Futuro Remoto, domani nella sala conferenze di Palazzo Reale il convegno promosso dall’IZSM dal tema “Ambiente, Cibo e Salute: la Sanità di prevenzione al servizio dei cittadini, tra ricerca e controlli”

VENERDI’ a partire dalle ore 10.00, presso la sala conferenze di Palazzo Reale, si terrà il convegno dal tema “Ambiente, Cibo e Salute: La Sanità di prevenzione al servizio dei cittadini, tra ricerca e controlli”.
La manifestazione, promossa dall’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno, rientra nelle attività messe in campo dalla Rete degli Istituti Zooprofilattici Sperimentali italiani nell’ambito della XXXI edizione di Futuro Remoto, prima manifestazione di Italia dedicata alla diffusione della cultura scientifica e tecnologica, promossa da Città della Scienza, che, quest’anno sarà imperniata sul tema delle Connessioni e che si terrà dal 25 al 28 maggio in piazza del Plebiscito a Napoli.
Dopo il saluto di apertura, a cura di Franco Peppino Roperto, presidente del consiglio di amministrazione dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorn.
Interverranno:
Antonio Limone, direttore generale dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno;
Paolo Sarnelli, responsabile della Unità operativa dipartimentale di Prevenzione e Sanità Pubblica Veterinaria della Regione Campania;
Stefano Cinotti, direttore generale dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia ed Emilia Romagna;
Antonio Fasanella, direttore generale dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Puglia e Basilicata;
Mauro Mattioli direttore generale dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Abruzzo e Molise; Salvatore Seminara, direttore generale dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sicilia; Silvano Severini, direttore generale dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell’Umbria e delle Marche; Attilio A. M. Bianchi, direttore generale dell’Istituto nazionale tumori IRCCS “Fondazione Pascale” di Napoli;
Gaetano Oliva, direttore del Dipartimento di Medicina Veterinaria e Produzioni Animali dell’Università degli Studi di Napoli “Federico II”;
Vincenzo Caputo, direttore del Criuv e Marco Ianniello della direzione generale della sanità animale e dei farmaci veterinari del Ministero della Salute.
— Marta Cattaneo giornalista professionista


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.