5 GENNAIO 2006 APPROVATA DALLA GIUNTA LA DELIBERA SULLA PROGRAMMAZIONE SCOLASTICA REGIONALE. POTENZIATA L’OFFERTA FORMATIVA SUL “SISTEMA CAMPANO”
La Giunta regionale ha approvato oggi la delibera di programmazione scolastica regionale per il 2006. Con questo atto si pianificano le attività delle scuole per il nuovo anno, l’organizzazione dei plessi per la gestione didattica e la progettazione di eventuali ristrutturazioni degli edifici. La nuova programmazione si concentra particolarmente sugli interventi finalizzati a incrementare l’offerta formativa per gli studenti, tramite l’integrazione di percorsi scolastici ed extracurricolari (corsi di informatica, attività di laboratorio…).
La delibera, attraverso un intervento capillare in tutte le province campane, istituisce e aggiorna corsi di formazione per le scuole di base o destinati alla scuola superiore.
“Con questo provvedimento rafforziamo la politica formativa della nostra regione, potenziando in modo capillare il sistema scuola campano. Investire sui giovani significa investire sul futuro della nostra Regione” ha dichiarato l’assessore all’Istruzione, formazione e lavoro, Corrado Gabriele. “Ad un mese dalla chiusura delle iscrizioni per il nuovo anno – ha continuato – abbiamo fatto nostre le preoccupazioni mostrate anche in questi giorni dai sindacati della scuola, interpretando il ruolo fondamentale svolto dalle famiglie. Il provvedimento di oggi deve rappresentare un segnale di tranquillità per coloro che debbono decidere sul percorso di studi dei propri figli”. “Per questo abbiamo deciso di approvare in modo collegiale una programmazione scolastica che non tenga conto delle ipotesi di sperimentazione della riforma Moratti che comporta troppi rischi di discriminazione sul piano dell’istruzione. E’ stata nostra intenzione porre le basi per garantire pari opportunità di formazione a tutti i giovani cittadini della Campania” ha concluso Gabriele. DEL 5 GENNAIO 2006
LA GIUNTA STANZIA 200MILA EURO PER IL SOSTEGNO AL VOLO DIRETTO NAPOLI-MADRID: IN 16 MESI TRASPORTATI OLTRE 26MILA PASSEGGERI CON UN INCREMENTO DEL 74% RISPETTO AL 2003
La Giunta regionale della Campania ha assegnato un contributo di 200mila euro quale cofinanziamento per il sostegno e la promozione del volo di linea diretto Napoli-Madrid operato dalla compagnia iberica “Air Nostrum”.
Attivato nel luglio 2004 con due frequenze settimanali (sabato e domenica), il volo è stato poi potenziato, raggiungendo la frequenza giornaliera dopo quattro mesi.
Fino allo scorso novembre, il collegamento ha trasportato 26.141 passeggeri, con una capacità media di riempimento dei posti a disposizione (“load factor”) del 60% e con punte del 74%.
Circa il 40% dei passeggeri trasportati da Napoli a Madrid ha poi proseguito su voli di connessione Air Nostrum/Iberia verso altre città spagnole o del Sud America (in particolare Siviglia, Città del Messico, Buenos Aires, Alicante, Las Palmas, Málaga, Santiago, Rio de Janeiro, Tenerife, L’Avana, Caracas, San Paolo e Santo Domingo).
Ma il dato maggiormente rilevante è che il volo diretto ha stimolato e contribuito a incrementare i collegamenti tra Napoli e la capitale spagnola anche per i voli non diretti: nel 2003, infatti, quando non c’era ancora il volo diretto, i passeggeri che da Napoli hanno raggiunto Madrid attraverso altri scali (soprattutto Fiumicino e Malpensa) sono stati in tutto 23mila, saliti poi a 28mila nel 2004 quando è stato avviato il volo diretto.

Nel 2005, infine, il totale dei passeggeri tra Napoli e Madrid (sia con voli diretti che indiretti) è stato di oltre 40mila (26mila solo con il volo diretto, come si accennava sopra), con un incremento dunque di 17mila viaggiatori (circa il 74%) rispetto al 2003.
“Il bilancio del collegamento diretto Napoli-Madrid – dichiara l’Assessore regionale ai Trasporti, Ennio Cascetta – è estremamente positivo e ha già superato le più rosee previsioni, che stimavano un traffico annuale di circa 25mila passeggeri. Non solo con un mese di anticipo abbiamo già superato i 26mila viaggiatori, ma il nuovo volo è stato in grado di aumentare anche i collegamenti indiretti con la capitale spagnola attraverso altri scali, così come è già avvenuto per il volo Napoli-New York, che ha fatto registrare nel 2005 un incremento del 50 per cento dei collegamenti totali rispetto al 2004. Madrid, dunque, si conferma una scelta vincente sulla quale abbiamo puntato l’anno scorso, rappresentando un nodo importante di collegamento tra l’Europa e il Sudamerica, senza contare la crescente interazione fra la Campania e la Spagna in termini culturali, economici e turistici che, grazie anche al nuovo collegamento, si è rafforzata in questi mesi. Ringrazio dunque la compagnia che realizza il servizio e la Gesac, ente di gestione di Capodichino, che ha fornito il supporto tecnico al progetto e ha collaborato fattivamente con la Regione per la realizzazione del nuovo collegamento diretto”.

5 GENNAIO 2006 APPROVATA DALLA GIUNTA LA DELIBERA SULLA PROGRAMMAZIONE SCOLASTICA REGIONALE. POTENZIATA L’OFFERTA FORMATIVA SUL “SISTEMA CAMPANO”
La Giunta regionale ha approvato oggi la delibera di programmazione scolastica regionale per il 2006. Con questo atto si pianificano le attività delle scuole per il nuovo anno, l’organizzazione dei plessi per la gestione didattica e la progettazione di eventuali ristrutturazioni degli edifici. La nuova programmazione si concentra particolarmente sugli interventi finalizzati a incrementare l’offerta formativa per gli studenti, tramite l’integrazione di percorsi scolastici ed extracurricolari (corsi di informatica, attività di laboratorio…).
La delibera, attraverso un intervento capillare in tutte le province campane, istituisce e aggiorna corsi di formazione per le scuole di base o destinati alla scuola superiore.
“Con questo provvedimento rafforziamo la politica formativa della nostra regione, potenziando in modo capillare il sistema scuola campano. Investire sui giovani significa investire sul futuro della nostra Regione” ha dichiarato l’assessore all’Istruzione, formazione e lavoro, Corrado Gabriele. “Ad un mese dalla chiusura delle iscrizioni per il nuovo anno – ha continuato – abbiamo fatto nostre le preoccupazioni mostrate anche in questi giorni dai sindacati della scuola, interpretando il ruolo fondamentale svolto dalle famiglie. Il provvedimento di oggi deve rappresentare un segnale di tranquillità per coloro che debbono decidere sul percorso di studi dei propri figli”. “Per questo abbiamo deciso di approvare in modo collegiale una programmazione scolastica che non tenga conto delle ipotesi di sperimentazione della riforma Moratti che comporta troppi rischi di discriminazione sul piano dell’istruzione. E’ stata nostra intenzione porre le basi per garantire pari opportunità di formazione a tutti i giovani cittadini della Campania” ha concluso Gabriele. DEL 5 GENNAIO 2006
LA GIUNTA STANZIA 200MILA EURO PER IL SOSTEGNO AL VOLO DIRETTO NAPOLI-MADRID: IN 16 MESI TRASPORTATI OLTRE 26MILA PASSEGGERI CON UN INCREMENTO DEL 74% RISPETTO AL 2003
La Giunta regionale della Campania ha assegnato un contributo di 200mila euro quale cofinanziamento per il sostegno e la promozione del volo di linea diretto Napoli-Madrid operato dalla compagnia iberica “Air Nostrum”.
Attivato nel luglio 2004 con due frequenze settimanali (sabato e domenica), il volo è stato poi potenziato, raggiungendo la frequenza giornaliera dopo quattro mesi.
Fino allo scorso novembre, il collegamento ha trasportato 26.141 passeggeri, con una capacità media di riempimento dei posti a disposizione (“load factor”) del 60% e con punte del 74%.
Circa il 40% dei passeggeri trasportati da Napoli a Madrid ha poi proseguito su voli di connessione Air Nostrum/Iberia verso altre città spagnole o del Sud America (in particolare Siviglia, Città del Messico, Buenos Aires, Alicante, Las Palmas, Málaga, Santiago, Rio de Janeiro, Tenerife, L’Avana, Caracas, San Paolo e Santo Domingo).
Ma il dato maggiormente rilevante è che il volo diretto ha stimolato e contribuito a incrementare i collegamenti tra Napoli e la capitale spagnola anche per i voli non diretti: nel 2003, infatti, quando non c’era ancora il volo diretto, i passeggeri che da Napoli hanno raggiunto Madrid attraverso altri scali (soprattutto Fiumicino e Malpensa) sono stati in tutto 23mila, saliti poi a 28mila nel 2004 quando è stato avviato il volo diretto.

Nel 2005, infine, il totale dei passeggeri tra Napoli e Madrid (sia con voli diretti che indiretti) è stato di oltre 40mila (26mila solo con il volo diretto, come si accennava sopra), con un incremento dunque di 17mila viaggiatori (circa il 74%) rispetto al 2003.
“Il bilancio del collegamento diretto Napoli-Madrid – dichiara l’Assessore regionale ai Trasporti, Ennio Cascetta – è estremamente positivo e ha già superato le più rosee previsioni, che stimavano un traffico annuale di circa 25mila passeggeri. Non solo con un mese di anticipo abbiamo già superato i 26mila viaggiatori, ma il nuovo volo è stato in grado di aumentare anche i collegamenti indiretti con la capitale spagnola attraverso altri scali, così come è già avvenuto per il volo Napoli-New York, che ha fatto registrare nel 2005 un incremento del 50 per cento dei collegamenti totali rispetto al 2004. Madrid, dunque, si conferma una scelta vincente sulla quale abbiamo puntato l’anno scorso, rappresentando un nodo importante di collegamento tra l’Europa e il Sudamerica, senza contare la crescente interazione fra la Campania e la Spagna in termini culturali, economici e turistici che, grazie anche al nuovo collegamento, si è rafforzata in questi mesi. Ringrazio dunque la compagnia che realizza il servizio e la Gesac, ente di gestione di Capodichino, che ha fornito il supporto tecnico al progetto e ha collaborato fattivamente con la Regione per la realizzazione del nuovo collegamento diretto”.
5 GENNAIO 2006

LA GIUNTA ADOTTA IL NUOVO REGOLAMENTO PER L’ACCESSO, LA SEMPLIFICAZIONE E LA TRASPARENZA DEGLI ATTI

La Giunta regionale ha adottato stamani il Regolamento per l’accesso agli atti e ai documenti amministrativi.

Il provvedimento, che verrà sottoposto all’approvazione del Consiglio regionale, disciplina nel dettaglio il procedimento di accesso agli atti della amministrazione regionale, individuando i responsabili, le modalità di esecuzione, i tempi di svolgimento, nonché l’organizzazione degli Uffici preposti alla gestione delle istanze.

I cittadini che richiedono l’accesso hanno nel del “Responsabile del procedimento”, nominato presso ciascun Settore dell’Amministrazione, il proprio referente. Questa figura offre il proprio supporto nella identificazione dell’atto, riceve le richieste, procedendo ad alcune verifiche preliminari, e conduce l’istruttoria della domanda.

L’amministrazione facilita l’accesso gratuito a tutti i suoi atti, eccetto poche ristrette categorie, e per ben specificati motivi, da parte di tutti gli interessati, privati e amministrazioni pubbliche. Il procedimento di accesso deve concludersi nei trenta giorni dalla presentazione della richiesta, termine che può anche abbreviarsi, se esistono particolari motivi di urgenza.

La richiesta di accesso può essere presentata in maniera informale, anche verbalmente, o formale, in carta semplice al Settore competente. Al fine di agevolare gli utenti, un modulo, o scheda di accesso, sarà disponibile presso l’Ufficio Rapporti con il Pubblico o presso l’Ufficio competente.

L’amministrazione è tenuta a comunicare sempre l’esito del procedimento di accesso, indicando quando e dove l’atto è disponibile per la consultazione, consentendone la trascrizione e rilasciandone copia su richiesta. Nel caso il procedimento di accesso si concluda con un diniego, una limitazione o un differimento dell’ istanza, l’amministrazione ne fornisce la motivazione. In tali casi è previsto che il richiedente possa presentare, entro trenta giorni, richiesta di riesame al Coordinatore dell’Area 02 Affari Generali della Giunta Regionale.

Dal punto di vista organizzativo si istituisce presso la Segreteria della Giunta Regionale un Servizio centrale per l’accesso denominato “Attività generali in materia di trattamento dei dati e diritto d’accesso – Rapporti con l’URP” con funzioni di coordinamento e supervisione dell’operato dei Settori dell’amministrazione.

“L’approvazione del regolamento con il quale la Regione Campania dà concretezza all’esercizio del diritto di accesso costituisce un passo fondamentale verso la realizzazione di quel principio di democrazia amministrativa che deve ispirare i rapporti tra amministrazione e cittadino.” ha dichiarato l’Assessore alla Riforma della Pubblica Amministrazione Andrea Abbamonte.

“Nella sostanza il regolamento – ha continuato Abbamonte – ribadisce e realizza la logica secondo la quale una moderna amministrazione, operando secondo trasparenza, economicità ed efficacia, debba comunicare in maniera qualificata con il cittadino, motivando l’esito dei procedimenti che lo interessano e proponendosi con un atteggiamento di servizio e apertura, al fine di rafforzare il rapporto di buona fede e leale collaborazione con lui.”

“Ad affermare tale logica, già nel 1990, era intervenuta la Legge 241, una delle pietre miliari della riforma della pubblica amministrazione – ha aggiunto l’Assessore – Il regolamento licenziato dalla Giunta dà piena attuazione a tale norma, ed affronta in maniera completa la disciplina dell’accesso, recependo, inoltre, i contenuti dalla Legge 15 del 2005, che frattanto la ha sostanzialmente rivista e modificata, e continuando sulla strada della semplificazione tracciata, tra l’altro dall’art. 4 del collegato alla finanziaria regionale, che ribadisce la responsabilità dei dirigenti in un’ottica di semplificazione degli adempimenti della Giunta”.


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.