REGIONE CAMPANIA A TUNISI, FIRMATI DUE ACCORDI PER IL RESTAURO DELLE SALE DEL MUSEO DEL BARDO E PER SCAMBI GIOVANILI
1 luglio 2008. Si è conclusa con la firma di due importanti accordi la missione in Tunisia della Regione Campania.
L’assessore alle Politiche sociali Lilly De Felice, dopo aver inaugurato ieri, giovedì 30 giugno, l’Antenna Campaniamed al servizio della internazionalizzazione delle imprese, ha siglato oggi due intese, rispettivamente con il ministro della Cultura e della salvaguardia del patrimonio del governo tunisino Ben Achour, e con il segretario di Stato del ministero dell’Educazione e della Formazione Ahmed Dhouib.
In particolare, il memorandum sottoscritto tra ministero della Cultura, Regione Campania e Ambasciata italiana a Tunisi (presente l’ambasciatore Antonio D’Andria) prevede che la società Sirena, l’università Suor Orsola Benincasa e il Centro euromediterraneo per i beni culturali (CEM) affiancheranno l’Istituto nazionale per il patrimonio della Tunisia per la realizzazione dei lavori di restauro delle carpenterie lignee e la copertura delle cinque sale principali del Museo del Bardo.
Con il ministero dell’Educazione, invece, è stata firmata una lettera di intenti per scambi giovanili, al fine di rafforzare le relazioni nel settore dell’istruzione, favorire la collaborazione reciproca tra i due sistemi scolastici ed universitari ed approfondire la conoscenza della lingua e della cultura dei due Paesi.
In tal senso, è stato deciso che verranno realizzati scambi giovanili per 60 studenti, di cui 20 a settembre 2008, 20 a novembre e 20 a marzo 2009.

————–
INAUGURATA A TUNISI L’ANTENNA CAMPANIAMED
Questa mattina a Tunisi, presso la sede dell’Istituto per il Commercio Estero, l’assessore alle Politiche sociali della Regione Campania Alfonsina De Felice ha inaugurato l’Antenna Campaniamed.

L’Antenna offre a titolo gratuito servizi reali all’internazionalizzazione alle imprese della Campania che intendono espandersi in Tunisia e a quelle tunisine interessate al mercato campano.

Tra i servizi erogati dall’Antenna: informazioni di base e di primo orientamento, ricerca personalizzata di partner commerciali e produttivi, assistenza logistica per l’organizzazione di incontri d’affari, verifica dell’affidabilità finanziaria e societaria dei partner, assistenza fiscale, doganale e legale per avviare rapporti di collaborazione commerciale e/o industriale, informazioni di settore, ricerche di mercato, analisi della concorrenza e informazioni su gare d’appalto internazionali.

“Oggi – ha detto l’assessore De Felice – la capacità di un territorio di stare sui mercati internazionali dipende sempre più dalla capacità di strutturare una presenza permanente, di fare sistema e fare rete. L’attivazione dell’Antenna di Tunisi e l’intero Programma Progetti Paese si muovono proprio in questa direzione
perchè sono iniziative concrete e di ampio respiro con cui intendiamo, da un lato, rinnovare la millenaria vocazione di Napoli e della Campania come baricentro tra Mediterraneo ed Europa, e, dall’altro, rafforzare i legami con gli altri Paesi del Mediterraneo per far sì che quest’ultimo torni ad essere una delle grandi aree di sviluppo economico, culturale e civile del mondo”.

L’Antenna Campaniamed rientra tra le attività di business cooperation del Programma
“Progetti paese di partenariato Regione Campania e Paesi terzi del Mediterraneo”, promosso dalla Vice Presidenza della Giunta Regionale della Campania con delega ai Rapporti con i Paesi del Mediterraneo.

Il Programma coinvolge cinque Paesi – oltre alla Tunisia, anche Egitto, Israele, Marocco e Turchia – ed ha l’obiettivo di consolidare ed ampliare la rete di relazioni istituzionali per creare condizioni favorevoli allo sviluppo di network partenariali fra gli stakeholder pubblici e privati dei rispettivi territori e di accordi di collaborazione economica ed industriale.

Sono interessati tre settori strategici dell’economia campana e di comune interesse con i Paesi coinvolti:
– il sistema agroindustriale ed agroalimentare,
– il sistema moda e cultura (tessile-abbigliamento, pelli e cuoio, calzature, antiche tradizioni artigiane come oreficeria e accessori moda)
– l’Information & Communication Tecnology.

Il Programma “Progetti Paese di partenariato Regione Campania e Paesi terzi del Mediterraneo” è stato presentato, nella mattinata di oggi, all’Hotel Sheraton di Tunisi nel corso del workshop “La Campania per la cooperazione nel Mediterraneo”.

REGIONE CAMPANIA. COMUNICATO UFFICIO STAMPA DEL 30 GIUGNO 2008


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.