3 DICEMBRE 2005

RECEP: APPROVATO LO STATUTO PER LA CONVENZIONE EUROPEA DEL PAESAGGIO. CUNDARI: “LA CAMPANIA REGIONE CAPOFILA”.

Il vice-presidente della Regione Campania, Antonio Valiante, ha questa mattina preso parte alla Conferenza degli Enti Territoriali europei tenutasi a Napoli su iniziativa della Regione Campania.
Il vicepresidente Valiante, nel corso dell’intervento con il quale si sono conclusi i lavori della Conferenza, ha sottolineato come “il nostro paesaggio è una ricchezza importantissima e abbiamo l’obbligo di tutelarlo e valorizzarlo. Non è un caso che la Campania sia stata la prima Regione a capire l’importanza della Convenzione Europea sul Paesaggio che ha tradotto anche nella Carta di Padula. I paesaggi possono essere un forte volano di sviluppo per l’economia, il turismo e la cultura del nostro territorio, che quindi va rispettato e posto al centro di iniziative come questa”.

Viva soddisfazione è stata espressa anche dall’Assessore regionale all’Urbanistica Gabriella Cundari: “Si è conclusa in maniera veramente proficua la conferenza Recep – Paesaggi in rete di cui la nostra Regione ha proposto lo statuto, già approvato dai presidenti delle regioni italiane, per la nascita della Convenzione sul Paesaggio. Lo statuto ha ricevuto una importante legittimità internazionale attraverso la presenza di numerose delegazioni straniere che hanno approvato in maniera totale le nostre proposte. Ora il nostro compito – ha aggiunto l’Assessore Cundari – è quello di concludere in maniera proficua questo percorso che vede la Campania capofila di una convenzione europea che tutelerà e valorizzerà non soltanto i nostri paesaggi ma quelli di tutta Europa”.

La due giorni organizzata dall’Assessorato all’Urbanistica della Regione Campania, ha visto la presenza di delegazioni internazionali provenienti da Russia, Armenia, Spagna, Inghilterra, Francia, Turchia, Romania, Austria e Belgio. La conferenza ha fatto proprio lo statuto della Recep, già approvato dai Presidenti delle Regioni italiane e proposto dalla Campania per l’attuazione della Convenzione Europea del Paesaggio. La prossima tappa sarà Strasburgo, dove nella primavera del 2006 la Rete dei Paesaggi sarà ufficialmente ratificata
3 DICEMBRE 2005 – ABBAMONTE SU CONCORSI DELLA REGIONE CAMPANIA.Nel corso della Conferenza delle Regioni tenutasi a Roma alcuni giorni fa, si è ultimato il percorso applicativo della Finanziaria 2005 per la ripartizione dei risparmi di spesa relativi all’assunzione di personale vincitore di concorso per il triennio 2005-2007. L’accordo sul DPCM ( Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri) 2005-2006 raggiunto da tutti i Presidenti di Regione, apre di fatto la strada alla regolare entrata in servizio di diversi vincitori di concorso. Per quanto riguarda la nostra Regione sono 158 i vincitori di concorso che potranno essere assunti entro i primi mesi del 2006. A questo perché l’iter legislativo sia definitivamente concluso, il DPCM deve essere ufficializzato attraverso la firma della Presidenza del Consiglio e la successiva pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale. ” Durante questo semestre di trattative – ha commentato l’assessore alle Risorse Umane Andrea Abbamonte – la Regione Campania ha compiuto preventivamente una serie di azioni per la verifica puntuale dei costi del personale e il contenimento della spesa, al fine di raggiungere gli obiettivi economici oggetto delle trattative che si svolgevano, parallelamente, in sede di Conferenza Stato-Regioni “. ” Grazie al blocco del turn over, ai collocamenti a riposo agevolati realizzati in questi mesi e ad altre misure, la nostra Regione è pronta, successivamente all’adozione del DPCM predetto, all’immissione in servizio dei restanti vincitori di concorso, grazie alle economie già appostate per il biennio 2005/2006 . Siamo fortemente soddisfatti per l’esito positivo di questa vicenda, che si è svolta in un clima di forte collaborazione con le organizzazioni sindacali” ha concluso Abbamonte.


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.