12 SETTEMBRE 2005 ’ASSESSORE CUNDARI SCRIVE AL PRESIDENTE DEL CONSORZIO “CORALLIUM” SULLA QUESTIONE DEL POLO ORAFO.
L’assessore alle Politiche del Territorio, Gabriella Cundari, ha inviato al presidente del Consorzio Corallium, Giovanni Aucella, la seguente lettera in ordine al tema della realizzazione del Polo Orafo in contrada Carpinone a Torre del Greco:
“Gentile Presidente,
il nostro cordiale incontro del 31 agosto si concluse con l’accordo che io avrei motivato in tempi brevi e in modo fermo l’indisponibilità dell’Amministrazione alla realizzazione del polo orafo in Contrada Carpinone, confermando però la volontà di collaborare all’individuazione di una soluzione alternativa valida e, soprattutto, realizzabile in tempi più brevi e con procedure più agili.
Il Consorzio che Lei presiede, in quanto iniziativa di privati imprenditori resa ancora più forte dall’appoggio di un prestigioso Istituto bancario, deve, come è ovvio, procedere in attività che abbiano come obiettivo il profitto. Un conto economico corretto, fatto in nome e nell’interesse dei propri iscritti, non può ignorare i rischi insiti in un’operazione i cui presupposti siano una indispensabile modifica delle leggi esistenti attraverso varianti al piano paesistico in un’area a vincolo integrale. Ciò significa, in sostanza, che ci doveva essere in origine la consapevolezza dei rischi di antieconomicità nell’operazione di prelazione di un suolo a costo molto contenuto, ma con vincoli di tutela integrali.
All’Assessorato regionale competente nelle politiche del territorio, invece, spettono compiti di indirizzo. Rimango pertanto disponibile, di concerto con tutte le Istituzioni competenti, a lavorare con il Consorzio, al fine di valutare ipotesi alternative tra le aree dismesse e gli opifici torresi non più operanti, o in difficoltà, per verificare le modalità finalizzate ad intrecciare molteplici esigenze:
1. Individuazione di un territorio sufficientemente ampio, non sottoposto a vincoli, adeguato all’intervento, che possa consentire tempi di realizzazione dell’iniziativa nonché modalità procedurali improntate a canoni gestionali di massima rapidità;
2. individuazione di un’area accessibile dal punto di vista delle infrastrutture.
Come Ella comprenderà, non è nei poteri di questo assessorato modulare le notizie sulla stampa. E’ nei nostri poteri, invece, rendere una chiara e trasparente informazione alla pubblica opinione, su come stanno effettivamente le cose. In tal senso ho dato mandato agli Uffici di provvedere per rendere edotti gli organi di informazione su quanto è nelle intenzioni di questa Amministrazione.
Resto a Sua completa disposizione per ulteriori, proficui chiarimenti.
Cordiali saluti.”


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.