Luisa Maradei: dal 14 al 16 aprile alla Mostra d’Oltremare di Napoli c’è Energymed 2005 – Mostra convegno sulle fonti rinnovabili e l’efficienza energetica.
EnergyMed2005, la prima fiera dedicata all’energia nel Sud Italia e nel Mediterraneo, che si terrà dal 14 al 16 aprile presso la Mostra d’Oltremare, è promossa dall’assessore all’Ambiente del Comune di Napoli, Casimiro Monti, dall’assessore alle Attività produttive della Regione Campania, Gianfranco Alois, dall’assessore all’Energia della Provincia di Napoli, Giacinto Russo, dall’assessore all’Energia della Provincia di Benevento, Rosario Spatafora, insieme alle principali Università campane (Università di Napoli Federico II, Seconda Università di Napoli, Università di Salerno, Università del Sannio) e da importanti operatori nazionali dei settori dell’Energia e della Mobilità Sostenibile (Anm, Arin, Ctp, Enel, Enea, Mostra d’Oltremare, Napoletanagas Clienti, Piaggio, Tirreno Power). Coordinata dall’Anea (Agenzia Napoletana Energia Ambiente), l’iniziativa vanta il patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio, del Ministero delle Attività produttive, dell’Anci, dell’Upi e di altre importanti associazioni. EnergyMed2005 è una tre giorni in cui verranno approfonditi i temi relativi alle fonti rinnovabili e all’efficienza energetica (fotovoltaico, eolico, solare termico, geotermia, riscaldamento, climatizzazione) grazie alla quale sarà possibile conoscere le tecnologie esistenti sul mercato, le applicazioni più innovative e i passi che la ricerca sta compiendo in questi settori.Dal momento che un contributo rilevante ai consumi energetici viene proprio dal settore dei trasporti, una sezione specifica di EnergyMed2005, denominata “MobilityMed”, sarà dedicata interamente alla mobilità sostenibile, in particolare a tutti quei progetti, iniziative e prodotti in grado di ridurre l’inquinamento ed i fenomeni di congestione che hanno ripercussioni anche sullo sviluppo economico. Con EnergyMed2005 la Campania si candida a divenire il baricentro nel Mediterraneo per la promozione delle fonti di energia pulita e del risparmio energetico, in un contesto nazionale ed internazionale in continua evoluzione: tale evento rappresenta un’occasione importante di incontro fra domanda e offerta, un’opportunità unica di visibilità a livello nazionale ed internazionale per i partecipanti, una straordinaria vetrina per le “buone pratiche” di Amministrazioni ed imprese impegnate nel promuovere lo sviluppo sostenibile. EnergyMed2005 prevede anche un ricco programma congressuale: convegni, corsi di formazione e workshops che coinvolgeranno istituzioni, aziende e mondo della ricerca, il cui intervento sarà prezioso per fornire un utile contributo alla costruzione di uno scenario energetico sostenibile, in particolare per il bacino del Mediterraneo. Tra i convegni sono da segnalare il Congresso Nazionale Fire (Federazione Italiana degli Energy Manager), il congresso dell’Eni Gas&Power sul metano da autotrazione ed il Congresso Internazionale organizzato con la Ctp, l’associazione internazionale (Uitp) e la nazionale (Asstra) del trasporto pubblico. Nell’ambito delle iniziative di EnergyMed2005, l’assessorato all’Ambiente del Comune di Napoli prevede l’avvio di un progetto pilota per la concessione di contributi per l’installazione di impianti ad alta efficienza e basso inquinamento quali pannelli solari e caldaie. Il direttore dell’Enea Michele Macaluso spiegache EnergyMed2005 sarà la prima iniziativa a Napoli ad emissioni zero: infatti, insieme all’associazione AzzeroCO2, saranno calcolate le emissioni di anidride carbonica prodotte dalla manifestazione e le stesse verranno annullate attraverso l’investimento in progetti che utilizzano fonti di energia pulita in Italia ed in Sri Lanka.
Provare per credere: Porta il coupon del Denaro e ricevi una lampadina a basso impatto energetico
EnergyMed2005 partecipa alla Settimana della Cultura Scientifica che si terrà presso la Città della Scienza di Napoli dal 15 al 20 marzo (Via Coroglio, 104)
“ENERGYMED2005”
Mostra convegno sulle fonti rinnovabili e
l’efficienza energetica nei Paesi del Mediterraneo
allestirà, infatti, un info point dove ricevere tutte le informazioni inerenti la fiera che si svolgerà dal 14 al 16 aprile negli spazi espositivi della Mostra d’Oltremare.
IL DETTAGLIO
EnergyMed2005, la prima fiera dedicata all’energia nel Sud Italia e nel Mediterraneo, è promossa dalla Regione Campania, dalle Province di Benevento e di Napoli, Comune di Napoli, insieme alle principali Università Campane (Università di Napoli Federico II, Seconda Università di Napoli, Università di Salerno, Università del Sannio) e da importanti operatori nazionali dei settori dell’Energia e della Mobilità Sostenibile (Anm, Arin, Ctp, Enel, Enea, Napoletanagas Clienti, Piaggio, Sprint Campania, Tirreno Power, ecc.). Coordinata dall’Anea (Agenzia napoletana energia ambiente) vanta il patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio, del Ministero delle Attività produttive, dell’Anci e dell’Upi e di altre importanti associazioni.
Una tre giorni per approfondire i temi relativi alle fonti rinnovabili e all’efficienza energetica (fotovoltaico, eolico, solare termico, geotermia, riscaldamento, climatizzazione) e per avere una panoramica sulle tecnologie esistenti sul mercato, sulle applicazioni più innovative e sui passi che la ricerca sta compiendo in questi settori.
Dal momento che un contributo rilevante ai consumi energetici viene proprio dal settore dei trasporti, una sezione specifica della di EnergyMed2005, denominata “MobilityMed”, sarà dedicata interamente alla mobilità sostenibile. Con EnergyMed2005 la Campania si candida a divenire il baricentro nel Mediterraneo per la promozione delle fonti di energia pulita e del risparmio energetico. Tale evento rappresenta un’occasione importante di incontro fra domanda e offerta, un’opportunità unica di visibilità a livello nazionale ed internazionale per i partecipanti, una straordinaria vetrina per le “best practices” di Amministrazioni ed Imprese impegnate nel promuovere lo sviluppo sostenibile.
EnergyMed2005 prevede anche un ricco programma congressuale: convegni, corsi di formazione e workshop, coinvolgeranno istituzioni, aziende e mondo della ricerca che interverranno per dare un utile contributo alla costruzione di uno scenario energetico sostenibile nel bacino del Mediterraneo.
DUEMILA LAMPADE a basso impatto energetico saranno regalate il 14, 15 e 16 aprile prossimo nel corso di EnergyMed2005, la tre giorni dedicata alle fonti rinnovabili e al risparmio energetico organizzata dall’Agenzia Napoletana Energia e Ambiente. Chi porterà il coupon pubblicato oggi sul Denaro (una prossima pubblicazione è prevista per il 2 aprile) riceverà gratuitamente fino ad esaurimento scorta una lampada fluorescente compatta ad alimentazione elettronica che dura 10 volte di più rispetto alla classiche lampade ad incandescenza. Non solo. Le lampade a basso consumo consentono di ottenere un risparmio di elettricità pari all’80 per cento rispetto ai valori attuali. E questo perché cambia completamente il funzionamento. “Una lampada tradizionale è un impianto di riscaldamento piuttosto che di illuminazione – dice Michele Macaluso, direttore dell’Anea – il 95 per cento dell’energia si perde in calore e solo il 5 per cento viene utilizzata per produrre luce”. Una normale lampada da 75 watt, che dura mediamente mille ore, può essere sostituita tranquillamente da una ad alta efficienza di 15 watt che, invece, ha una vita media di 10 mila ore! Il costo leggermente superiore viene ammortizzato in dieci anni con un risparmio che oscilla tra i 120 e i 152 euro. In dieci anni si risparmiano anche 600 chilowattora, per non parlare del risparmio in termini ambientali. Usando lampade a basso consumo si evita di immettere nell’atmosfera 30 chilogrammi all’anno di anidride carbonica, 300 nell’intero ciclo di vita. Innumerevoli i vantaggi per le aziende. Non bisogna dimenticare, infatti, che il Ministero dell’Ambiente con un recente decreto del 20 luglio 2004 incentiva gli interventi di risparmio energetico premiandoli con l’attribuzione di certificati bianchi. I distributori di energia elettrica e di gas (Enel, Napoletanagas e altri) e le Esco (Energy Service Company) sono abilitati dal Ministero delle Attività produttive di concerto con il Ministero dell’Ambiente a ricevere i certificati bianchi. Ogni certificato dura cinque anni e dà diritto a un contributo di 2 mila e 500 euro l’anno.
Ufficio Stampa – email: ufficiostampa@energymed2005.it
Tel: 347 7566876 – 347 3315406 – 333 5903471


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.