REGIONE CAMPANIA. UFFICIO STAMPA
COMUNICATO STAMPA DEL 17 LUGLIO 2007
CASCETTA SCRIVE ANCORA ALL’ENAC SUI NUOVI DISSERVIZI DI ALPI EAGLES: E’ NECESSARIO UN INTERVENTO RISOLUTIVO
Dopo gli ultimi ennesimi disservizi verificatisi nei giorni scorsi nei collegamenti aerei di Alpi Eagles, l’Assessore regionale ai Trasporti, Ennio Cascetta, ha inviato una seconda lettera – dopo quella del 27 giugno scorso – al Presidente e al Direttore Generale dell’ENAC (Ente Nazionale Aviazione Civile), Vito Riggio e Silvano Manera, e all’Amministratore Delegato della Gesac, (società di gestione dell’Aeroporto di Napoli-Capodichino), Mauro Pollio.
Questo il testo della missiva:
“Questo Assessorato aveva già denunciato il 27 giugno scorso le gravi e continuate inadempienze nel servizio di Alpi Eagles e aveva chiesto l’assunzione di provvedimenti adeguati.
Sappiamo che la Dirigenza dell’ENAC ha convocato la società e ha preteso la predisposizione di un piano di rientro, che però si sta dimostrando inadeguato, tanto che continuano i ritardi dell’ordine anche di alcune ore e diverse cancellazioni di voli, gli ultimi ancora nelle giornate del 15 e 16 luglio, con gravissime ripercussioni sulla clientela, gravi danni al movimento turistico in questo periodo molto intenso, e all’immagine di Napoli e della Campania.
Tali eventi non sono occasionali per cui chiedo un intervento risolutivo”.

COMUNICATO STAMPA DEL 13 LUGLIO 2007
TANTI I VIP PRESENTI A NAPOLI ED IN CAMPANIA. DI LELLO: LA NOSTRA REGIONE SI CONFERMA META TURISTICA DI FASCINO E QUALITA’
Sono numerosissime le presenze illustri in questi giorni a Napoli e nelle altre perle del golfo e della costiera, a conferma dell’andamento di una stagione iniziata con gli arrivi dei calciatori del Milan, Nesta e Pancaro che hanno scelto rispettivamente Ravello e Massalubrense per convolare a nozze.
Sono stati nei giorni scorsi a Napoli lo scienziato e Nobel Carlo Rubbia, il regista, Pupi Avati, che ha promesso di ritornare a breve, Lucio Dalla e Gino Paoli , il compositore Bryan Eno. Fonti bene informate sostengono che a breve sarà in città Roman Polanski, premio Oscar per la direzione del film “Il Pianista”. Ha soggiornato in città l’attore Nino Frassica, mentre sono tuttora qui i 14 componenti dell’equipaggio aereo dell’Emiro dello Stato del Qatar che trascorre un soggiorno napoletano, in anonimato, dividendosi tra una lussuosa villa di Posillipo ed uno yacht che naviga nel Golfo di Napoli.

Capri nelle scorse settimane è stato luogo di vacanze di Eva Mendes, attrice americana di Houston, Alexander Himelfarb, Ambasciatore del Canada, Lennox Lewis, pugile, Charles Gargano, ministro dell’ economia di New York, Eddy Murphy, attore che ha fatto prima tappa a Positano, Andrea e Pierre Casiraghi, figli di Carolina di Monaco, Mariah Carey, cantante, Tommy Hilfiger, stilista, Terry Hatcher, attrice americana e la star Barbra Streisand.
Diversi gli scrittori presenti sull’isola azzurra: Ethan Coen, sceneggiatore di film indimenticabili come “Fargo”, “Crocevia della morte”, “Il Grande Lebowski”, “L’uomo che non c’era” ed il nuovo, straordinario “No country for old men” tratto da un romanzo di Cormac McCarthy, nonché autore di racconti esilaranti e geniali, raccolti con il titolo “I Cancelli dell’Eden”, con protagonisti gangster falliti, pugili laureati ed investigatori privati che vanno dallo psicanalista; Annie Proulx, originaria del Connecticut, famosa per la finezza dell’introspezione psicologica ed il piacere del racconto. Due dei suoi romanzi, ambientati nei luoghi dove risiede attualmente, sono diventati film di successo: ”The Shipping News”(per il quale ha ricevuto il premio Pulitzer) diretto da Lasse Hallstrom e “Gente del Wyoming” che e’ stato adattato sullo schermo da Ang Lee con il titolo “Brokeback Mountain”. A trascorrere ore di relax a Capri, inoltre, Michael Cunningham, autore del romanzo “The Hours”, per il quale e’ stato insignito del premio Pulitzer. Dal romanzo Stephen Daldry ha tratto il film che gli ha garantito il successo planetario. Ma Cunningham prima di allora aveva realizzato altri tre romanzi significativi, tra i quali “A home at the end of the world”, diventato a suo volta un film diretto da Michael Mayer. Nel 2005 ha pubblicato “Speciman Days” e recentemente ha adattato per la schermo il romanzo di Susan Minot “Evening”. Altri ospiti sono Martin Amis, uno dei talenti narrativi degli ultimi decenni. I suoi primi due romanzi, “The Rachel Papers” e “Dead babies” sono diventati dei film molti anni dopo essere stati pubblicati, ed ha collaborato con Tim Burton per la sceneggiatura di “Mars Attacks!”. Il suo stile, etichettato con troppa frettolosita’ come post-moderno, riesce ad essere nello stesso tempo diretto e visionario, intenso ed ironico; Ian Mc Ewan, che ha rivelato il suo grande talento narrativo sin dalla pubblicazione della sua prima raccolta di racconti ”First love, last rites”. I due successivi romanzi, “Il giardino di cemento” e “The comfort of strangers” sono stati adattati entrambi sullo schermo, cosi’ come “L’amore fatale”; Colum Mc Cann, nel suo libro piu’ celebre, intitolato “Dancer”, e’ riuscito ad immortalare con grande capacita’ introspettiva l’esplosione di talento e di erotismo nella vita di Rudolf Nureiev, ma anche la travolgente passione per l’arte del grande ballerino e l’angoscia per la persecuzione politica subita in Unione Sovietica; Claire Messud, che con il suo quarto romanzo, “I figli dell’imperatore”, e’ stato uno dei piu’ importanti casi letterari americani degli ultimi anni. Nei giorni scorsi a Capri anche Chuck Palahniuk, uno degli scrittori piu’ appassionanti e innovativi dell’ultima generazione. Il suo linguaggio e’ sempre estremamente visionario ed il suo stile, caratterizzato da una visione del mondo sarcastica e pessimistica, riesce ad entrare immediatamente in sintonia con le nevrosi, le speranze e gli aneliti dei piu’ giovani. Nei suoi romanzi migliori Palahniuk riesce ad essere profetico e disincantato, intuitivo e malinconico, esilarante e tragico.
Ad Ischia troviamo la super-stella del nuovo cinema mondiale Hilary Swank (già vincitrice di 2 premi Oscar), i registi Oliver Stone, Alejandro Gonzales Iñarritu, Alfonso Cuaròn, Stephen Frears, Bille August, Giuseppe Tornatore, Emanuele Crialese, lo sceneggiatore William Monahan, gli attori Ben Kingsley, Laura Dern, Treat Wiliams, Ioan Gruffudd, i produttori Aurelio De Laurentiis e Mark Canton e per la musica Andrea Bocelli, Laura Pausini, Sheryl Crow, Julio Iglesias, David Foster, Gustavo Santaolalla, Luis Bacalov, Umberto Gatica, Andrea Mingardi e Federico Zampaglione protagonisti del V Ischia Global Film & Music Fest fino al 15 luglio, a Lacco Ameno e nei comuni di Ischia Porto, Casamicciola e Forio. Chairman di questa edizione è il regista e produttore Paul Haggis, coadiuvato da Marina Cicogna, Franco Nero e per la sezione musica da Tony Renis. Madrine del festival sono le attrici Clotilde Courau (principessa di Savoia) e Anna Falchi.
Attesi anche i protagonisti del cinema italiano come Laura Morante, Michele Placido, Mimmo Calopresti, Francesca Dellera, Fausto Brizzi, Eleonora Giorgi, Raoul Bova, Anna Valle, Franco Amurri, Marco Risi, Nicolas Vaporidis, Martina Stella, Giulio Base e tantissimi altri amici del cinema internazionale. Una particolare sezione sarà dedicata anche alla fiction.

A Sorrento sono in arrivo Rocco Barocco e Renzo Arbore.
A Positano è in arrivo nei prossimi giorni la bellissima modella Kate Moss; da poco sono invece partiti Denzel Washington, il più importante attore afroamericano e Corin Farell. Barbara Streisand ha scelto Positano per una giornata di bagno e shopping, dopo una sosta a Capri.
A Ravello si sono ritrovati Rod Stewart e tre intellettuali italiani di primissimo piano: Cesare De Seta, Annamaria Testa e Giancarlo Rugarli. Rod Stewart. Sino all’8 settembre, saranno 800 gli artisti provenienti da 14 paesi che complessivamente prenderanno parte al festival di Ravello.
“Napoli e la Campania si confermano, come nella migliore tradizione, mete molto apprezzate dal turismo Vip non solo nostrano, ma anche internazionale”, afferma l’Assessore regionale al Turismo Marco Di Lello.
“Il nostro territorio – spiega Di Lello – è unico da questo punto di vista, perché combina perfettamente i grandi itinerari culturali, con i magnifici scorci naturalistici. Questa straordinaria varietà ha sempre reso le nostre mete turistiche molto ambite dalle celebrità che, con la loro presenza, hanno finito per impreziosire ancora di più questi luoghi. La conferma, ieri come oggi, di questo dato vuol dire che la Campania ha mantenuto intatto il suo fascino. Questo, ovviamente, ci dà molta fiducia. Dobbiamo, tuttavia, lavorare sempre di più affinché questa nostra regione si consolidi, a livello internazionale, come realtà che eccelle nell’offerta turistica”.


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.