9 gennaio 2006 “Educarsi ed educare alla pace”: il Corso inizia l’11 gennaio al ‘Giannone’ di Caserta
Mercoledì 11 gennaio alle ore 9, presso l’Aula magna del Liceo Classico “Pietro Giannone” di Caserta, ha inizio il Corso di formazione per i docenti referenti delle scuole primarie e secondarie della provincia “Educarsi ed educare alla pace”. Interviene il prof. Lorenzo Chieffi, preside della facoltà di Giurisprudenza della Seconda Università di Napoli, con la relazione del sul tema “Pace, diritto, costituzione”, cui seguiranno nel pomeriggio i lavori di gruppo.
Il Corso, che è promosso dal settore Istruzione della Regione Campania in collaborazione con il Centro Servizi Amministrativi e con la Provincia di Caserta, è diretto dal dirigente del liceo “Giannone”, prof. Giorgio Iazeolla, ed è coordinato dalla referente prof. Ida Alborino.
Per l’occasione sarà allestita una mostra di progetti, realizzati dal Facoltà di Architettura dell’Università “Federico II” di Napoli sul tema “Architettura come linguaggio di pace”, curata dal prof. Maria Maddalena Simeone, docente di Storia dell’Arte.
Il Corso di formazione proseguirà con altri quattro incontri, secondo il seguente calendario: mercoledì 25 gennaio (Informazione e comunicazione mediatica) con il giornalista de ‘Il Mattino’ Vittorio dell’Uva; mercoledì 21 febbraio (Dalla politica dei blocchi agli scenari attuali) con lo storico Felicio Corvese; mercoledì 21 marzo (La distruzione delle risorse e dell’ambiente) con la prof Giuliana Martirani della “Federico II” di Napoli; mercoledì 11 aprile (Guerre e reti di solidarietà) con la prof. Maria Marrone di Amnesty International e con il dott. Diego Maria Ianiro, peace-keeper in Palestina.
INFO comunicazione: Mary Attento
(in allegato, un’immagine del prof. Giorgio Iazeolla)
Questa e-mail circolare, inviata in Ccn alle redazioni o a persone a scopo informativo riguardo eventi culturali, sanitari, politici, ecc., non contiene pubblicità né promozione di tipo commerciale. Coscienti che e-mail indesiderate possono essere oggetto di disturbo, La preghiamo di accettare le nostre scuse, se la presente non dovesse essere di Suo interesse. A norma della Legge 675/96 e del D.P.R. 28 luglio 1999 n. 318 e successive modifiche e integrazioni, abbiamo reperito il Suo indirizzo di posta elettronica navigando in rete o da e-mail che lo hanno reso pubblico e i suoi dati sono conservati in base alle suddette leggi. Questo messaggio, inoltre, non può essere considerato spam poiché include la possibilità di essere rimosso da ulteriori invii di posta elettronica. Qualora non intendesse ricevere altre comunicazioni, può chiedere la cancellazione del Suo nominativo inviando una e-mail allo stesso indirizzo. Grazie


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.