Il 7 novembre a San Giorgio a Cremano parte la III edizione della Città della Domenica.
Domenica 7 Novembre prenderà il via da S.Giorgio a Cremano, la terza edizione de “La città della Domenica”. Un vero e proprio raduno enogastronomico e non solo, che avrà come principale oggetto, i vini novelli. Scenario della manifestazione le splendide Ville Vesuviane del XVIII secolo, ovvero “Villa Bruno”, che annualmente ospita il “Premio Troisi” e “Villa Vannucchi”, recentemente restituita ai cittadini, dopo aver “vissuto”anni da rudere eccellente. Complimenti a tutti. Il tratto di strada che le unisce, ovvero Via Cavalli di Bronzo e Via Roma, saranno adibite ad “isola padonale”, ma cari visitatori non avrete nulla da temere, grazie alle aree parcheggio dedicate, e al “servizio navette” che vi accompagneranno ai confini della storia. La gran parte dei ristoranti, si è reso disponibile alle proposte convenzioni, anche lo stomaco può star tranquillo. Dunque dalle 9.30 del mattino fino alle 13.30, con ingresso libero, è possibile accedere in “Villa Bruno”, il cui lussureggiante giardino ospiterà gli stand allestiti con prodotti atrigianali che vanno dall’oggettistica, al ferro battuto, passando per i pastori, (già nell’aria si respira profumo di Natale), così come è possibile il “contatto” con prodotti di stagione quali melograni e castagne. E’ superfluo dire che ogni palato potrà giudicare la qualità dei vini, attraverso la degustazione degli stessi. C’è spazio a sufficienza per sorridere tutti, magari in compagnia dei saltimbanco e degli artisti “da strada”, che vi chiederanno un sorriso o di accarezzare il vostro pargolo che si tiene stretto al carrozzino, per paura di volare in cielo con il suo pallone colorato. Per gli amanti della scrittura e dei versi, basterà affacciarsi al “Caffè Letterario”, dove saranno ospitati alcuni autori contemporanei, quali E.Tartaglia, A.Cozzolino, O.Caldiron, G. Nurcato(già vincitore per la scrittura comica all’ultimo Premio Troisi), tutti in compagnia dei loro ultimi lavori, presentarli è compito dell’esperto e vivace Enzo Calabrese.
Al piano nobile di Villa Bruno sarà ospitata una mostra dedicata al grande Massimo Troisi.
Per ammirare poi “Villa Vannucchi”, riconsegnata agli antichi splendori, è possibile partecipare alle visite guidate.All’ingresso di “Villa Bruno” la nostra amata maschera,Pulcinella, con in groppa un corno, per esorcizzare tutto quanto di negativo potrà magari capitarci. Sempre serio lui, risaputamente triste; ma credo che spesso lui lo sia, perché noi siamo tristi. Ma quella domenica, son sicuro che sorriderà; lui, come lo specchio del nostro stato d’animo. Sorriderà perché un giorno dedicato alla storia, arte, spettacolo, culutura, natura, tutti insieme, condividendo la gioia, la fatica di tanti, assaporando il vero senso della vita, stare insieme, integrandosi, è sicuramente un messaggio di Pace ed è sicuramente un giorno speciale. Nella seconda edizione dello scorso anno la città registrò circa ottomila presenze. Allora già immagino quel giorno, respirando a pieni polmoni, tutto l’ossigeno del quale la natura è capace,un bagno di folla in festa, mentre sedute a braccetto, sulle scale della bianca Chiesa Madre, due nobili anime,che solitamente si aggirano per le vie della città, osservano felici e compiaciute, Massimo Troisi ed Alighiero Noschese. Vincenzo Russo

Categorie: Eventi

0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.