La donazione della biblioteca di Luigi Necco al Comune di Bussi sul Tirino (PE)

Una delegazione del Comune di Bussi sul Tirino (PE) ha preso in consegna gli oltre 3000 volumi di proprietà del giornalista Luigi Necco, a seguito della volontà della famiglia di farne apposita donazione al Comune per la conservazione degli stessi presso la Biblioteca comunale. Si tratta di una copiosa raccolta di volumi di grandissimo valore socio-culturale che riguardano, in particolare, tematiche di archeologia e storia universale, insieme a testi che raccontano da varie angolazioni i personaggi , le leggende ed i luoghi più importanti della città di Napoli. Ma perché il legame di Luigi Necco con il Comune abruzzese? Tutto ha inizio con l’incontro tra il giornalista e i parenti di Siro Riccioni, un giovane sottotenente di complemento, laureato in filosofia, che si trovava in Grecia durante la seconda guerra mondiale; col grado di comandante militare in Grecia organizzò una brigata partigiana chiamata “Franchi Tiratori Reparti Italiani” e facilitò lo sbarco degli alleati. Valoroso combattente nell’isola di Candia, rimasto con pochi uomini in terra straniera dopo l’armistizio dell’8 settembre 1943, per mantenere viva la fiamma dell’Italianità, con audace colpo di mano, nell’inverno del 1945 salvò dalla morte 272 italiani condannati per rappresaglia dai tedeschi alla fucilazione, ottenendo la medaglia d’argento al valore militare Nella motivazione del 2 aprile 1945 a Creta si legge: “Mentre i nostri fratelli già allineati al muro ascoltavano impavidi, l’iniqua condanna, con epico slancio, alla testa di pochi valorosi offertisi volontari per l’audace impresa, piombava sul plotone d’esecuzione, che si apprestava ad eseguire l’orrendo massacro e con lancio di bombe a mano e raffiche di mitraglia lo sbaragliava, ridonando alla vita ed alla patria i morituri figli d’Italia. Figura degna delle sublimi tradizioni dell’eroismo italiano”. Morì a soli 36 anni per un incidente durante un’esercitazione con i suoi soldati sulle Alpi, a Creta delle Cianevate. Dell’eroe di Bussi, Luigi Necco ha rintracciato il filo e di quell’azione di salvataggio dalla fucilazione da parte dei nazisti ha scritto il romanzo “Operazione Teseo” (Ed.Pironti), opera che è valsa al giornalista, scomparso il 13 marzo u.s., la cittadinanza onoraria della comunità abruzzese. Da qui il forte legame che la famiglia ha voluto riconoscere con la donazione alla Biblioteca comunale di Bussi sul Tirino.
FacebookTwitterGoogle+LinkedInPiù…507 pubblicato su Sugc news on line


0 commenti

Lascia un commento

Avatar placeholder

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *