Slow Food Napoli, in collaborazione con il Centro AbitiAmo della Parrocchia di San Gennaro al Vomero e l’Associazione Quartieri Spagnoli Onlus, attiverà nel periodo 11-21 marzo, un’iniziativa solidale destinata ai più deboli della città.

Quattro cuochi napoletani selezionati dalla rete Slow Food locale si alterneranno ai fornelli per donare pasti per i bisognosi. Da sempre i ristoranti e le osterie, soprattutto quelli che abbracciano la filosofia Slow Food, sono luoghi di svago, ma anche e soprattutto di trasmissione del sapere e costruzione della comunità. Diventa naturale che una filiera gastronomica di prossimità e qualità che costituisce un patrimonio collettivo di un territorio lanci un segnale forte di collaborazione e sostegno a tutti i livelli.

L’iniziativa rientra nel progetto Eat Slow Be Happy, promosso da Slow Food Italia nelle città di Roma, Torino, Taranto, Catania, Napoli, Trento, Bolzano e Firenze, per sostenere la ristorazione di qualità. Per Napoli, Slow Food Napoli ha coinvolto Nives Monda de La Taverna a Santa Chiara, Massimo Di Porzio di Umberto, Rino Artigiano di Pizzeria ‘Ntretella, Raffaele Cardillo de Il Ristorantino dell’Avvocato.

I pasti saranno preparati con materie prime locali stagionali e di eccellenza, rispettandola diversità di culture e religioni e saranno consegnati in appositi contenitori monouso di materiale compostabile e biodegradabile.

«Slow Food è solidarietà, è comunicare fratellanza utilizzando il cibo come mezzo di dialogo», afferma il fiduciario di Slow Food Napoli Giosuè Silvestro, che ha coordinato l’iniziativa.


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *