VELARDI PRESENTA LE LINEE GUIDA
PER LA PROGRAMMAZIONE 2007-2013
PER TURISMO E BENI CULTURALI
DI IORIO: CONFERMATE LE NOSTRE INTUIZIONI IL TERRITORIO DELLA TERMINIO CERVIALTO L’UNICO VOCATO AL TURISMO DI QUALITA’.

Il presidente della Comunità Montana Terminio Cervialto commenta molto positivamente
la strategia illustrata dall’assessore regionale: una vera rivoluzione immaginare lo sviluppo
coniugando eccellenze enograstronomiche e bellezze paesaggistiche. Ma noi lo diciamo già da tempo.

MONTELLA (AVELLINO) – Nel corso di un incontro con i parlamentari campani l’assessore regionale al Turismo, Claudio Velardi, ha illustrato quelle che saranno le linee strategiche di intervento in tema di programmazione 2007-2013 per il turismo ed i beni culturali. Una programmazione che prevede l’impiego di ingenti risorse per un ammontare complessivo pari a circa un miliardo e mezzo di euro.
Particolare attenzione l’assessore regionale Velardi ha posto rispetto alle aree interne della Campania ed in particolar modo per la provincia di Avellino, confermando quanto già sostenuto nella primavera scorsa nel corso della sua road map in Irpinia ed in particolare nel corso della sua visita al Centro di Ospitalità Locale del Borgo Terminio Cervialto di Bagnoli Irpino.
Particolare soddisfazione viene espressa da Nicola Di Iorio, presidente della Comunità Montana Terminio Cervialto.
«Le linee strategiche presentate dall’assessore regionale Claudio Velardi rispetto alla programmazione 2007-2013 – commenta Nicola Di Iorio – rappresentano insieme una rivoluzione ma anche una conferma. Una rivoluzione rispetto all’attenzione che le politiche regionali da sempre non hanno garantito alle aree interne. Abbiamo assistito in numerose occasioni a vere e proprie sperequazioni nei confronti dei nostri territori a vantaggio di patinate vetrine campane che non necessitano di alcun sostegno perché già note e rinomate. Ma la strategia di Velardi è una conferma per tutti coloro che da tempo si impegnano ad immaginare concrete linee di sviluppo per il territorio della provincia di Avellino. Insomma, chi conosce il territorio e ne riesce ad intercettare dinamiche e articolazioni, può suggerire alle istituzioni sovraordinate spunti importanti che possono tradursi in iniziative concrete per la crescita e lo sviluppo locale. E’ quanto abbiamo fatto noi. Le tre linee strategiche che Velardi immagina per l’Irpinia incarnano perfettamente quella che in questi anni è stata la filosofia adottata dalla Comunità Montana Terminio Cervialto per immaginare lo sviluppo in termini turistici del nostro territorio. Mettere in relazione le eccellenze enogastronomiche con le bellezze paesaggistiche rappresenta una intuizione felice che noi abbiamo avuto da diversi anni e che ora, con piacere, ritroviamo nelle linee guida tracciate da Velardi».
La valorizzazione delle produzioni tipiche enologiche e gastronomiche, il treno turistico per lo slowfood e il circuito dei castelli, unito alla previsione della realizzazione di campi da golf che interessano un pezzo della provincia di Avellino: sono questi gli assi strategici pensati da Velardi per lo sviluppo in termini turistici dell’Irpinia.
«A Velardi – continua Di Iorio – va riconosciuto il merito di aver saputo individuare l’area che più di altre in Irpinia può essere appetibile sotto il versante turistico. Nelle sue linee, infatti, c’è un esplicito riferimento alla zona compresa tra la Valle del Calore e dell’Ofanto. E’ qui che, come noi da tempo andiamo dicendo, secondo Velardi, è possibile immaginare l’implementazione di attività turistiche. Stesso discorso per la filiera vitivinicola a cui l’assessore regionale assegna di ruolo di volano. Altro che turismo della mozzarella o della cipolla. Velardi riconosce nel vino l’oro rosso dell’Irpinia creando però intorno al vino un vero e proprio Polo Enologico che altro non è se non il giusto coinvolgimento del territorio e delle attività che ruotano intorno al vino».

A conferma dell’attenzione che la Regione sta riservando alle aree interne, va segnalata la recentissima pubblicazione sul BURC della delibera della giunta regionale relativa all’Internazionalizzazione del Borgo Terminio Cervialto – misura 6.5 del Por Campania 2000 – 2006 – soggetto attuatore Amministrazione Provinciale di Avellino – soggetto beneficiario Comunità Montana Terminio Cervialto. Si tratta di un programma di promozione internazionale del brand “Borgo Terminio Cervialto” per un importo complessivo pari a circa due milioni e mezzo di euro.

MONTELLA (AVELLINO), 4 novembre 2008
Montella (Avellino) – Si invia nota di Nicola Di Iorio, presidente della Comunità Montana Terminio Cervialto, in merito alle linee strategiche presentate dall’assessore regionale Claudio Velardi per la programmazione 2007/2013 su turismo e beni culturali.
Con preghiera di diffusione e/o pubblicazione
Grazie e buon lavoro

Da: UFFICIO STAMPA
COMUNITA’ MONTANA TERMINIO CERVIALTO
TEL: 320/4332561 – 3339/8685903
e mail: cmterminiocervialto@libero.it


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.