Non è d’accordo la Lega Nord. L’arrivo di Guido Bertolaso, capo della protezione civile, a Napoli ha prodotto l’effetto sperato. I rifiuti andranno in Germania (dove saranno distrutti dopo che ne avranno estratto materiali riciclabili, cioè un bel guadagno e non solo, visto che ci costa ben 300 lire al chilo) al ritmo di 1660 tonnellate al giorno, grazie al finanziamento di 15 milioni di euro stanziati dal governo, che, allo stesso tempo, ha conferito al Commissario Corrado Catenacci di requisire le aree necessarie in tutta la Campania. Ad Aversa, però, continua l’altalena di momenti favorevoli a quelli sfavorevoli: corteo anti-discarica con tafferugli e qualche contuso, mentre il sindaco aveva deciso di adottare la linea morbida. Il presidente della giunta regionale della Campania, Antonio Bassolino, propone di sensibilizzare tutti i comuni campani ad intensificare le operazioni per la raccolta differenziata. Si potrebbe scendere gradualmente al costo di 100 lire al chilo per i rifiuti all’estero, ma anche recuperare nel tempo un margine di guadagno, utile per fare abbassare le tasse comunali a carico dei residenti, magari anche con qualche servizio in più da assicurare alla cittadinanza. Ugo Parolo, responsabile dell’ambiente per la lega nord, ha criticato con una nota inviata agli organi di stampa, i pieni poteri affidati al prefetto per i rifiuti. Dice: “Così facendo si torna al 1870, quando i piemontesi mandarono nell’appena frantumato regno delle due Sicilie i prefetti, perché la popolazione non era in grado di autogovernarsi. La lega non accetterà nessuna soluzione d’imperio atta a trasferire con forza o poteri eccezionali i rifiuti di una regione irresponsabile, dice, è paradossale che si attuino procedure di protezione civile in deroga all’ordinamento generale dello Stato, per affrontare una situazione derivante dall’irresponsabilità della classe dirigente locale e dalla mancanza di senso civico dei cittadini”. Per questo e molto altro che l’esponente ambientalista e leghista non dice (e che avrebbe sconfessato la sua sconclusionata tesi) è intervenuta la protezione civile.


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.