CRISI DI MERCATO PER L’ORTOFRUTTA – PROVVEDIMENTO DELLA GIUNTA.

La Giunta Regionale, su proposta dell’assessore all’Agricoltura e alle Attività produttive, Andrea Cozzolino, ha approvato una delibera sulla crisi di mercato nel comparto ortofrutticolo per gli anni 2004 e 2005. Il provvedimento riguarda, in particolare, il mercato di pesche, nettarine, albicocche e patate destinate al consumo fresco.
“Con questa delibera – spiega l’assessore Cozzolino – viene riconosciuto, sull’intero territorio regionale, lo stato di crisi di mercato che si è venuto a determinare lo scorso anno e in questi primi mesi del 2005 per le produzioni di pesche, nettarine, albicocche e patate destinate al consumo fresco. Si tratta di produzioni che rappresentano circa il 20-25 per cento della produzione ortofrutticola regionale e che per alcune aree rappresentano la fonte di reddito aziendale prevalente”.
“A questo provvedimento – aggiunge – siamo arrivati dopo una serie di incontri al Tavolo tecnico che io stesso ho voluto proprio per monitorare attentamente la situazione del comparto in tutta la Regione Campania. Un Tavolo, quello sulla crisi del comparto, che attorno al quale continueremo a lavorare, insieme alle organizzazioni di categoria, per trovare opportune soluzioni, compatibilmente con le normativa europea, alle ripetute crisi di mercato. Crisi che richiedono, anche, una riforma dei mercati che punti sulla qualità e la tipicità dei prodotti”.
“Il prossimo passo – conclude Cozzolino – sarà chiedere al Ministro delle Politiche Agricole e Forestali l’emanazione dei provvedimenti necessari per l’attivazione delle misure previste dalla legge 71/2005. La legge prevede interventi per quelle imprese agricole che hanno subito una riduzione del reddito medio superiore al 30 per cento rispetto al triennio precedente per queste produzioni”.

Arga Campania – Associazione regionale giornalisti agricoli ambientali e dell’agroalimentare
Dichiarazione del presidente di Arga Campania, Francesco Landolfo, sulla delibera approvata dall’assessore regionale all’Agricoltura, Andrea Cozzolino, sulla crisi di mercato ortofrutticolo per il 2004-2005.
Landolfo (Arga Campania): “Bene Cozzolino, Alemanno segua il suo esempio”.
“Ci congratuliamo con l’assessore regionale all’Agricoltura e alle Attività Produttive, Andrea Cozzolino, per l’intervento a favore dei produttori di pesche, albicocche e patate destinate al consumo fresco che in questo momento, in Campania come altrove, stanno subendo gravi danni e hanno visto il proprio reddito ridursi drasticamente in questo ultimo triennio. E’ auspicabile che, sull’esempio della Regione Campania, anche il competente dicastero retto dal ministro Gianni Alemanno attivi le misure previste dalla Legge 71. Solo così si potrà uscire dallo stato di crisi e fare tornare l’agricoltura uno dei settori di traino dell’economia della Campania e del Sud. Ad oggi, invece, le misure adottate dallo stesso ministero delle Politiche agricole sembrano aver privilegiato l’asse del nord a scapito di quello del Mezzogiorno che, essendo privo di infrastrutture adeguate e di agevolazioni per l’accesso al credito, avrebbe dovuto poter compensare tali lacune con interventi ad hoc”.
02/09/2005

PROTESTA AGRICOLTORI. Maiorana (Noi Meridionali): “Dalla Campania una delegazione in Puglia”.
“Domani sarò a Bari a difendere le posizioni degli agricoltori. Che non sono solo quelli di Bari, di Foggia e della Puglia, ma sono quelli di tutto il Sud”. Il professor Vincenzo Maiorana, presidente di Noi Meridionali, movimento che ha riunito sotto la sua egida vari gruppi politici e associazioni del mezzogiorno, annuncia che gli agricoltori campani sono pronti ad unirsi ai colleghi pugliesi nella battaglia per la difesa del settore vitivinicolo e dell’agricoltura in generale. Domani, alle nove in punto, rappresentanti del mondo vitivinicolo campano saranno a Bari al teatro Piccinni per prendere parte ad un convegno organizzato dal principe Sforza Ruspoli, fondatore del “Partito per la terra”. L’incontro servirà a tracciare le strategie per far fronte alla situazione di estrema difficoltà che ha colpito il mondo agricolo e, in particolare, i produttori di vino e pomodoro. “Ho ricevuto telefonate da agricoltori campani pronti a seguire i colleghi pugliesi. Il che non significa – ha precisato Maiorana – attuare una rivolta, ma essere uniti per poter portare avanti un progetto politico e far sentire le proprie ragioni”.
Maiorana si è anche schierato contro l’apertura al Mediterraneo proposta da centrodestra e centrosinistra in queste ore: “Nel 2008 – ha detto il presidente di Noi Meridionali – verrà attuato il piano commerciale con i paesi del Mediterraneo, questo causerà l’invasione nei nostri mercati dei loro prodotti, poiché hanno più bassi costi di produzione. Il Sud è meno competitivo del cosiddetto Terzo mondo perché deve fare i conti con l’alto costo energetico, l’alto costo previdenziale e contributivo”.
Maiorana ha poi precisato che il movimento sarà presente alle prossime elezioni politiche: “Noi Meridionali non raccoglie solo gli agricoltori ma anche le imprese artigiane, professionisti del sud e piccole e medie imprese, rappresenta un gruppo autonomo critico nei confronti delle due coalizioni. Essendo costretti a fare i conti, per le Politiche, col sistema maggioritario, stringeremo un’alleanza programmatica con la coalizione che garantirà una maggiore realizzazione del nostro programma a favore del Sud e, lo dico senza remore, una maggiore presenza istituzionale”.
02/09/2005

02/09/2005 – 18:13
ANDRIA: INTERVENTO POLIZIA MUNICIPALE PER MANIFESTAZIONE VITICOLTORI
(AGE) ANDRIA, Bari – Anche la Polizia Municipale di Andria è intervenuta con propri uomini e mezzi durante le manifestazioni degli operatori vinicoli avutasi nei giorni scorsi e che hanno interessato il casello autostradale dell’ A 14 nei pressi di Canosa di Puglia e della S.P. 231 Andria-Canosa. Sin dalle prime manifestazioni, il Comando della Polizia Municipale di Andria è stato subito allertato da una richiesta di intervento di Protezione Civile, effettuata dalla Prefettura di Bari, a seguito dei blocchi che stavano avvenendo sia sull’autostrada A14, nel tratto Canosa di Puglia- Trani e sia nel tratto Andria-Canosa della S.P. 231, al fine di provvedere all’ approvvigionamento dei numerosi automobilisti rimasti bloccati dalle proteste degli agricoltori con delle bottiglie di acqua minerale. Di quanto stava succedendo sono stati subito informati gli uomini della Sezione della Protezione Civile del Comando della Polizia Municipale di Andria. Gli Agenti, coordinati dal Dirigente della Polizia Municipale, Dott. Raffaele Ruggiero, con prontezza ed in contatto diretto con la Prefettura di Bari, hanno provveduto a reperire oltre 4000 bottiglie di acqua, che sono state quindi, distribuite, con la collaborazione dei volontari dell’Associazione “Misericordia” di Andria, a tutti gli automobilisti rimasti bloccati. La presenza della Polizia Municipale di Andria insieme a quella degli uomini della “Misericordia”, unitamente alle altre Forze di Polizia presenti, si è pertanto dimostrata necessaria nell’evitare ulteriori disagi per la circolazione e per scongiurare l’insorgere di episodi di violenza e prevaricazione. Con il passare delle ore, dopo che la situazione si è andata via via sbloccando, tornando così alla normalità, i mezzi e gli uomini della Polizia Municipale sono potuti rientrare presso la sede del Comando, rimanendo comunque in allerta pronti ad intervenire in una eventuale ripresa delle manifestazione di protesta. (AGE) AUR


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.