Il pianeta di Laura Caico: com’è trend la vita di bordo
Difficile annoiarsi sull’Eurostar. Le linee marittime della Grimaldi Ferries che collegano vari punti della penisola con mete vacanziere, al top dell’offerta turistica rivolta a giovani e famiglie, infatti, vanno alla grande: la nuova serie Grimaldi di traghetti ro/pax, che a Salerno e Civitavecchia imbarca auto, mezzi pesanti e passeggeri diretti verso Tunisi, Malta, Valencia e Barcellona – con coincidenze in prosieguo per Ibiza, Marbella, le Baleari – si chiama appunto “Eurostar” ed è improntata alla filosofia dello spostamento con auto e moto al seguito, a tariffe concorrenziali, per esplorare in compagnia i litorali prescelti o gli entroterra dai grandi risvolti storici, artistici, religiosi, monumentali. Sulle grandi navi che stazzano dalle 24.000 alle 26.000 tonnellate e corrono sul mare a una velocità fra i 22 e i 27 nodi orari, il giorno e la notte passano in allegria, prendendo il sole sui ponti (anche in topless nelle zone più protette….), ascoltando musica a tutto volume(non ci sono condomini a lamentarsi…), facendo giochi di società e passandosi di mano in mano riviste di hi fi, gossip, quiz di enigmistica (ah, le connessioni del “Bersaglio”…!), test sulla personalità, l’amore, la gelosia nel rapporto di coppia. Questa è l’estate per i giovani: tanti amici, tutti riuniti a fare le stesse cose, condividendo momenti di risate e sfottò, cantando a squarciagola le hit del momento, riconoscendosi l’appartenenza al gruppo con l’adozione di particolari “must” dell’abbigliamento, azzannando panini o assalendo il self service di bordo col sano appetito di un metabolismo che brucia tutto. Fa piacere vedere le comitive che invadono allegramente i ponti degli Eurostar Grimaldi, sparpagliandosi sulle poltrone- notte (per un viaggio ultraeconomico) o dividendo in affiatati team di quattro elementi le cabine dal parquet tirato a lucido e dalla confortevole, morbidissima, biancheria: una ventata di vitalità che anima la vita di bordo, scorrevole negli appuntamenti ben organizzati dei pasti, delle proiezioni di film, nelle esercitazioni di sicurezza, annunciati da voci suadenti come quella di Vittoria Vitale. Il personale di bordo – sempre gentilissimo e presente- si presta con garbo ad ogni esigenza dei viaggiatori e anche fra i membri degli equipaggi degli Eurostar Roma, Valencia e Salerno vige un affiatamento sorprendente che rende il lavoro – di per sè faticoso e denso di responsabilità – più piacevole: per chi viaggia sotto l’egida dei comandanti Aloisio, Mastellone e Mattera c’è la sicurezza di essere assistiti sotto ogni profilo, grazie alla presenza di Commissari di bordo come il validissimo Giuseppe Serpe e di medici come l’ironico Maurizio Cappiello, nonchè l’opportunità di assaggiare ottime preparazioni gastronomiche opera dei valenti chef di bordo e dell’abilità dei loro solerti aiutanti, pronti a fronteggiare anche massicce affluenze; fra i piatti “mitici” dello chef D’Alessio dell’Eurostar Valencia , per esempio, i più richiesti risultano le penne alla trapanese, le linguine agli scampi in salsa supreme, il salmone gratinato, il tirami su al mascarpone, realizzati in tandem con Nicolae Nachiu. Anche i bar lavorano a tutto ritmo per accontentare le richieste e i maestri di casa come Pietro D’Agosto creano nuovi drink con miscelazioni di frutta e alcool altamente top secret: girando a curiosare su questo mini profilo crocieristico inaugurato dal Gruppo Grimaldi Napoli sui nuovi traghetti ro/pax ho scoperto così che sull’Eurostar Roma si può ballare sino all’alba a tutto ritmo e sbancare le slot machine, fino al Jackpot Gigantesque di ben 7000 euro (è già successo 2 volte!), che sull’Eurostar Salerno c’è la più giovane donna primo ufficiale d’Italia, Teresa Matarese, in grado di eseguire manovre di ogni genere ( persino pilotare a retromarcia i TIR sulla rampa di imbarco!), che il suo comandante Salvatore Mastellone è un convinto femminista che vede di buon occhio le donne negli staff di bordo ( w gli uomini che non hanno paura di noi!) e che il suo collega alla guida dell’Eurostar Valencia, Salvatore Aloisio è amatissimo dall’equipaggio sia degli ufficiali (capitanati da Pasquale Sorgentone e fra cui citiamo Luca Ponticorvo, Salvatore Della Rocca, Vincenzo Isaia, Luca Zaccagnini) che degli engineer (fra cui Raffaele Gargiulo, Giuseppe Coppola, Valentino Anedda, Marco Di Salvo), giovani e dinamici assistenti di Franco Palomba, affascinanti sia nella bianca divisa d’ordinanza che nella tuta blu da lavoro, che ne sottolinea i fisici scattanti.
Lavoro e pause di distensione connotano la vita di bordo degli ufficiali, che si ritrovano intorno al tavolo per vivere una convivialità gratificante, in cui affiora la personalità di ognuno e c’è spazio per esprimerla liberamente; il rispetto di regole e gradi non impedisce, infatti, di scherzare e apprezzare la carica di umanità individuale, il che aumenta la disponibilità professionale e la qualità della vita di bordo.Anche lo shopping è un momento piacevole per i passeggeri e aiuta a sopperire alle dimenticanze pre-partenza di abbronzanti, protezioni solari, occhiali, carte da gioco per improvvisare tornei di burraco: nel negozio di bordo dell’Eurostar Valencia – in cui presta la sua opera Marilena Amalia Cucu –come pure sugli altri traghetti, oltre ai colorati gadget Grimaldi, vi sono, poi, oggetti caratteristici da comprare anche all’ultimo minuto prima dello sbarco, per rimediare al mancato acquisto a terra di souvenir tipici. Se poi si ottiene – in via straordinaria – il permesso del comandante per visitare gli Eurostar Grimaldi anche negli spazi inaccessibili ai più, si potrà constatare ( come ho fatto io) che tutto è lindo e curato, dalle cucine sempre in fermento per la preparazione dei pasti regolari e delle “sorprese” di mezzanotte, alle sale macchina dove sofisticate apparecchiature vengono continuamente sorvegliate per il buon funzionamento della nave e la garanzia di un viaggio a regola d’arte. Laura Caico (laura.caico@email.it)


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.