2)GRANDE SUCCESSO, AL GIFFONI FILM FESTIVAL, PER LO SCRITTORE DIEGO DE SILVA E L’ATTORE GIANLUCA DI GENNARO. OGGI, 17 marzo, ATTESE DUE RAGAZZE DELLA COMUNITA’ DI “SAN PATRIGNANO”
“Non si può nascondere la realtà ai giovani di oggi. Ed uno dei doveri del cinema è proprio quello di rappresentare l’attualità, senza giri di parole e con il solito lieto fine”. Così lo scrittore Diego De Silva ha parlato ai ragazzi delle Scuole Superiori che lo hanno incontrato nell’ambito della rassegna cinematografica Movie Days. Era presente anche la giovane protagonista napoletana di “Certi bambini”: Miriam Candurro. I ragazzi hanno assistito alla proiezione di due pellicole dalle tematiche complicate “Maria full of Grace” di Joshua Marston e “Certi ragazzi” dei fratelli Frazzi. Quest’ultimo film, tratto dal romanzo di Diego De Silva, è stato presentato nella sezione Y GEN 2004, classificandosi al secondo posto. Oltre a Diego De Silva, ha incontrato gli studenti di varie scuole anche il protagonista del lungometraggio: il giovane attore Gianluca Di Gennaro che, in “Certi bambini” interpreta Rosario, scugnizzo napoletano, che presto si troverà ad uccidere uno sconosciuto in una buia metropolitana, solo per saldare un debito. Il film, dalla trama “altamente educativa”, come lo hanno definito molti insegnanti presenti in sala, ha conquistato i giovani spettatori che sono rimasti ammaliati da questo attore oggi quattordicenne (all’epoca del film aveva solo undici anni) dal volto in bilico tra l’innocenza di un bambino e la spietatezza di un adulto, lacerato già da molte ferite nell’animo.“Non si sa come andrà a finire – spiega l’attore Di Gennaro – se, insomma, Rosario riprenderà la sua vita da adolescente o se la sua quotidianità sarà fatta di rapine e incontri con boss mafiosi. Forse potremmo aspettare il prossimo “Certi bambini2”. Alla proiezione del film era presente anche la giovane protagonista napoletana di “Certi bambini”: Miriam Candurro.Film, discussioni, lezioni di cinema ma anche incontri con gli autori e lotta alla droga sono, quindi, le diverse anime del modulo riservato alle scuole superiori. Proprio in questa ottica, si inquadrano gli appuntamenti con Diego De Silva, Gianluca Di Gennaro e Miriam Candurro. Gli studenti hanno così avuto l’opportunità di incontrare chi fa cinema, scoprendone i segreti ed anche i sacrifici del mestiere.Oggi e domani, invece, gli studenti delle scuole superiori incontreranno Patrizia e Claudia, due ospiti della comunità di San Patrignano. Insieme con i ragazzi discuteranno del film “Maria full of Grace” e parleranno principalmente di droga e dipendenza, raccontando anche la loro esperienza di ex tossicodipendenti. L’incontro si inserisce nell’ambito del progetto “Dont’t kill your brain”, campagna nazionale contro la droga promossa dal Governo.
Ufficio Comunicazione Giffoni Film Festival Tel 3394745117 – 3343086919 Fax 0898023001
Website www.giffoniff.it E-mail uff.stampa@giffoniff.it
1)Il Giffoni Film Festival affianca Ministeri e Università per il concorso
“Ciak! Operazione Sicurezza”. Il 31 ultimo giorno per partecipare.
AL VIA IL CONCORSO CHE COINVOLGERA’ 1600 SCUOLE
“Ciak! Operazione Sicurezza. La legalità: un’idea da far girare”. Questo il tema del concorso indetto dal Ministero dell’Interno Dipartimento della Pubblica Sicurezza, in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca ed il Giffoni Film Festival, nell’ambito del Programma Operativo Nazionale “Sicurezza per lo Sviluppo del Mezzogiorno d’Italia” 2000/2006 (Misura II.2 “Sensibilizzazione”).
Oltre 1600 le scuole di istruzione secondaria superiore delle Regioni che rientrano nell’Obiettivo 1 (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sardegna, Sicilia) coinvolte nel progetto.
Possono partecipare al concorso: la scuola nella sua totalità, la classe o gruppi di studenti appartenenti a classi diverse. I partecipanti dovranno realizzare un soggetto e la relativa sceneggiatura per un cortometraggio, della durata massima di cinque minuti. Il tema dovrà essere: “La legalità: un’idea da far girare”. Gli obiettivi sono chiari: promuovere lo sviluppo della cultura della legalità; prevenire la dispersione scolastica ed il disagio sociale; determinare un diverso rapporto tra cittadini ed istituzioni; sperimentare nuovi strumenti di lettura della realtà; facilitare la convivenza scolastica ed extrascolastica.
E poi ancora: insegnare a leggere ed interpretare le diverse forme dell’universo audiovisivo; familiarizzare con il linguaggio del cinema, attraverso un approccio ludico; fare in modo che il cinema diventi uno strumento didattico per l’insegnamento di discipline tradizionali.
I partecipanti al concorso, che dovranno far pervenire le domande entro e non oltre il 31 marzo 2005, dovranno realizzare il soggetto e la sceneggiatura, sviluppando le tematiche inerenti al concetto di legalità, indicando, in un’apposita scheda di riferimento: le motivazioni delle scelte tematiche, i percorsi, la tipologia dell’impegno personale e di gruppo, le modalità di ricerca e di realizzazione, i tempi di realizzazione e le collaborazioni.
Accanto ai premi messi in palio, il Giffoni Film Festival, da sempre vicino ai giovani ed alla cinematografia ad essi dedicata, ha deciso di andare oltre, rendendosi disponibile a realizzare i tre migliori cortometraggi.
Inoltre, nell’ambito della 35ma edizione del Festival Internazionale del Cinema per Ragazzi, che quest’anno si svolge dal 16 al 23 luglio nella omonima cittadina in provincia di Salerno, il Ministero dell’Interno sarà presente con un’attività di promozione e sensibilizzazione denominata “Security Week”.
E proprio durante la “Settimana della Sicurezza” si svolgerà anche la cerimonia di premiazione dei tre vincitori del concorso “Ciak! Operazione Sicurezza”.
Ufficio Comunicazione Giffoni Film Festival Tel 3487271608 – 3343086919 Website www.giffoniff.it E-mail uff.stampa@giffoniff.it


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.