Democratici di Sinistra
Unione Regionale della Campania
Ansaldo: Amendola (Ds): bisogna difendere presidi produttivi in Campania

Dichiarazione del Segretario Regionale dei Ds della Campania Enzo Amendola

Accolgo favorevolmente la richiesta pervenutaci dalle sezioni DS dell’area Orientale sulla necessità di difendere i presidi produttivi li esistenti. Il partito assume la priorità di intervenire a livello politico e istituzionale, per fronteggiare i problemi di quest’area afflitta da grande disagio sociale e degrado ambientale, ritenendo il mantenimento e lo sviluppo delle attività produttive preesistenti, una grande opportunità di rilancio per tutta la Città e dell’intera Regione.
Ritengo sbagliato e squilibrato uno sviluppo senza attività produttive, o fortemente ridimensionate, o prive d’obiettivi strategici, soprattutto se sono ecocompatibili ed a tecnologia avanzata come le realtà ANSALDO ad esempio, in grado di offrire grandi opportunità di sviluppo duraturo sul territorio.
Le alterne vicende industriali che hanno coinvolto l’ANSALDO in questi anni hanno dimostrato, che l’azienda ha preferito strutturare in modo significativo e durevole le proprie attività, in quei siti dove la politica territoriale ha più inciso sugli equilibri politici nazionali, ed a quei livelli sarà rivolto il nostro intervento.
I mutamenti di linea strategica di Finmeccanica, a cui abbiamo assistito nel corso degli ultimi anni, non devono diventare il pretesto di non mantenere gli impegni di sviluppo assunti per Ansaldobreda di Napoli. Il sindacato campano ha dimostrato grande responsabilità sottoscrivendo accordi non facili, ma che prospettavano sviluppo e che hanno avuto un prezzo per le attività a Napoli in termini di potere decisionale e livelli occupazionali, se pensiamo alla chiusura di Pozzuoli ed il ridimensionamento del ruolo strategico di ANSALDO TRASPORTI.
Assumiamo positivamente le dichiarazioni informali fatte dai vertici di Finmeccanica ai rappresentanti delle nostre istituzioni, circa la visione di prospettive per il futuro di Ansaldobreda, confermate dagli investimenti che la holding ha effettuato negli ultimi due anni per colmarne le perdite e dalla volontà di giungere al pareggio entro il 2009.
Riteniamo strategico che il governo assuma un potere di coordinamento e indirizzo, tra il piano e gli investimenti già previsto per Trenitalia ed il piano che Finmeccanica svilupperà nel settore. Questo consentirà, come è già avvenuto in Francia, alla nostra industria nazionale di affrontare la concorrenza internazionale con gli strumenti opportuni.
Per questi motivi scriverò personalmente ai ministri Bersani, Bianchi e Nicolais invitandoli ad intervenire ed aprire un confronto con i rappresentanti dei lavoratori campani. Chiederò al presidente Bassolino ed alla sua giunta di sviluppare un incontro con i vertici di Finmeccanica per chiarire le linee che intendono adottare per lo stabilimento di via Argine.

Ufficio Stampa DS
3470885233 – 3339064533
Ds Campania Ufficio stampa [dscampaniapress@gmail.com]


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.