I COMMISSIONE: SANITA’, APPROVATO DDL ELENCHI DIRETTORI SANITARI E AMMINISTRATIVI
NAPOLI, 25 GENNAIO 2006 – La I Commissione consiliare permanente (Ordinamento della Regione, Amministrazione civile, Enti locali, Affari generali, Rapporti con la Cee), presieduta da Nicola Ferraro (Pop.Udeur), ha approvato all’unanimità il disegno di legge “Integrazione alla legge regionale 3 novembre 1994 n.32” ad iniziativa del Presidente della Giunta regionale e dell’assessore regionale alla sanità. Il provvedimento, che sintetizza le proposte di legge presentate in materia dal consigliere regionale dei Ds e presidente della Commissione sanità Angelo Giusto e dal gruppo regionale della Margherita, istituisce gli elenchi di aspiranti alla nomina di direttore amministrativo e di direttore sanitario delle aziende sanitarie e delle aziende ospedaliere, stabilendo che il direttore generale provvede a tali nomine attingendo da tali elenchi, e stabilisce che gli incarichi di responsabilità di strutture complesse vengano affidati dai direttori generali sulla base di una graduatoria nazionale formata da una commissione tecnica.
La Commissione ha, altresì, approvato all’unanimità un ordine del giorno con il quale rende nota l’approvazione del provvedimento e auspica che “il Consiglio regionale voglia procedere alla più rapida approvazione del disegno di legge” e che “nelle more dell’entrata in vigore della legge, l’assessore alla sanità valuti la possibilità di adottare i provvedimenti che ritenga opportuni a che le nomine dei direttori sanitari e dei direttori amministrativi vengano effettuate con le linee stabilite dalla proposta in approvazione”.
Soddisfazione per l’approvazione del provvedimento è stata espressa dal Presidente della I Commissione Ferraro, che ha evidenziato “la rapidità e l’efficacia dei lavori svolti dalla Commissione, che ha fornito una risposta immediata alle polemiche sorte all’indomani delle nomine dei direttori della sanità approvando un provvedimento fortemente innovativo”.
“Un provvedimento che segna una svolta politica e culturale nel settore delle nomine – ha commentato il vice presidente della I Commissione Pietro Ciarlo (Ds) – in quanto le sottrae alla discrezionalità a vantaggio delle competenze e della professionalità soprattutto per quanto riguarda la scelta dei primari, la più importante figura professionale per assicurare ai cittadini la migliore assistenza possibile”.
Nicola Marrazzo (Idv) ha auspicato “che il percorso innovativo nel segno della trasparenza e della professionalità avviato stasera dalla Commissione venga seguito anche dall’assessore alla sanità e dalla Giunta regionale”.
Infine, Antonio Scala (Pdci) si è detto “contento a metà”, perché “da una parte, il provvedimento introduce criteri oggettivi di trasparenza nel settore delle nomine dall’altro è fondamentale che ad esso corrisponda, nelle more dell’approvazione da parte del Consiglio regionale, un atteggiamento etico e politico conseguente affinchè chi ha competenza blocchi il ‘mercato’ delle nomine in un settore tanto delicato come quello della sanità”.

25 gennaio 2006 VERTENZA GETRONICS: COZZOLINO SCRIVE A SCAJOLA, SUBITO UN TAVOLO
L’Assessore alle attività produttive e all’agricoltura, Andrea Cozzolino, ha inviato questa mattina la seguente lettera al Ministro delle Attività Produttive, Claudio Scajola, per chiedere l’attivazione di un tavolo istituzionale presso il Ministero sulla vertenza Getronics.
“Egregio Ministro,
Getronics N.V. ha annunciato l’intenzione di vendere la consociata italiana. E’ un annuncio che ritengo grave non solo per le conseguenze sul mantenimento dei livelli occupazionali, ma anche per le vicende che in questi ultimi anni hanno visto protagonista questo gruppo, che ha una significativa presenza in Campania.
Come Lei sa, Getronics ha acquisito il settore informatico del gruppo Olivetti. Successivamente all’acquisizione, c’è stato un notevole ridimensionamento del numero dei lavoratori anche attraverso cessioni di rami d’azienda.
In questi anni tutte le parti non hanno mai fatto venir meno la loro attenzione verso questa realtà produttiva, a partire dalle istituzioni che hanno stanziato notevoli risorse pubbliche per garantire un adeguato rilancio produttivo che era alla base dell’accordo firmato nel 2003.
E’ da sottolineare, inoltre, che, a fronte di accordi sottoscritti con la Regione Campania, il gruppo non ha mai rispettato gli impegni relativi alle nuove assunzioni.
Nell’esprimerLe tutte le mie riserve e preoccupazioni, Le chiedo, conoscendo la Sua sensibilità, di attivare in tempi brevi un tavolo istituzionale, presso il Ministero delle Attività Produttive, con l’azienda e con tutte le parti sociali e istituzionali.
Tale atto dovrebbe avvenire prima che la multinazionale olandese assuma decisioni irreversibili, rispetto alle quali a noi non resterebbe che una semplice presa d’atto.
Sicuro di un Suo sollecito intervento, Le invio i miei più cordiali saluti”.

I CAPIGRUPPO PARTECIPANO ALLA CENA TESTIMONIANZA PROMOSSA DAL PRESIDENTE LONARDO
NAPOLI, 25 GENNAIO 2006 – Stasera tutti i capigruppo delle forze politiche presenti in Consiglio regionale parteciperanno, alle ore 20,30, alla cena di testimonianza che si terrà presso la pizzeria ‘Donn’Amalia’, in Calata Capodichino n.239 a Napoli, dove è stato ucciso in un agguato camorristico il giovane pizzaiolo Giuseppe Riccio.
L’iniziativa del Presidente dell’assemblea regionale Sandra Lonardo, “finalizzata a dare un evidente segnale di presenza delle Istituzioni contro ogni forma di criminalità e di vicinanza ai cittadini”, ha, infatti, trovato il consenso degli esponenti delle diverse forze politiche.

NOMINE SANITA’ REGIONE CAMPANIA: IOSSA, «SODDISFAZIONE PER PRESA DI POSIZIONE IN DISACCORDO CON MONTEMARANO DEI DS» Consiglio Regionale della Campania Commissione Consiliare Speciale Sviluppo Economico e Sociale del Mediterraneo
NOMINE SANITA’ REGIONE CAMPANIA: IOSSA, «SODDISFAZIONE PER PRESA DI POSIZIONE IN DISACCORDO CON MONTEMARANO DEI DS»

NAPOLI, 25 GENNAIO 2006 – Il Consigliere Regionale Felice Iossa interviene sulle nomine sanitarie della regione Campania. «Apprendo con soddisfazione – spiega Iossa – dalla stampa regionale questa mattina che i DS sono in disaccordo con Montemarano per i criteri usati nella nomina dei manager nella Sanità». «Non vorrei – aggiunge Iossa – che questa posizione assunta a posteriori sia stata presa perché persone a loro vicine non sono state riconfermate». «Tuttavia la loro stessa posizione è la conferma delle ragioni dello SDI, che la sanità non può essere gestita in questo modo e che è necessario un piano organico per affrontare con determinazione gli sprechi nella sanità e per ridurre questa voragine nella spesa incidendo sui punti nevralgici delle disfunzioni». «Vanno selezionati i che aldilà della fedeltà partitica abbiano competenza e siano di notevole spessore». «Lo stesso criterio deve essere utilizzato per i direttori sanitari e direttori amministrativi». «La svolta che lo SDI chiede – conclude Iossa – è di cambiare pagina per la regione Campania


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.