CASERTA – Si è dato il via alla presentazione del nuovo disegno di legge regionale sul turismo. La conferenza degli Stati generali del Turismo in Campania si sta svolgendo nello splendido scenario delle sale dell’ Holiday In Resort di Castel Volturno. Ieri mattina si è tenuta la prima tavola rotonda che ha trattato “la riforma del sistema turistico”e, la “capacità di accoglienza e la qualità del servizio.
Oltre all’intervento del capogruppo dello Sdi Gennaro Oliviero e dell’assessore al Turismo Marco Di Lello, sono intervenuti i maggiori esponenti del mondo imprenditoriale e sindacale campano. Per stamani, che si discuterà su “ la paura della crisi e come combatterla:strategie di difesa e strategie di attacco”, è atteso l’arrivo del Presidente della Regione Campania Antonio Bassolino che dopo la chiusura dei lavori, inaugurerà i campi da golf della struttura ospitante. È il presidente del Gruppo consiliare dello Sdi in regione Campania, Gennaro Oliviero, che dopo aver anticipato con largo anticipo alla stampa questo importante appuntamento ha parlato del territorio casertano ed ha così dichiarato: “ Per la provincia di Caserta il turismo rappresenta una risorsa di fondamentale importanza, sia dal punto di vista economico, sia da quello sociale e culturale. L’offerta turistica casertana è ricca ed è capace di abbinare turismo culturale, balneare enogastronomico, congressuale e religioso, mettendo le località di Terra di Lavoro in una posizione di assoluto favore per ciò che concerne la loro capacità di attrarre turisti. La regione Campania, – ha proseguito Oliviero – ed in particolar modo l’Assessorato al Turismo, lavora affinché queste straordinarie ricchezze possano svilupparsi pienamente e tramutarsi in occasione di crescita per l’intero territorio. Per raggiungere questi obiettivi – ha concluso Oliviero – la Regione si è dotata di numerosi strumenti, la legge 24/84 che regola gli “interventi promozionali per l’incremento in Campania delle correnti turistiche italiane ed estere”, ma, è soprattutto grazie al sostegno dei fondi strutturali europei e nella loro concretizzazione nei Piani Integrati per il Turismo che si sono programmati e si realizzeranno una serie di interventi, rispettosi delle vocazioni specifiche di ciascuna area e coerenti con una visione del turismo campano inteso come unico sistema”.


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.