NAPOLI, 11 NOV – In riferimento alle notizie apparse sulla stampa, relative alla vicenda della ditta di pulizia EPM – Multiserv, di seguito si riporta la dichiarazione del Consigliere regionale Angelo Brancaccio (DS), Segretario della Presidenza del Consiglio Regionale.

“Contrariamente a quanto riportato da qualche organo di informazione, preciso che nell’Ufficio di Presidenza di ieri non è stato portato da parte del Presidente e di altri componenti alcuna delibera inerente la rescissione contrattuale con la ditta EPM – Multiserv, né tanto meno la delibera di rotazione dei dirigenti regionali. Come pure smentisco, una presunta non chiara posizione da parte del sottoscritto nel corso della stessa riunione dell’Ufficio di Presidenza. Anzi faccio notare che dopo la proposta del Questore Martusciello, adeguata e saggia, di istituire una commissione di accertamenti sulla vicenda, ho contro proposto, invece, che gli stessi accertamenti venissero espletati dal Segretario Generale, Dott. De Lisi, al solo fine di abbreviare i termini (7 giorni) e mettere l’Ufficio di Presidenza nelle condizioni di determinare in merito. Proposta questa subito accettata dal Presidente Lonardo e dai restanti componenti anche se con convinzioni di percorso diverso. Per quanto mi riguarda, in perfetta sintonia con il capogruppo Antonio Amato e l’intero gruppo regionale Ds, ho le idee chiare e quindi un atteggiamento tutt’altro che incerto. Trasparenza, correttezza amministrativa e legalità devono essere i riferimenti indiscussi e chiari dell’azione del consiglio regionale. In questo senso è più che un fatto positivo il nuovo ordinamento regionale, in qualche modo rivoluzionario, che ieri è stato discusso nell’Ufficio di presidenza e mi auguro che quanto prima arrivi in consiglio. Ritengo, dunque, che se si riscontreranno omissioni amministrative di natura dolosa bisognerà immediatamente informare le autorità giudiziarie; se invece emergeranno “semplici” omissioni prive di dolo bisognerà immediatamente adottare atti consequenziali sul piano disciplinare – amministrativo. Relativamente alla rescissione contrattuale, se e quando avverrà, alla luce della mia lunga esperienza amministrativa (13 anni sindaco e per circa 10 consigliere provinciale), ho la presunzione di affermare che anche in questo caso ho le idee chiare e decise sugli atti da intraprendere. Aggiungo, inoltre, anche se non era all’o.d.g. di aver sollecitato, eventualmente sfruttando la procedura abbreviata in materia di appalti pubblici (20 giorni anziché 60), la gara di appalto per le pulizie invitando solo coloro i quali preventivamente sono a posto con la certificazione antimafia e con il Protocollo di legalità recentemente sottoscritto dalla Regione Campania con la Prefettura di Napoli”.

On. Angelo Brancaccio


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.