Il 24 al Mec Hotel di Paestum, Tavola rotonda per la mela Annurca. Il convegno moderato da Francesco Landolfo, presidente dell’Arga.
La mela Annurca sarà protagonista di una giornata che si svolgerà il giorno 24 maggio presso il Mec Hotel di Paestum. La manifestazione ideata dal prof.Mario Lombardi, presidente del Centro Studi Chianciano- Paestum „G.Sanchini‰ ha trovato risposta nell’organizzazione da parte della Cantina Storica di Montù Beccaria Srl, della famiglia Acanfora, titolare del Mec Paestum Hotel e dell’Istituto professionale di stato per i servizi alberghieri e della ristorazione di Pagani.
L’Annurca, definita la regina delle mele, in via di ottenimento, da parte della Comunità Europea del marchio I.G.P. (Indicazione Geografica Protetta), che ha avuto in Italia le sue origini nel territorio flegreo per trovare espansione di produzione nelle limitrofe campagne di Giugliano e Villaricca, ha poi trovato terreno fertile anche nel casertano, beneventano, avellinese ed attualmente ha avuto grande successo nel salernitano. Tentativi di produzione di mela Annurca sono stati messi in atto anche in altre regioni ma il successo non si è realizzato ed il prodotto resta un tipico emblema dei particolari frutti campani. Ecco il motivo che ha spinto gli organizzatori della prossima kermesse, presentata dalla simpatica barlady Anna Di Sandro e con la partecipazione della dinamica collega Giovanna Paduano, a dedicare una ben articolata giornata al prodotto della terra.
I lavori saranno aperti nella sala del Tuffatore del Mec Paestum hotel, dal 1° banco d’assaggio nazionale: I Giovani alla ribalta al bar e in cucina‰ con prove dimostrative di Apple snack Cup 2005 riservate agli allievi IPSSAR campani (la mela Annurca e i suoi derivati loro utilizzo negli elaborati di cucina e bar).
Alle ore 16:00, seguirà la 1° Tavola Rotonda: La mela Annurca istruzione per l’uso, che moderato da Francesco Landolfo, presidente dell’Associazione Regionale Giornalisti Agricoli, Agroalimentari, Ambiente e Territorio, vedrà la partecipazione del presidente della Camera di Commercio di Salerno, dell’assessore all’agricoltura, del Sindaco di Paestum, del preside dell’Istituto Agrario di Battipaglia, del preside dell’Ipsar di Pagani, lo storico di tradizioni cilentane Ezio Falcone ed il titolare della Cantina Storica di Montù, Fabio Tonalini.
Alle ore 18:00 sarà presentato in prima mondiale il distillato di mele annurche salernitane (che ha dimostrato di essere un ottimo liquore di fine pranzo oltre a poter essere gustato in vari momenti) con la
consegna delle prime bottiglie numerate alle personalità presenti.
Infine alle ore 19:30 la presentazione dell’Apple Snack Cup, preparato dagli allievi degli IPSSAR in onore degli ospiti con degustazione di prodotti caseari cilentani e Spumante brut millesimato
Montù. La giornata terminerà con una cena di gala: A tavola con la mela Annurca cilentana, offerta nella sala Imperiale del Mec Paestum hotel, dove noti ristoranti cilentani, con la collaborazione degli allievi IPSSAR di Pagani, proporranno la famosa cucina mediterranea armonizzata dai vini dalla Montù. Nel corso della cena saranno assegnati riconoscimenti dal parte del professore Mario
Giorgio Lombardi, direttore del Centro Sanchini di Chianciano. Conosciuta già prima dell’era romana, troviamo riscontro dell’utilizzo della mela Annurca in reperti storici e rappresentazioni nei dipinti rinvenuti nella Casa dei Cervi agli scavi di Ercolano e nell’antica Pompei. Plinio il Vecchio la citava nella sua Naturalis Historia, denominandola mala orcula. La mela Annurca campana è facilmente
riconoscibile per la sua forma irregolare quasi schiacciata, il colore rosso vivo striato, con nella cavità peduncolare una caratteristica area rugginosa, ha polpa liscia e soda, molto compatta, croccante, dolce mediamente acidula e molto aromatica. La mela Annurca, oltre ad essere gustata cruda, trova impiego anche nella gastronomia ed i giovani chef la utilizzano sempre più per la preparazione di numerosi
piatti e principalmente dolci.
Giuseppe De Girolamo(nella foto)


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.