ACCORDO QUADRO REGIONE MINISTERO DELL’INTERNO IN MATERIA DI PROTEZIONE CIVILE
Il presidente della Regione Campania, Antonio Bassolino, e il Ministro dell’Interno, Giuliano Amato, hanno siglato oggi in Prefettura un Accordo Quadro per intensificare la collaborazione operativa tra Protezione Civile Regionale e Vigili del Fuoco e rendere più moderno ed efficiente il sistema della difesa civile nella Regione Campania.
I primi due protocolli attuativi dell’Accordo consentono di compiere passi in avanti in due settori decisivi:
• Attrezzature: la Regione trasferisce ai Vigili del Fuoco della Campania mezzi e attrezzature che rafforzano in modo significativo le dotazioni esistenti, contribuendo a potenziare le condizioni di operatività e sicurezza in cui operano i Vigili del Fuoco.
• Lotta agli incendi boschivi: grazie al sostegno finanziario offerto dalla Regione sarà possibile integrare con nuove squadre le forze dispiegate sul territorio dai Vigili del Fuoco.
Gli altri settori in cui viene rafforzata la sinergia con i vigili del fuoco sono:
• la condivisione delle informazioni delle diverse banche dati dedicate alle varie tipologie di rischio;
• l’attivazione di sistemi di comunicazione e il potenziamento delle forme di collaborazione al verificarsi di situazioni di emergenza tra la Sala Operativa Regionale Unificata di Protezione Civile (S.O.R.U.), la Direzione Regionale dei Vigili del Fuoco e i Comandi Provinciali della Campania;
• la realizzazione di corsi di formazione e di addestramento dei volontari di protezione civile, da realizzare nell’ambito della Scuola Regionale di Protezione Civile.
L’ accordo ha validità fino al 31 dicembre 2011.
“In questi anni abbiamo fatto sforzi significativi per potenziare il nostro sistema di protezione civile – ha detto il presidente Bassolino – la nostra Sala Operativa opera 24 ore su 24 ed è permanentemente collegata con il territorio, pronta ad attivare tempestivamente, in caso di necessità, tutte le strutture operative. Sono stati enormemente potenziate le reti di monitoraggio del territorio, sia per il rischio idrogeologico sia per il rischio sismico. Un sistema che è stato ulteriormente potenziato attraverso i programmi di monitoraggio satellitare, due dei quali dedicati al rischio idrogeologico e alla prevenzione degli incendi boschivi, realizzati in collaborazione con il Marsec, il più importante centro di tele-rilevamento del Mezzogiorno e tra i primi in Italia. Con questo importante accordo – ha concluso Bassolino – facciamo un ulteriore salto di qualità verso il potenziamento della nostra rete di protezione civile che ha raggiunto ormai gli standard operativi delle regioni europee più organizzate”.
“Si tratta di provvedimenti importantissimi per la protezione civile e dell’ambiente -ha aggiunto l’assessore regionale alla Protezione Civile Luigi Nocera. In particolare, la Regione si impegna a trasferire in comodato d’uso ai Vigili del fuoco mezzi e attrezzature per un valore di 9 milioni di euro per rafforzare le dotazioni esistenti. Si tratta, di camion attrezzati per interventi di emergenza, idrovori, carrelli. In più, con la Convenzione per la campagna antincendio, il Corpo dei vigili del fuoco metterà a disposizione mezzi e competenze e la Regione garantirà gli straordinari alle squadre impegnate nelle attività. La stima è di 550mila euro per 10 squadre impiegate nei 40 giorni maggiormente a rischio”.

PROTOCOLLO REGIONE – RIZZOLI: LA NUOVA SERIE TELEVISIVA “CAPRI 2” SARA’ REALIZZATA IN CAMPANIA
L’Assessore regionale al Turismo ed ai Beni Culturali, Marco Di Lello, e l’Amministratore Unico della Rizzoli Audiovisivi S.p.A., Angelo Rizzoli, hanno sottoscritto, questa mattina, presso la sala Giunta, il protocollo d’intesa per la realizzazione della nuova serie televisiva Capri 2. Erano presenti il Presidente e il Direttore di Film Commission Regione Campania, rispettivamente Luciano Stella e Maurizio Gemma e il Direttore della Sede Rai di Napoli Francesco Pinto.
Il 30 luglio prenderanno il via le riprese della fiction che prevederà 13 puntate, una in più rispetto a “Capri 1”, che ha vinto costantemente il prime time serale, con percentuali d’ascolto medio in Italia pari al 26,7% di share ed un pubblico medio di 6 milioni di telespettatori.
La fiction sarà girata anche in nuove località oltre quelle già viste in tv con la prima serie e diventate famose come la splendida Villa Guariglia a Raito (nella fiction, Villa Isabella) o come la grotta Smeralda di Conca dei Marini e Torre Crestarella di Vietri sul Mare.
Le riprese dureranno fino a metà dicembre ed interesseranno complessivamente Capri ed Anacapri, Vietri sul Mare, sede di villa Guariglia-villa Isabella, Cetara, Conca dei Marini, Sorrento, Recomone, Massalubrense, Golfo di Napoli e Golfo di Salerno.
Tra i set più suggestivi per “Capri 2” vi sono, tra le novità di assoluto rilievo, Paestum ed i Campi Flegrei.
Nelle località apparse in tv l’anno scorso si è già verificato un incremento delle presenze turistiche, come ad esempio a Capri, di circa il 4%, e vi sono state positive ricadute economiche sul territorio: il 40% dell’investimento produttivo è rimasto in Campania.
In totale, nel 2006 la Regione Campania ha sostenuto 40 produzioni, sceneggiate sul territorio regionale con un investimento complessivo di due milioni e 100 mila euro.
E’ stato altresì pubblicato un nuovo bando, che scade il prossimo 25 luglio, per il sostegno alle produzioni audiovisive (teatro e musica) con un ulteriore investimento di 1 milione e 350 mila euro (80% cinema e tv, 12 % teatro; 8% musica).
“Contribuiamo a dare il via– dichiara l’Assessore regionale al Turismo ed ai Beni Culturali, Marco Di Lello – ad una fiction che ha appassionato i telespettatori ed ha consentito di far conoscere al grande pubblico località come Raito con villa Isabella, che ora sono parte dell’immaginario collettivo. Proseguiamo nell’azione di sostegno consentendo ad altri luoghi altrettanto straordinari come i Campi Flegrei e Paestum di essere set di ambientazione dello sceneggiato. Le produzioni audio visive hanno già dimostrato di essere un valido fattore di attrazione di investimenti e di strumento di valorizzazione del territorio e di sostegno al turismo”.
“E’ con grande orgoglio che sottoscrivo questo nuovo protocollo con la Regione Campania – afferma l’Amministratore della Rizzoli, Angelo Rizzoli – nella consapevolezza che questa regione offre luoghi straordinari del tutto lontani dalle immagini che in questo periodo sono diffuse.”

ACCORDO QUADRO PER IL TRIBUNALE DI GIUGLIANO
E’ stato firmato stamattina in sala Giunta un Accordo Quadro con il quale il Parco Rea a Giugliano, un bene confiscato all’omonimo clan, viene destinato a sede del Tribunale di Giugliano.
Erano presenti il Minsitro della Giustizia Clemente Mastella, il Presidente della Regione Campania Antonio Bassolino, il Prefetto di Napoli Alessandro Pansa, l’Assessore regionale alla Sicurezza delle città Andrea Abbamonte, il Presidente della Provincia di Napoli Dino Di Palma, il sindaco di Giugliano Francesco Taglialatela.
Si rimette in allegato l’intervento del Presidente Bassolino e il testo dell’Accordo quadro.
Intervento Presidente Bassolino su Accordo Quadro Tribunale Giugliano
Abbiamo appena sottoscritto l’importante Accordo Quadro per realizzare la sede del Tribunale di Giugliano.
L’accordo coinvolge:
• il Ministero della Giustizia,
• la Regione Campania,
• la Prefettura di Napoli
• la Provincia di Napoli
• Il Comune di Giugliano
• il Consorzio S.O.L.E. (“Sviluppo Occupazione Legalità Economia) che raggruppa la Provincia di Napoli e 15 comuni, responsabile della redazione dello studio di fattibilità.
Con questo importante accordo il Tribunale di Giugliano verrà ospitato in 2 corpi di fabbrica facenti parte del grande complesso immobiliare confiscato al boss Francesco Rea.
Si tratta di una grande area di 33 mila metri quadri, su cui insistono 8 corpi di fabbrica su cui già stiamo realizzando importanti progetti:
• una palazzina ospita la caserma della Guardia di Finanza, che è stata inaugurata nel dicembre scorso dal Ministro dell’Interno Giuliano Amato;
• prossimamente sarà inaugurato il centro sportivo polivalente;
• un’altra palazzina è stata destinata a casa alloggio per ragazzi diversamente abili;
• un’altra parte del complesso ospiterà un corso di laurea della Facoltà di Medicina della II Università di Napoli.

Oggi scriviamo un nuova pagina della complessa storia del Tribunale di Giugliano.
Infatti, grazie alla piena collaborazione istituzionale entriamo nella fase operativa di un importante e qualificante progetto.
Con questo accordo infatti stabiliamo un percorso preciso, ci dotiamo di strutture di controllo e monitoraggio (il “tavolo tecnico amministrativo” composto da un rappresentante di ciascuna Amministrazione) per accelerare al massimo i tempi di realizzazione.
Ci sono anche le prime e importanti risorse finanziarie.
La Regione investe 1 milione e mezzo di euro.
Con il programma operativo 2007–2013 concentreremo ulteriori e significative risorse per ristrutturare gli immobili e adeguarli alle esigenze del Tribunale.
La Provincia di Napoli si impegna a co-finanziare le opere di adeguamento con 1 milione e mezzo di euro, a valere sui Fondi nazionali e/o regionali.
Il tribunale di Giugliano rappresenta una risposta importante per il territorio dell’area nord di Napoli, un contributo significativo ad una amministrazione della giustizia più vicina ai cittadini e più rapida.
Il palazzo di Giustizia di Giugliano consentirà di razionalizzare e decongestionare l’attività degli uffici giudiziari di Napoli.
Con una forte riduzione del bacino di utenza (oltre 800 mila abitanti) ed una sensibile riduzione dei carichi di lavoro sul penale (valutata intorno al 26%) e del civile (di circa il 16%).
Oggi facciamo un importante passo in avanti anche verso il rafforzamento di una strategia di attacco ai patrimoni e alle ricchezze delle organizzazioni criminali.
Tra i diversi e ormai numerosi progetti di uso sociale dei beni confiscati il tribunale di Giugliano è quello con la più alta carica simbolica.
Un grande complesso immobiliare simbolo della violenza e del potere mafioso si trasforma in un luogo dove si amministra giustizia e, insieme agli altri progetti che stiamo realizzando, diventa un avamposto di legalità, di socialità e di cultura.

Scheda sul complesso immobiliare e il consorzio So.le.
il complesso immobiliare è stato confiscato nel 1998.
E’ stato acquisito al patrimonio del Comune di Giugliano nel 2004.
Nello stesso anno è stato conferito in gestione al Consorzio So.le.
II comuni che fanno parte del CONSORZIO So.le sono: Giugliano, Afragola, Casalnuovo, Castellammare di Stabia, Ercolano, Marano di Napoli, Melito, Pollena Trocchia, Pomigliano d’Arco, Portici, Sant’Antimo, San Giorgio a Cremano, San Sebastiano al Vesuvio, Villaricca e Torre del Greco.

IL TESTO DELL’ACCORDO
Il Ministero della Giustizia,
la Regione Campania,
la Prefettura di Napoli
la Provincia di Napoli
il Consorzio S.O.L.E.
Il Comune di Giugliano in Campania
Premesso
– che la Regione Campania, al fine di dare attuazione a quanto previsto dalla legge 109/96 in materia di beni confiscati, si è impegnata a sostenere gli interventi degli Enti locali affidatari dei beni per l’utilizzazione degli stessi e per le progettualità sociali in essi previste;
– che con la Legge Regionale n. 23 del 12 dicembre 2003, avente ad oggetto “Interventi a favore dei Comuni ai quali sono stati trasferiti i beni confiscati alla delinquenza organizzata, ai sensi della legge 7 marzo 1996, n. 109, art. 3”, ha istituito un fondo destinato al finanziamento dei progetti relativi all’utilizzo degli immobili confiscati alla delinquenza organizzata e trasferiti ai Comuni con trascrizione nei registri immobiliari;
– che l’Assessorato alla Sicurezza delle Città individua tra le proprie priorità politiche la promozione delle condizioni di sicurezza del territorio per lo sviluppo, anche, attraverso azioni di riutilizzo dei beni confiscati alla criminalità organizzata;
– che la deliberazione CIPE del 22 marzo 2006, n. 3, avente ad oggetto “Ripartizione delle risorse per interventi nelle aree sottoutilizzate – rifinanziamento legge 208/1998 periodo 2006-2009 (Legge Finanziaria 2006)”, destina alla Regione Campania risorse da utilizzare per il finanziamento di interventi infrastrutturali materiali ed immateriali;
– che con la Deliberazione di Giunta Regionale n. 1999/06 è stato approvato il documento “FAS 2006 – PROGRAMMAZIONE STRATEGICA E RIPARTO SETTORIALE PROGRAMMATICO 2006-2009”, contenente il riparto settoriale programmatico delle risorse per interventi nelle aree sottoutilizzate attribuite alla Regione Campania con deliberazione CIPE del 22 marzo 2006, n. 3;
– che il Ministero della Giustizia, nell’ambito di quanto disposto dall’art. 2 del D.Lgs. 491/99, ha manifestato interesse ad istituire nella città di Giugliano in Campania la sede del Tribunale;
– che la Prefettura di Napoli ha avviato le verifiche di compatibilità della istituenda struttura giudiziaria in ragione dei molteplici profili e degli elevati standards di sicurezza da garantire ;
– che il Comune di Giugliano con deliberazione della Giunta Municipale adottata in data 12.02.2004 n. 37 ha preso atto del provvedimento n. 33607 del 20/12/02 dell’Agenzia del Demanio-Direzione Centrale Beni confiscati – di trasferimento al patrimonio indisponibile del Comune di Giugliano, per finalità sociali, della struttura già sede dell’Autorea con annessa area della particella 150 F.62 e contestualmente ha acquisito il predetto bene al patrimonio indisponibile del Comune, ai sensi della l. 109/96;
– che la Provincia di Napoli congiuntamente ai Comuni di Giugliano in Campania, Afragola, Casalnuovo di Napoli, Castellammare di Stabia, Ercolano, Marano di Napoli, Melito, Pollena Trocchia, Pomigliano d’Arco, Portici, Sant’Antimo, San Giorgio a Cremano, San Sebastiano al Vesuvio, Villaricca e Torre del Greco compongono il Consorzio S.O.L.E. “Sviluppo Occupazione Legalità Economia;
– che il complesso immobiliare de quo è stato conferito in gestione al citato Consorzio con verbale n. 50 dell’08.07.2004;
– che parte del complesso immobiliare conferito al Consorzio, precisamente la villa bunker e la palazzina F identificata dal Fog. Cat. 62 part. 146-149, sono oggetto del finanziamento con fondi PON Sicurezza per lo Sviluppo del Mezzogiorno d’Italia – Misura II.1 – Progetto Pilota “Sport & Legalità” e già in fase di ristrutturazione per la realizzazione rispettivamente di un centro sportivo polivalente e di una casa alloggio per giovani diversamente abili. Entrambi gli interventi rientrano in un progetto ulteriore e più complessivo che prevede anche la delocalizzazione di un corso di laurea della Facoltà di Scienze Motorie della Seconda Università di Napoli;
– che la particella identificata al Fog. Cat. 62 part. 170 ospita da circa un anno la caserma della Guardia di Finanza – Nucleo operativo di Giugliano in Campania a presidio dell’intero complesso;
– che il Ministero della Giustizia ha manifestato con la nota n. 0010967.U del 15/03/07 il proprio interesse in ordine alla possibilità di utilizzare la parte del complesso immobiliare non facente parte degli interventi già programmati e tra cui (Centro sportivo polivalente – villa bunker; Casa alloggio per ragazzi diversamente abili – Fog. Cat. 62 particelle da 146 a 149; Caserma nucleo di Giugliano – Fog. Cat. 62 part. 170) quale sede dell’istituendo Tribunale di Giugliano in Campania;
– che la Regione Campania – Assessorato alla Sicurezza della città – con le risorse di cui alla citata delibera CIPE 22.03.2006 n. 3 e con altre rinvenienti dal P.O.R. Campania 2007 – 2013 intende finanziare la ristrutturazione dell’immobile per l’adeguamento alle esigenze del Tribunale;
– nell’ambito della cooperazione fra istituzioni pubbliche e sulla base degli accordi stabiliti in sede di sopralluogo, in virtù di quanto riportato in premessa, la Regione Campania, la Provincia di Napoli, il Comune di Giugliano e il consorzio SOLE, ciascuna secondo le proprie competenze, si sono determinati ad offrire un’idonea struttura per gli scopi del Ministero, le parti
Concordano
Art. 1
Ciascuna delle Istituzioni pubbliche di cui alla premessa e ciascuna nell’ambito delle rispettive competenze e potestà, dichiarando che l’opera a farsi è di interesse pubblico, coopereranno congiuntamente per la destinazione della parte del complesso immobiliare denominato “Parco Rea” confiscato e conferito al Consorzio S.O.L.E. indicata in premessa (Fog. Cat. 62 part. 150 e part. 171) a sede del Tribunale di Giugliano in Campania , parte non interessata dai progetti già realizzati o in fase di realizzazione(Centro sportivo polivalente – villa bunker; Casa alloggio per ragazzi diversamente abili – Fog. Cat. 62 part. da 146 a 149; Caserma nucleo di Giugliano – Fog. Cat. 62 part. 170), come da planimetria allegata;
Art. 2
Responsabile dell’ intero progetto è il Consorzio “S.O.L.E.” che procederà alla redazione di uno studio di fattibilità – progetto generale, d’intesa con la Commissione tecnica di cui al successivo art.7, e senza alcun onere economico per il Ministero della Giustizia.
Il progetto generale verrà redatto improrogabilmente entro il 30 luglio 2007;
Art. 3
La Regione Campania si impegna a finanziare la ristrutturazione dell’immobile sino alla concorrenza, in questa prima fase, di € 1.500.000,00 (euro unmilionecinquecentomila) con i citati fondi per le aree sottoutilizzate (FAS) di cui alla delibera CIPE 22.03.2006 n.3 e alla delibera della Giunta regionale della Campania n 1999/06 e nelle fasi successive, con i fondi del P.O.R. Campania 2007 – 2013.
Il Comune di Giugliano in Campania, tenuto ai sensi della legge 24.4.1941 n.392, a reperire i locali idonei all’uso giudiziario, si impegna a finanziare una quota necessaria per la esecuzione delle opere. La fonte di tale finanziamento sarà successivamente individuata.
Il Comune di Giugliano dovrà, inoltre, verificare e certificare che i locali posti a disposizione siano conformi per l’uso indicato, alle disposizioni della legge 626/94, alle norme antincendio, alle norme urbanistiche, alla destinazione d’uso nonché, infine, al numero dei soggetti abilitati alla frequenza dei locali. Il Ministero, per quanto di sua competenza, provvederà all’esame del progetto sotto il profilo funzionale al fine di esprimere il proprio assenso a termini di legge.
Prima dell’insediamento degli Uffici giudiziari dovrà inoltre essere richiesto il previsto parere dell’Agenzia del Territorio sull’idoneità dei locali all’uso cui devono essere destinati a mente dell’art.5 della citata lege 392/41.
Il Comune di Giugliano in Campania assicura sin da ora l’emissione di tutti i provvedimenti tecnico-amministrativi ed urbanistici necessari di sua competenza al fine di rendere agibili i locali di cui in premessa in tempo utile per l’insediamento del Tribunale e dell’inizio delle sue attività istituzionali.
Il Consorzio S.O.L.E. si impegna a fornire tutto il suo apporto scientifico affinché l’iniziativa sia portata a buon fine.
Il Comune di Giugliano in Campania si impegna, tenendo esente il Ministero da ogni impegno economico, ad assicurare la copertura finanziaria relativa alla gestione ordinaria e straordinaria, salva la corresponsione dei contributi previsti dalla legge 392/41, della sede di Giugliano in Campania per l’opera secondo le indicazioni e le necessità che il Ministero riterrà indispensabili per i fini istituzionali che lo stesso Ministero individuerà a suo insindacabile giudizio.
La Provincia di Napoli si impegna a finanziare una quota necessaria per la esecuzione delle opere di adeguamento sino alla concorrenza di € 1.500.000,00 (euro unmilionecinquecentomila) a valere sui Fondi nazionali e/o regionali.
Il Ministero si riserva, in ogni caso, prima di procedere all’esame del progetto definitivo, di verificare che i locali messi a disposizione dagli Enti di cui sopra siano idonei, sotto il profilo della ampiezza e della capienza , affinché negli stessi possa essere svolta in modo adeguato la funzione istituzionale dell’Ufficio anche in relazione alle eventuali modifiche normative che dovessero essere apportate alla riforma dell’Ordinamento giudiziario in corso. A tal fine dovrà tenersi conto, soprattutto, del numero dei fruitori e delle strutture di sostegno. Inoltre, in relazione al numero di personale di magistratura ed amministrativo che sarà destinato ad occupare la struttura, manifesta fin d’ora l’esigenza di disporre di una struttura della consistenza sufficiente ad ospitare detto personale e le struttura accessorie.
Art. 4
Il Consorzio S.O.L.E., responsabile di tutta la fase di realizzazione dei lavori, affiancherà il Comune di Giugliano negli adempimenti necessari per la destinazione dell’immobile a sede del Tribunale di Giugliano in Campania.
Art. 5
La Prefettura assumerà ogni utile iniziativa ad evitare qualunque tipo di infiltrazione della criminalità organizzata nella realizzazione dell’opera e a garantire l’osservanza delle disposizioni in materia di avviamento, igiene e sicurezza sul lavoro, anche in conformità al sottoscrivendo “protocollo di legalità in materia di appalti “.
La Prefettura si impegna,altresì, a promuovere riunioni periodiche del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica , con la partecipazione di tutti gli attori istituzionali interessati alla realizzazione dell’istituendo Tribunale in Giugliano in Campania al fine di garantire e monitorare la coerenza degli interventi con i profili di sicurezza richiesti anche rispetto al contesto territoriale e ambientale .
Art.6
Le Amministrazioni si impegnano ad istituire un tavolo tecnico amministrativo finalizzato alla verifica della realizzazione del progetto.
Il tavolo ha costituzione paritaria e sarà composto da un rappresentante, anche tecnico, appartenente a ciascuna delle Amministrazioni e a loro insindacabile scelta ai quali sarà conferita apposita delega con successivo atto.
Il tavolo si riunirà, presso la sede del Consorzio S.O.L.E. o in altro luogo ritenuto idoneo alle esigenze di volta in volta individuate.
Il tavolo sarà presieduto dal rappresentante del Consorzio S.O.L.E che avrà facoltà di convocarlo, con un preavviso non inferiore a tre giorni, preferibilmente ogni mese e/o ogni qualvolta ne ritenga la necessità. La convocazione potrà essere effettuata anche dal rappresentante del Ministero.
Il tavolo provvede a determinare e definire gli oneri finanziari e le attività amministrative, collegate al progetto di cui sopra, in base alle competenza di ciascuna delle Amministrazioni sottoscrittrice del presente accordo.
Art. 7
Le Amministrazioni, con propri atti e successive convenzioni, daranno attuazione a quanto convenuto nel presente accordo.
Art. 8
I locali verranno messi a norma dagli Enti locali sottoscrittori, nell’ambito delle rispettive competenze, rispettando le norme in materia di sicurezza, di ambiente, di urbanistica indispensabili affinché il Ministero possa concedere il proprio nulla-osta al trasferimento ed utilizzo degli Uffici destinati ad uso del Tribunale di Giugliano.

PUBBLICATO IL BURC N. 39
Il B.U.R.C.(Bollettino Ufficiale della Regione Campania) del 09 LUGLIO 2007 contiene Delibere,Ordinanze del Presidente/Commissario Bassolino, Graduatorie della Regione Campania,Decreti,Provvedimenti amministrativi,Avvisi di gare,Concorsi,di altri Enti Locali territoriali,Province,Aziende Sanitarie, ecc..
Si segnalano,in particolare:
AVVISI REGIONE CAMPANIA – Procedura selettiva per il riconoscimento della progressione economica orizzontale con decorrenza 01.06.2007 al personale di Categoria A), B) e C) in attuazione dell’accordo stralcio di contratto decentrato approvato nella delegazione trattante del 30.11.2006 – con allegati.
REGIONE CAMPANIA – – Avviso a manifestazione di interesse – 17° Expo’ Ischia 2007 – Ischia 9-30/08/07.
PROVINCIA DI SALERNO – Avviso Pubblico Multimisura per l’attuazione degli interventi formativi programmati nell’ambito dei progetti integrati “PI PENISOLA AMALFITANA E SORRENTINA” – “PI AGRO MONTI PICENTINI” da realizzare con il contributo del Fondo Sociale Europeo – POR Campania 2000-2006.
RECAM S.p.A. – SVILUPPO E RECUPERO AMBIENTALE – Avviso Pubblico di Manifestazioni di Interesse – Programma di Bonifica e ripristino in alcune aree del territorio del SIN Litorale Vesuviano e del Sin Litorale Domitio Flegreo Agro Aversano.
CONCORSI CITTÀ DI POMIGLIANO D’ARCO – (Provincia di Napoli) – Estratto avviso selezione per assunzione n. 1 Dirigente – Settore Ufficio Tecnico a tempo determinato.
PROVVEDIMENTI DELLA REGIONE
Assistenza Sanitaria –
Deliberazione N. 854 del 18 maggio 2007 – Presa d’atto Protocollo di intesa per lo svolgimento di corsi annuali di aggiornamento per Specialisti in Medicina dello Sport.
Ecologia
Deliberazione N. 904 del 18 maggio 2007 – Adempimenti ai sensi della lettera a) comma 1 dell’art. 17 della Legge regionale 28 marzo 2007, n. 4 – Trasmissione schema tipo di statuto e convenzione degli ATO.
Gestione del Territorio, Tutela
Deliberazione N. 959 del 5 giugno 2007 – Disegno di legge “Modifica alla legge regionale 12 Dicembre 2006, n. 22″. Proposta al Consiglio Regionale. (Con allegati).
Assistenza Sanitaria
Deliberazione N. 965 del 5 giugno 2007 – Integrazione DGRC 738 del 6.6.2006 “ P.A. Tossina Botulinica -Definizione di percorsi di trattamento”. Individuazione Centri.
Rapporti con gli organi nazionali ed internazionali in materia di interesse regionale
Deliberazione N. 996 del 5 giugno 2007 – POR Campania 2000-2006. Adattamento del Complemento di Programmazione conformemente agli artt. 15-paragrafo 3 Reg. (CE) 1260-99. Approvazione dell’ ottavo testo coordinato.
DECRETI DIRIGENZIALI
BILANCIO, RAGIONERIA E TRIBUTI
DECRETO DIRIGENZIALE N. 46 del 22 giugno 2007
SETTORE FINANZE E TRIBUTI – Deliberazione di G.R. n. 886 del 30/6/2006. Tasse automobilistiche regionali – Potenziamento punti di assistenza ai cittadini – Determinazioni.
DECRETI DIRIGENZIALI
ASSISTENZA SOCIALE, ATTIVITÀ SOCIALI, SPORT, TEMPO LIBERO, SPETTACOLO
DECRETO DIRIGENZIALE N. 249 del 22 giugno 2007
SETTORE SPORT, TEMPO LIBERO E SPETTACOLO – L.R. 6.05.1985, n. 48 – Emanazione piano di riparto artt. 4 – 7 – 8 – 9 – 10 per la stagione artistica 2005 – 06.
DECRETO DIRIGENZIALE N. 364 del 25 giugno 2007
SETTORE ASSISTENZA SOCIALE, PROGRAMMAZIONE E VIGILANZA SUI SERVIZI SOCIALI – D.G.R.C. n. 965/2006 – D.D. n.536/2006 e D.D. n. 552/2006: approvazione progetti “Fondo Carcere”, suddivisione percentuale delle risorse del Fondo Nazionale Politiche Sociali e del Fondo Lotta alla Droga. Impegno di spesa per gli Istituti penitenziari (con allegati).
GRADUATORIE AZIENDA SANITARIA LOCALE AV/1 – ARIANO IRPINO – Avviso di approvazione graduatoria n. 40 posti di Assistente Amministrativo, riservati ai disabili.
AZIENDA SANITARIA LOCALE AV/1 – ARIANO IRPINO – Avviso di approvazione di graduatorie dei vincitori di vari Concorsi Pubblici.

REGIONE CAMPANIA. COMUNICATI DELL’UFFICIO STAMPA DEL 9 LUGLIO 2007


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.