Gli agrumi, Citrus, famiglia Rutaceae (1)
Gli agrumi sono alberi da frutto sempreverdi; coltivazioni intensive sono localizzate nell’Italia del sud in particolare in Sicilia e Calabria.
Caratteristiche della specie: l’Inghilterra fu la nazione che maggiormente contribuì all’introduzione in occidente di numerosissime piantee esotiche; così erano chiamate le piante che provenivano dalel Indie. Molti cercatori o cacciatori veri e propri si contendevano il primato di avere scoperto per primi una certa specie. Di tutti gli agrumi un tempo fu di gran moda avere in casa o nel patio una pianta di arancio nel 17° secolo. Ma già nel periodo Tudor la pianta di arancio era presente in Inghilterra e veniva coltivata già allora in capaci contenitori muniti di ruote per facilitare il ricovero delle piante durante il periodo invernale. Un famoso studioso inglese J.Evelyn, si dedicò a divulgare il corretto modo di allevare le piante di arancio in vaso a tutti gli appassionati ed inoltre costruì con successo una speciale stufa per riscaldare quelle che poi furono chiamate aranciere o serre fredde. Tra le specie ornamentali, oppure di minore interesse degli agrumi si segnala l’arancio trifogliato, Citrus triptera, l’arancino giapponese, Citrus mitis, l’arancio pomelano,(citrus grandis) e la limetta(Citrus aurantifolia. Se si desidera abbellire il giardino o il terrazzo con questi agrumi decorativi, nelle regioni a clima invernale rigido, bisognerà coltivarli in capaci contenitori per farli svernare in un locale luminoso e temperato(7-10gradi). Tra le piante di agrumi più note di cui si consumano i prelibati frutti si colloca l’arancio, Citrus aurantium “Sinensis”, pianta sempreverde a portamento arboreo. Le migliori varietà orticole sono Vainiglia, Ovale calabrese, Tarocco, Belladonna, Sanguigno e Tarocchino. La potatura di queste piante si limita alla monda per asportare rametti secchi o danneggiati.
Scheda
Periodo di semina: l’arancio amaro, detto anche melangolo, si moltiplica mediante semina.
Periodo di fioritura e raccolto: varia secondo le specie, i frutti si raccolgono da ottobre ad aprile.
Esposizione alla luce: piante che necessitano del pieno sole anche nelle regioni calde.
Terriccio e concimazione: terreno profondo, fertile, drenato, concimare con fertilizzanti specifici.
Annaffiatura: questi alberi o arbusti necessitano di annaffi regolari durante il ciclo vegetativo.
Malattie parassiti: cocciniglie, gommosi e marciume al colletto, trattate con prodotti adatti.
Moltiplicazione e trapianto: la moltiplicazione di quasi tutti gli agrumi si effettua con l’innesto.
Adattabilità: pianta che alligna perfettamente ai climi temperati caldi mediterranei.(segue 2)

Categorie: Il Contadino

0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.