorio.
Alla conferenza stampa hanno preso parte, oltre al presidente dell’Ordine dei Medici di Caserta, Franco Mascia, altri componenti dell’Associazione, tra i quali l’anatomo-patologa Carmela Buonomo, gli oncologi Luigi De Lucia e Gino Leo, i medici di base Luciana Piccirillo, Angelo Ciuffi, Pasquale Pisano e Walter Pacelli, il chirurgo dell’ASL CE 2 Renato Ventriglia e l’anestesista-allergologo del presidio ospedaliero di Piedimonte Matese Giuseppe Casino, i quali hanno sottolineato l’importanza di riflettere e confrontarsi sulle problematiche socio-sanitario-ambientali e sulle malattie che possono derivare dall’inquinamento e dalla mancata conoscenza delle norme di tutela ambientale.
INFO: ufficio stampa: dott.ssa MARY ATTENTO m.atten@tin.it 340.7676184

Associazione Medici per l’Ambiente ISDE Italia *affiliata all’ISDE – International Society of Doctors for the Environment *sezione provinciale di Caserta*
INVITO CONFERENZA STAMPA
Caserta, 22 novembre 2004*Mercoledì 25 novembre* alle *ore 12:00*, presso la sede dell’*Ordine
dei Medici di Caserta* (via Bramante, p.co Gabriella, lotto B), si terrà la conferenza stampa di presentazione della neocostituita associazione *Medici per l’Ambiente*. Sarà un’occasione per manifestare gli obiettivi del sodalizio ed esporre le iniziative che si stanno intraprendendo nella provincia di Caserta, al fine di porre le basi per la definizione e l’avvio di progetti operativi, incentrati sul rapporto ambiente-salute nelle città.Alla conferenza stampa – che precede la “Giornata internazionale del Medico per l’Ambiente” che si celebra il 25 novembre – prenderanno
parte, oltre al presidente dell’Ordine dei Medici di Caserta, *Franco Mascia*, il referente della sezione provinciale di Medici per l’Ambiente *Gaetano Rivezzi *(pediatra al “San Sebastiano” di Caserta), e i componenti *Pietro Carideo *(anestesista e responsabile della Nutrizione Artificiale del nosocomio casertano), *Gino Leo* (oncologo della casa di cura “San Michele” di Maddaloni), *Luciana Piccirillo* (medico di base del Comune di Macerata Campania).
*info: */ufficio stampa/: dott.ssa Mary Attento m.atten@tin.it
340.7676184
NOTA
È allarme salute nel Casertano. Il timore che ci sia stato inquinamento da diossina nella località Frascale di Capua, in seguito allo spaventoso incendio che ha interessato il sito di stoccaggio di ecoballe che sorge proprio al centro di una zona ricca di aziende agricole e zootecniche, ha allertato i MEDICI per l’AMBIENTE di Caserta. La neo-costituita sezione provinciale dell’Associazione internazionale ISDE (International Society of Doctors for the Environment), protesa a sottolineare il ruolo del medico nella promozione delle norme di tutela ambientale per la salvaguardia della salute, sollecita un’approfondita valutazione sanitaria e ambientale sia sulla località Frascale di Capua, sede di numerose aziende rurali e di allevamento, sia sulla produzione alimentare conseguente.
“Con l’episodio dell’incendio delle ecoballe di Frascale si scopre come possono essere pericolosi per la salute avvenimenti connessi al problema rifiuti, affrontato negli ultimi anni in maniera superficiale in Campania e soprattutto nella provincia di Caserta”, spiega il dr. Gaetano Rivezzi, referente della sezione di Caserta di Medici per l’Ambiente, auspicando che le analisi della diossina e degli altri componenti chimici, che si liberano con la termodistruzione soprattutto della plastica, vengano allargate a tutti gli ortaggi a foglia larga, alla frutta e soprattutto al controllo del latte prodotto dal bestiame, anche a distanza di 7-10 giorni dall’incendio. “È importante – continua Rivezzi – che i dati che l’ARPAC fornirà, speriamo in breve tempo, vengano discussi con esperti del settore e con rappresentanti dei consumatori, presentando quella trasparenza di informazioni utili al mondo medico che, non dimentichiamolo, è il primo difensore della salute dei cittadini”.
“È doveroso, oltre che urgente, contribuire alla promozione di corrette scelte politiche di gestione, per una migliore qualità di vita e per il superamento delle problematiche socio-sanitario-ambientali delle città”, incalza il dr. Pietro Carideo, altro componente dell’Associazione, che ha l’obiettivo di stimolare una ricerca epidemiologica territoriale con i singoli Comuni del Casertano, alla luce di un allarme relativo agli effetti di un gravissimo inquinamento ambientale da rifiuti tossici smaltiti illegalmente, e di attivarsi per l’istituzione di un registro tumori completo che attualmente non esiste.
Il 25 novembre, nella ricorrenza della costituzione dell’Associazione avvenuta nel 1990, si svolgerà la “Giornata internazionale del Medico per l’Ambiente”. Sarà un’occasione per ribadire gli obiettivi dell’Associazione ed esporre le iniziative che si stanno intraprendendo nella provincia di Caserta, al fine di porre le basi per la definizione e l’avvio di progetti operativi, incentrati sul rapporto ambiente-salute nelle città.
INFO:
ufficio stampa: dott.ssa MARY ATTENTO m.atten@tin.it 340.7676194
Continua mercoledì 24 novembre, con inizio alle ore 16.00, il ciclo di conferenze e seminari di aggiornamento per i docenti dedicati alla “Storia di genere ed insegnamento della storia”, organizzati dal Centro Studi “Francesco Daniele” in collaborazione con l’ICSR “Vera Lombardi”. Nella sala della Biblioteca di via Renella n. 58 a Caserta si terrà l’incontro con Emilia Taglialatela, del Liceo “Cuoco” di Napoli, che relazionerà su “Le donne e le guerre”, nel cui ambito saranno approfonditi i temi della guerra senza le armi, il ruolo delle donne nel primo e nel secondo conflitto mondiale, le conseguenze delle guerre sulle conquiste dei diritti di cittadinanza ed il rapporto tra storia e memoria, con particolare riferimento alle deportazioni delle donne.
Dopo la lezione introduttiva si svolgeranno le attività seminariali ed un ampio dibattito, al cui coordinamento parteciperà Liliana Vastano del Centro Daniele.
Il corso, che è diretto da Ida Alborino del Liceo Classico “Pietro Giannone”, prevede altri due incontri con gli stessi orari: mercoledì 1° dicembre, con la lezione di Maria Antonietta Selvaggio, del Liceo “Labriola” di Napoli, su “La storia di genere nella prospettiva europea” e giovedì 9 dicembre con un incontro a più voci su “Esperienze didattiche sulla storia di genere”, al quale parteciperanno le proff. Ida Alborino, Adele Cozzella, Marisa Mattiello, Mariella Scaravilli, Liliana Vastano. A conclusione dell’iniziativa, il 9 dicembre, sarà inaugurata la speciale sezione di “Storia di genere” del Centro Studi Daniele, con l’intervento dell’assessora alla Formazione ed alle Politiche sociali della Regione Campania Adriana Buffardi.
ufficio stampa: Mary Attento m.atten@tin.
REGIONE CAMPANIA:
COMUNICATI STAMPA DEL 23 NOVEMBRE 2004
IMPRENDITORIA FEMMINILE: VIA LIBERA AGLI INVESTIMENTI. DOMANI CONSEGNA DEGLI ATTI DI CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRENDITRICI DEL V BANDO DELLA LEGGE 215/92
Domani, mercoledì 24 novembre, alle ore 10.00, presso Città della Scienza, via Coroglio, 57, avrà luogo la consegna degli atti di concessione delle agevolazioni alle 830 imprenditrici del V Bando della Legge 215/92.
L’Atto di concessione delle agevolazioni sarà consegnato alla presenza degli assessori per le Pari Opportunità e alle Attività Produttive della Regione Campania, Maria Fortuna Incostante e Gianfranco Alois.
Nel corso dell’incontro, alle imprenditrici sarà consegnata anche una Guida alla realizzazione dell’investimento, un vademecum che guiderà l’imprenditrice verso la corretta gestione del contributo e la aiuterà a sciogliere dubbi e perplessità relativi all’applicazione e interpretazione della normativa.
La stampa è invitata a partecipare.
L’ASSESSORE TUFANO IN VISITA AI QUATTRO BAMBINI OPRRATI AL MONADI.
Stamani, alle ore 10, l’Assessore alla Sanità, Rosalba Tufano, si è recata nella Divisione di cardiochirurgia pediatrica della Seconda Università degli studi di Napoli – Ospedale Vincenzo Monaldi di Napoli – per incontrare e portare il suo saluto ai bimbi iracheni operati al cuore nella Unità operativa, del nosocomio napoletano, retta dal professore Carlo Vosa.
Dall’aprile 2004 ad oggi, nel reparto sono stati ricoverati dieci piccoli pazienti affetti da patologie cardiache che necessitavano di terapia chirurgica. Quattro di questi bambini – due maschietti di 11 e di 5 anno e due bambine di 12 e di 14 mesi ricoverato lo scorso 30 ottobre – sono stati operati per cardiopatie complesse quali la Tetralogia di Fallot, ventricolo destro a doppia uscita ed anomalia di Ebstein, una grave malformazione della valvola atrio-ventricolare destra.
La piccola paziente, operata per l’anomalia di Ebstein, non partirà con gli altri tre che prenderanno l’aereo a Roma giovedì prossimo per il rientro in patria. Le sue condizioni infatti richiedono un prolungamento del ricovero necessario per essere sottoposta ad ulteriori controlli. Gli interventi di cardiochirurgia che hanno risolto le gravi patologie dalle quali erano affetti questi bambini sono stati resi possibile in virtù del progetto Medevac, nato da una stretta collaborazione fra il Ministero degli Esteri, la Croce rossa italiana ed al coordinamento interregionale per i Rapporti sanitari internazionali per scopi umanitari al quale la Regione Campania, attraverso l’Assessorato alla Sanità, ha immediatamente aderito con grande entusiasmo.
«Non ci sono parole per descrivere l’emozione che si prova – questo il sintetico commento dell’Assessore Tufano – nel guardare negli occhi questi bambini riconsegnati ad una vita normale dall’abilità e dall’ottima organizzazione dei nostri specialisti. Si tratta, senza ombra di dubbio, di iniziative umanitarie che devono essere vieppiù potenziate. Napoli, e mi pare giusto sottolinearlo, non è solo la terra della camorra e della morte».
IL MAXICONCORSO NELLA RETE. LA REGIONE CAMPANIA CRESCE IN TRASPARENZA. PRESENTATI I RISULTATI STATISTICI DELL’ACCESSO AL PORTALE E DEI CONTATTI CON L’URP.
Oggi in Sala Giunta gli Assessori Maria Fortuna Incostante e Luigi Nicolais hanno presentato le modalità innovative di gestione del maxiconcorso, fornendo i significati dati statistici del concorso dei grandi numeri che ha espresso cifre importanti anche per quanto riguarda l’utilizzo del portale e dei contatti diretti attraverso l’ufficio URP.
A fronte di 316 posti, di 200 mila domande, e di oltre 70 mila candidati, dal primo ottobre al 18 novembre, il numero totale dei visitatori del Portale è stato di 579.377, con una media giornaliera di 11.824 (ovvero circa 500 visitatori all’ora) e con 354.720 accessi medi su base mensile.
Alla sezione specificamente dedicata allo svolgimento dei concorsi indetti dalla Giunta Regionale si sono registrati 190.219 accessi nel periodo in esame (con una media giornaliera di 3.882) cifre che riflettono le frequenti visite dei concorrenti che, di volta in volta, hanno trovato informazioni sul calendario delle sedute d’esame, sulle modalità di prelievo da Internet dei file costituenti le banche dati per le preselezioni, sul piano degli spostamenti urbani (approntato per evitare problemi d’ordine pubblico), sulla possibilità di verificare online la presenza di ciascuno dei 72.535 candidati effettivi negli elenchi dell’Amministrazione e, infine, sulla pubblicazione dei risultati delle prove entro poche ore dalla loro conclusione. Anche in questo caso, l’utilizzo del Web ha supportato l’Amministrazione nell’adempimento dei doveri di trasparenza, efficienza ed economicità della sua azione, nel contesto di una procedura particolarmente complessa quale è la gestione di un concorso pubblico (dato confermato dal download di oltre un milione di documenti dal portale regionale).
Messo in rete nel Febbraio 2004 il portale (www.regione.campania.it ) da subito si è rivelato strumento potente ed efficace per architettura, scelte tecnologiche, livello di innovazione.
Significativi anche i risultati ottenuti dall’Ufficio per le Relazioni con Il Pubblico, diventato in breve il luogo attraverso cui la regione ha cominciato non solo a parlare ai suoi pubblici direttamente imparando ad ascoltarli per migliorare l’organizzazione ed erogazione dei servizi. In 20 mesi di attività l’Urp ha gestito circa 26mila contatti fornendo risposte sulle tematiche di maggior interesse per la popolazione,
«I dati statistici di questi ultimi giorni – ha sottolineato l’assessore al personale Maria Fortuna Incostante – confermano quanto la comunicazione e l’informazione sia diventata essenziale e strategica alla vita dell’amministrazione e quanto sia vigile, puntuale e attenta la partecipazione dei cittadini. Un risultato raggiunto grazie a massicci investimenti nelle infrastrutture e al reclutamento di risorse umane specializzate e dai profili professionali innovativi, che collocano la Regione Campania in posizione di avanguardia nello sviluppo del governo elettronico in Italia.»

«Le nuove tecnologie – ha dichiarato l’Assessore all’innovazione tecnologica Luigi Nicolais “ sono uno strumento a disposizione della collettività per crescere e rafforzare la partecipazione alla vita civile e sociale. Con il portale e gli applicativi realizzati e sperimentati in Campania prima che in altre regioni dal protocollo alla firma digitale abbiamo costruito insieme, istituzione e cittadini, un’amministrazione moderna, aperta, trasparente e comprensibile. Passaggi importanti che hanno reso più competitivo e virtuoso non solo l’ente, ma l’intero territorio regionale.»

PROGRAMMA REGIONALE PER LA COOPERAZIONE – OGGI CONFERENZA STAMPA.
Si è svolta oggi, presso l’assessorato alle Attività Produttive della Regione Campania, una conferenza stampa con le associazioni delle Cooperative in occasione della pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione Campania, numero 57 del 22 novembre, del bando relativo al Programma regionale per lo Sviluppo della Cooperazione promosso dall’assessore alle Attività Produttive , Gianfranco Alois.
All’incontro hanno partecipato Rosario Altieri, presidente dell’Agci Campania; Guido Civitillo, Presidente Confcooperative Campania; Sergio D’Angelo, Presidente Lega Coop Campania; Carmen Trepiccione, Delegata Unci Campania e l’Assessore Gianfranco Alois. Nel corso dell’incontro sono state illustrate le caratteristiche del nuovo strumento di sostegno. I rappresentanti delle associazioni delle cooperative hanno sottolineato l’importanza del Programma regionale rivolto a valorizzare il comparto e a stimolare l’occupazione.
Per la prima volta, infatti, si attiva un intervento di sostegno a favore delle nuove cooperative in Campania. In particolare il Programma regionale ha come obiettivo favorire la diffusione della cooperazione di produzione-lavoro e sociale nella regione, contribuire ad accrescere la base produttiva e incrementare l’occupazione sul territorio. A favore del nuovo strumento vengono messi a disposizione 8 milioni di euro per gli anni 2004/2005/2006. Sono ammessi ai finanziamenti i progetti di creazione e sviluppo presentati da nuove cooperative di produzione –lavoro e sociali.

Il primo giorno utile per la presentazione delle domande è il 22 dicembre 2004. Il Bando resterà aperto per i 60 giorni consecutivi alla data di apertura.

Il Programma prevede due modalità di agevolazione:
1) aiuti agli investimenti, per la concessione di agevolazioni agli investimenti iniziali delle nuove cooperative;
2) aiuti alla gestione, relativi alla concessione di agevolazioni per le spese di gestione sostenute nei primi tre anni di attività delle cooperative.

Un aspetto qualificante del Programma Regionale riguarda la valutazione dei progetti, effettuata sulla base della partecipazione al capitale della cooperativa di soggetti esterni di elevato profilo ed affidabilità, che rappresentano una garanzia della qualità dell’iniziativa imprenditoriale.
E’ infatti previsto il coinvolgimento di questi soggetti:

a) un promotore – ovvero una cooperativa o consorzio di cooperative con esperienza quinquennale nel settore – che ha il compito di promuovere il progetto e svolgere funzioni di tutoraggio nella fase di avvio dell’iniziativa. La partecipazione del promotore è un requisito di ammissibilità dell’iniziativa.
b) Il Fondo per lo Sviluppo e la Cooperazione, banche o altri intermediari finanziari che interverranno in qualità di soci sovventori.
c) Eventuali partner rappresentati da enti pubblici o privati in grado di apportare specifiche risorse e competenze.

“Attiviamo un nuovo e importante strumento di sostegno per la cooperazione in Campania – ha affermato l’assessore regionale Gianfranco Alois – programmando in maniera sistematica le risorse da destinare a favore di tale intervento. Per la prima volta si attiva in Campania uno strumento rivolto esclusivamente alle cooperative che rappresentano una significativa realtà economica sul territorio. L’obiettivo è favorire la crescita e il consolidamento di nuova imprenditorialità, investimenti e occupazione sul territorio e in questo importante ambito produttivo. “
GRUPPO 3M CASERTA – INCONTRO IN REGIONE ALL’ASSESSORATO DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE.
Si è svolta oggi presso l’assessorato regionale alle Attività Produttive un incontro per fare il punto sulla situazione dello stabilimento di San Marco Evangelista, in provincia di Caserta, del gruppo 3M.
Nel corso della riunione, cui hanno partecipato i dirigenti della 3M, le rappresentanze sindacali e l’assessore Gianfranco Alois, si è discusso della necessità di garantire il futuro dei lavoratori e la struttura casertana, che rappresenta una fetta significativa dell’economia e del territorio locale. In particolare l’Assessore Alois ha sottolineato, anche alla luce dell’incontro che si svolgerà domani presso il Ministero, l’opportunità che la azienda proponga in tempi brevi un piano di rilancio dello stabilimento di San Marco Evangelista, che tuteli i livelli occupazionali e valorizzi soprattutto le alte professionalità impegnate nell’azienda.
Si è inoltre evidenziata l’importanza che anche il Governo centrale intervenga nella vicenda. L’assessore ha rilevato la necessità che assieme ai sindacati, università, imprenditori, istituzioni e associazioni di categoria si elabori una proposta operativa che riguardi i settori che attualmente attraversano una fase di difficoltà economica, coinvolgendo il Governo per favorire la partecipazione e l’impegno anche di Sviluppo Italia.

COMUNICATI STAMPA DEL 22 NOVEMBRE 2004
APPROVATO ATTO DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DELLE AREE DEI PIANI DI INSEDIAMENTO PRODUTTIVO.
La Regione Campania, su proposta dell’assessore alle Attività Produttive, Gianfranco Alois, ha approvato l’atto di indirizzo per la gestione delle aree comunali interessate dai Pip (Piani di Insediamento Produttivi) acquisite ed urbanizzate con il concorso di contributi o finanziamenti regionali.
L’ atto approvato individua i diversi aspetti legati alla gestione della aree, tra cui le modalità e i soggetti che possono concorrere all’assegnazione di lotti nelle aree Pip, i criteri di priorità per l’assegnazione delle aree, la destinazione dei corrispettivi derivanti dalla cessione di suoli, l’ambito di applicazione delle disposizioni in materia.
“L’offerta di aree attrezzate rappresenta un importante fattore per attrarre investimenti, promuovere l’ampliamento e la realizzazione di attività economiche sul territorio – ha affermato l’assessore Gianfranco Alois – e l’atto approvato rappresenta un utile strumento per la gestione delle aree interessate dai Pip e da interventi rivolti a riqualificare e migliorare l’attrattività produttiva di determinate zone del nostro territorio”
DOMANI DUE CONFERENZA STAMPA IN REGIONE.
Si svolgeranno domani 23 novembre 2004 due conferenze stampa:-
● La prima, alle ore 11,00 presso la Sala Giunta di Palazzo Santa Lucia, sarà tenuta dagli assessori Maria Fortuna Incostante e Luigi Nicolais e avrà per tema: “Il maxiconcorso nella rete-La Regione Campania cresce in trasparenza.” Nel corso della conferenza saranno illustrate alcuni primi dati, connessi anche all’utilizzo del Portale regionale, relativi al concorso per funzionari e impiegati.
● La seconda alle ore 12,30 – presso l’assessorato alle Attività Produttive della Regione Campania, al Centro Direzionale, Isola A6, una conferenza stampa per presentare il nuovo “Programma regionale per lo sviluppo della cooperazione”.
All’incontro prenderanno parte l’assessore regionale alle attività Produttive, Gianfranco Alois e i rappresentanti delle associazioni delle Cooperative.
I GIORNALISTI SONO INVITATI
PUBBLICATI I DECRETI DI FINANZIAMENTO DELLA FILIERA DEI BENI CULTURALI: ASSEGNATI A 102 PICCOLE IMPRESE OLTRE 8 MILIONI DI EURO.
Sono stati pubblicati, oggi, nel Bollettino Ufficiale della Regione Campania 13 decreti con i quali si ammettono a finanziamento 102 imprese della filiera dei beni culturali. Si assegnano, così, 8.168.584,89 euro per sostenere 33 piccole imprese localizzate nei comuni dei Progetti integrati “Grandi Attrattori Culturali” e cioè Napoli, Pompei- Ercolano, Reggia di Caserta, Campi Flegrei, Paestum Velia, Certosa di Padula e 69 ubicate nei comuni dei Progetti integrati “Itinerari Culturali” e cioè Antica Capua, Antica Volcei, Monti Trebulani-Matese, Regio Tratturo di Avellino, Reggio Tratturo di Benevento, Vallo dell’Antico Clanis e Valle dell’Ofanto. Con questi provvedimenti si conclude il primo bando dei tre bandi del programma dell’Assessorato ai Beni culturali teso a sviluppare l’imprenditorialità legata alla valorizzazione e alla diffusione della conoscenza del patrimonio culturale. Si tratta del primo bando attuativo di un programma complessivo che prevede un investimento totale di 111 milioni di euro (Programma operativo regionale 2000-2006 Asse II misura 2.2.) per incentivare coloro che svolgono attività nei settori dell’artigianato tradizionale e del restauro, del commercio culturale, dei servizi turistici, del ristoro e della piccola ricettività turistica per una capienza di massimo 60 posti letto. Il secondo bando è scaduto il 30 settembre scorso, mentre il prossimo 31 dicembre è in scadenza il terzo ed ultimo bando. A tale proposito ricordiamo che possono presentare domanda di agevolazione soltanto le piccole imprese, in forma singola o associata, ivi comprese le imprese artigiane di cui alla Legge 443/1985 e le cooperative sociali di cui alla Legge 381/1991.’
“L’azione di valorizzazione non può essere disgiunta dal potenziamento dei servizi connessi alle esigenze dei visitatori. – ha dichiarato, Marco Di Lello – Nuove imprese nasceranno per offrire maggiori posti letto sia nelle località famose che meno note. Finanziamo 31 nuove strutture ricettive in comuni come Sant’Angelo dei Lombardi, Nola, Avella, Bacoli e quindi dotiamo la regione di circa 1000 nuovi posti letto. Ci saranno anche nuove aziende per promuover l’artigianato culturale e quello legato alle tradizioni storiche della Campania. Questi dati si riferiscono soltanto al primo step di un progetto ampio e per il quale stiamo lavorando per concretizzare l’enorme potenzialità che la filiera dei beni culturali ha per l’economia campana”.
Pubblicato il BURC n. 57 del 22 Novembre 2004
Il B.U.R.C.(Bollettino Ufficiale della Regione Campania) del 22 Novembre 2004, contiene Delibere, Ordinanze del Presidente/Commissario Bassolino, Graduatorie della Regione Campania, Decreti, Provvedimenti amministrativi, Avvisi di gare, Concorsi, di altri Enti Locali territoriali, Province, Aziende Sanitarie, ecc..
Si segnalano,in particolare:
Concorsi
AZIENDA OSPEDALIERA “G. RUMMO” BENEVENTO – Avviso di mobilità Regionale per la copertura di n°1 (UNO) posto di Dirigente Medico Disciplina di Genetica Medica.Concorso pubblico, per titoli ed esami, per la copertura di n. 2 (due) posti di Biologo Dirigente disciplina di Genetica Medica.
AZIENDA OSPEDALIERA “GAETANO RUMMO” DI BENEVENTO – Avviso Pubblico, per soli titoli, per la copertura temporanea di N. 1 posto di Dirigente Medico di Dermatologia, N. 1 posto di Dirigente Medico di Nefrologia, N. 2 posti di Dirigente Medico di Pneumologia, N. 1 posto di Dirigente Medico di Reumatologia, N. 1 posto di Dirigente Medico di Urologia, N. 1 posto di Dirigente Medico di Otorinolaringoiatria, N. 2 posti di Dirigente Biologo di Genetica Medica e N. 1 posto Dirigente Fisico.
AZIENDA OSPEDALIERA “GAETANO RUMMO” BENEVENTO – Avviso pubblico per il conferimento di incarico quinquennale di direttore di struttura complessa disciplina: “Chirurgia d’Urgenza”.Concorso pubblico, per titoli ed esami, per la copertura di N. 1 (uno) posto di Dirigente Medico di Urologia e di N. 1 (uno) posto di Dirigente Medico di Otorinolaringoiatria.
AZIENDA OSPEDALIERA “GAETANO RUMMO” BENEVENTO – Concorso pubblico, per titoli ed esami, per la copertura di n. 9 posti di operatore socio sanitario (Cat Bs) di cui n. 8 posti riservati alla categoria dei lavoratori disabili e n. 1 posto riservato alla categoria dei lavoratori orfani/vedovi.
AZIENDA OSPEDALIERA “D. Cotugno” – Napoli – Concorso Pubblico, per titoli ed esami, per la copertura, a tempo indeterminato, di: n° 1 (uno) posto di Collaboratore Professionale Tecnico (Architetto) Ctg. D.
AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA “FEDERICO II” – Concorso pubblico, per titoli ed esami, per la copertura di n. 10 posti di Dirigente Medico di Anestesia e Rianimazione.
AZIENDA SANITARIA LOCALE NA 5 – Avviso pubblico, per soli titoli, per la formulazione di graduatoria per assunzioni a tempo determinato di Dirigente Medico disciplina “Anestesia e Rianimazione”.
AZIENDA SANITARIA LOCALE “SALERNO 1” – Concorso pubblico, per titoli ed esami, per la copertura di posti del Ruolo Amministrativo.
Avviso
REGIONE CAMPANIA – Avviso pubblico per la realizzazione di interventi di istruzione e formazione permanente legati alle tematiche della “Genitorialità”. Il progetto dovrà pervenire entro e non oltre le ore 13,00 del 30° giorno successivo alla data di pubblicazione del presente Avviso sul Bollettino Ufficiale della Regione Campania.
Bilancio Ragioneria e Tributi
Deliberazione N. 1853 del 15 ottobre 2004
Criteri applicativi D.L. 12.7.2004, n. 168 “(Interventi urgenti per il contenimento della spesa pubblica”) convertito con modificazioni nella Legge 30/7/2004, n. 191.
Istruzione, Educazione, Formazione Professionale –
DECRETO DIRIGENZIALE N. 158 del 16 Novembre 2004
SETTORE ORIENTAMENTO PROF.LE RICERCA, SPERIMENTAZIONE CONSULENZA NELLA F.P. – D.D. n° 137 del 13/10/04: “P.O.R. Campania 2000-2006 – Misura 3.5 – Azione G – Avviso di Evidenza Pubblica – manifestazione di interesse per attività formative rivolte ad operatori sociali impegnati nelle attività di cui ai Piani di Zona Sociali in applicazione della Legge 328/2000”. Riapertura termini.Fino al sette Dicembre 2004.
Graduatoria Concorsi
AZIENDA SANITARIA LOCALE CASERTA 1 – Graduatoria medici specialisti ambulatoriali anno 2004.
RIPARTIZIONE ALLE ASL DEI FONDI INTEGRATIVI RELATIVI ALL’ANNUALITÀ 2002.
La Giunta, su proposta dell’Assessore alla Sanità, Rosalba Tufano, ha dato esecuzione immediata al provvedimento che liquida alle Asl, alle Aziende ospedaliere ed alle Aziende ospedaliere universitarie, i crediti residui del 2002.Il provvedimento fa seguito alla “Ripartizione dei fondi integrativi ottenuti dalla Regione Campania a valere sul Fondo sanitario nazionale, ai sensi dell’accordo Stato-Regioni dell’otto agosto 2001 e delle leggi 405/2001 e 112/202, ed altre disposizioni per il finanziamento corrente del Servizio sanitario regionale”.
Il totale del fondo integrativo 2002 ammontava a 807 milioni di euro, così come deliberato dal Cipe nel novembre dello scorso anno per tutte le regioni che avevano rispettato il cosiddetto patto di stabilità.
Alla Campania, però, che pure e rientrata nel patto di stabilità, il Ministero dell’economia ha erogato solo 486 milioni di euro, trattenendo la restante parte in attesa che la Corte Costituzionale si pronunci sul ricorso presentato dal presidente Bassolino sui risvolti del federalismo fiscale.
«Una motivazione chiaramente pretestuosa quella addotta dal Governo – dichiara l’Assessore Tufano – perché non vi è chi non veda la mancanza assoluta di nesso fra le due cose». «La verità è che noi continuiamo a fare i conti con un finanziamento assolutamente inadeguato rispetto alle reali necessità del sistema assistenziale pubblico. Anche perché, nella distribuzione dei fondi il criterio di riferimento è quello dell’anzianità della popolazione – aggiunge l’Assessore alla sanità – e questo penalizza il Sud ed in particolare la Campania che, invece, è al primo posto nell’indice di natalità. Per non parlare della assoluta necessità che l’Esecutivo si decida a svincolare un fondo ad hoc per i pazienti non autosufficienti e per gli extracomunitari, voci che incidono sulla spesa sanitaria regionale ma senza nessun corrispettivo da parte del Governo».


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.