Al Grand Hotel Vesuvio di Napoli, la seconda giornata del Congresso Europeo degli Ordini Forensi

Con il tema “La difesa dell’indipendenza professionale degli avvocati contro i poteri forti” si apre il confronto delle 200 toghe europee riunite in città. Il presidente Maurizio de Tilla apre i lavori.

Dopo il prologo di ieri (giovedì 24 maggio) al tribunale di Nola, che ha aperto l’appuntamento internazionale degli Ordini Forensi, i lavori del Congresso Europeo proseguono a Napoli all’Hotel Vesuvio dove è previsto oggi (venerdì 25 maggio) il convegno sul tema: “La difesa dell’indipendenza professionale degli avvocati contro i poteri forti”, con inizio alle ore 9,00. Al congresso, che sarà aperto da Franco Tortorano (presidente Ordine Avvocati di Napoli), Walter Militi (presidente Associazione Italiana Giovani Avvocati) e dallo stesso presidente della F.B.E., avvocato Maurizio de Tilla, parteciperanno diversi relatori italiano e stranieri.

La prima giornata di incontri, dei duecento avvocati che sono arrivati in Campania da oltre 19 Paesi continentali, si è svolta ieri mattina al Tribunale di Nola alla presenza del senatore Tomaso Barbato e del deputato Paolo Russo, del presidente degli Ordini Forensi Europei, Maurizio de Tilla, del presidente dell’Ordine nazionale degli Avvocati, Piero Guido Alpa e dal presidente dell’ordine di Nola Raffaele Barone.

I circa duecento professionisti riuniti in congresso a Napoli, di cui 120 stranieri e 80 italiani, stanno affrontando i temi principali legati alla propria categoria, confrontandosi in particolare sulla legislazione europea, sulla tutela delle figure professionali e sui nuovi orientamenti, ma senza dimenticare gli aspetti legati alla qualità e ancor più l’autonomia del lavoro professionale. Una problematica che non tocca solo gli avvocati della F.B.E. (fédération des barreaux d’Europe), la federazione che riunisce gli ordini forensi del vecchio continente, ma anche magistrati e molte altre categorie professionali.

Il presidente della federazione europea, il civilista napoletano Maurizio de Tilla, indica chiaramente la strada da percorrere: “Gli avvocati Europei sono accomunati nei principi di libertà e di indipendenza che sono oggi messi in pericolo dai “Poteri forti” che, intrecciando economia e politica, finiscono per prevalere ed invadere l’ambito di azione della professione di avvocato. Le professioni sono sotto attacco dei poteri forti che governano la politica e l’economia, quindi, obiettivo prioritario la difesa dell’indipendenza dell’avvocatura. Ho più volte denunciato – prosegue Maurizio de Tilla – che qualsiasi indirizzo legislati­vo rivolto a considerare imprenditore il professionista finirà per sopprimere nella sostanza tutto il settore delle libere professioni, le cui caratteristiche fondamentali risiedono appunto nella natu­ra intellettuale della prestazione legata all’intelligenza, alla pro­fessionalità, alle garanzie etiche e deontologiche”.

Al convegno, interverranno: Jean Francois Arrue (Ord Avv. Lione), Michelina Grillo (presid. Organismo Unitario Avvocatura Italiana), David Morgan (Westminster & Holborn Law Soc. Londra), Michel Benochou (Consiglio Forense francese), Corrado De Martini (vicepres. Unione Internaz. Avvocati), Eugenie Semenjako (pres. Avv. Federazione russa), Jeffrey A.Forrest (Westminster & Holborn Law Soc.- Londra) Jean René Farthouat (Ord. Avv. Parigi), Francisco Real Cuenca (Ord. Avv. Valencia), Fernand Moeykens (Ord. Avv. Brugge-Belgio), Mauro Rubino Sammartano (segretario onorario FBE). Le conclusioni sono affidate a Jaume Alonso Cuevillas (Ord. Avv. Barcellona).

NOTA PER I COLLEGHI
Alle ore 10.30 di venerdì 25 (Hotel Vesuvio) è prevista una conferenza stampa nel corso della quale sarà possibile intervistare il presidente della federazione europea , Maurizio De Tilla, e i delegati dei vari Paesi.

KUHNE & KUHNE uffici stampa
Via A.d’Isernia, 28
80122 NAPOLI – ITALY
tel +39 081.76142 23
fax +39 081.76147 83
mob. Fabrizio Kuhne 335 535 55 00
mob. Diana Kuhne 337 92 90 93
Skype: kuhnepress


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.