10 SETTEMBRE 2005 FONDO DI GARANZIA REGIONALE: SIGLATA CONVENZIONE CON SOGGETTO GESTORE.
COZZOLINO: PRESTO DISPONIBILI FONDI PER FINANZIAMENTI PMI FINO A 460 MILIONI DI EURO.
Sono state sottoscritte, a Palazzo Santa Lucia, le 5 convenzioni di attuazione con cui la Regione Campania affida la gestione del Fondo Regionale di Garanzia per il finanziamento, a medio e lungo termine, di investimenti alle piccole e medie imprese campane.
Il soggetto gestore sarà l’Associazione Temporanea di Imprese costituita tra BNL, Artigiancassa e Iccrea Banca, selezionata in base a rigidi criteri di efficienza ed efficacia che riguardano: possesso del rating, esperienza nella concessione e gestione di garanzie, capacità e strutture in grado di valutare il merito creditizio.
“Il Fondo Regionale – afferma l’assessore all’Agricoltura e alle Attività produttive, Andrea Cozzolino – ha una dotazione complessiva di 46 milioni e 500 euro e permetterà alle PMI campane, operanti nei settori dell’industria, del commercio e dei servizi, di ottenere finanziamenti fino a circa 460 milioni di euro”.
Il Fondo Regionale di Garanzia, infatti, permetterà, mediamente il meccanismo finanziario dell’accantonamento a fondo rischi, di garantire per ogni milione di euro del Fondo finanziamenti fino a 10 milioni di euro.
Inoltre, alle imprese che presenteranno richiesta di finanziamento non verrà chiesta alcuna garanzia accessoria. Sarà il Fondo Regionale, infatti, a offrire garanzie a copertura dell’80% del finanziamento concesso. Mentre sarà richiesto alle imprese di coprire con proprie garanzie la restante quota di finanziamento.
“La qualità della garanzia prestata – aggiunge Cozzolino – che è a prima richiesta e, dunque, compatibile con le regole di Basilea 2, ha permesso alla Regione Campania di ottenere che le banche applicheranno, sui finanziamenti garantiti dal Fondo Regionale, tassi di interesse entro limiti fisiologici all’andamento di mercato”.
Secondo la convenzione, l’ATI BNL-Artigiancassa-Iccrea attrezzerà strutture in grado di garantire alle imprese la massima velocità nella concessione delle garanzie e la massima qualità delle istruttorie di ammissibilità.
Le PMI interessate dovranno inoltrare domanda di accesso al Fondo per il tramite delle banche convenzionate con il soggetto gestore (l’elenco completo delle banche convenzionate sarà rilasciato dallo stesso soggetto gestore e dalla Regione Campania). Le banche, a loro volta, trasmetteranno la richiesta all’ATI che, dopo aver valutato i requisiti di accessibilità (indicatori qualitativi di solidità economica e finanziaria) e di priorità, concederà la garanzia all’impresa.

Il regolamento operativo approvato prevede tempi molto rapidi ed il criterio cronologico per la procedura di concessione delle garanzie.
I criteri di priorità saranno:
ü operazioni a sostegno degli investimenti finanziati nell’ambito del P.O.R. Campania 2000 – 2006;
ü qualità del piano finanziario;
ü investimenti in settori innovativi e/o a rilevante contenuto di innovazione;
ü caratteristiche esterne di integrazione del progetto di investimento (integrazione e/o completamento di filiere/sistemi locali);
ü impresa giovanile e/o femminile, con particolare riferimento alle imprese che abbiano già avuto accesso a fondi regionali di incentivazione;
ü imprese sane operanti in settori in crisi ammessi dalla disciplina comunitaria in materia di aiuti pubblici alle imprese.


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.