NUOVA LEGGE PER GLI ANIMALI DOMESTICI

Il tuo cane sporca? C’è la prova del Dna
Il padrone che porta a spasso il proprio cane e poi non raccoglie le eventuali deiezioni rischia una multa di 480 euro e l’eventuale prova del dna (se richiesta). Ovviamente le spese delle costose analisi ricadranno sul proprietario, colpevole della mancata raccolta delle feci.

E’ una delle norme della nuova proposta di legge sulla tutela degli animali, licenziata dalla commissione sanità del Consiglio regionale della Toscana. La proposta aveva suscitato curiosità perché faceva tra l’altro intravedere la possibilità di poter portare cani ai musei o allo stadio.

In realtà, come spiega il presidente della commissione Fabio Roggiolani (Verdi) promotore della pdl, “l’accesso dei cani è sì consentito in luoghi pubblici e aperti al pubblico come parchi e spiagge, ma solo dove non espressamente vietato e dove il titolare o clienti non lo vietino”. Inoltre, si precisa nella proposta, “sono obbligatori guinzaglio e museruola qualora previsto dalle norme nazionali”.

La legge “Nuove norme per la tutela degli animali” definisce anche delle misure di assistenza veterinaria per i proprietari di cani appartenenti a fasce più deboli, oppure il divieto di utilizzo di bestiole nella pratica dell’accattonaggio.

da: Tiscali Animali e foto


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.