Educazione: Dobbiamo Tornare ad Investire
L’estate è agli sgoccioli, i giovani rientrano dalle vacanze e si preparano ad un nuovo anno scolastico. Un anno scolastico che di nuovo ha solo la data, mentre per il resto tutto rimane immobile: sono le solite lezioni, con i soliti programmi, nelle solite aule. 
L’ultima analisi condotta dall’OCSE sulla qualità e sull’incisività dell’istruzione nei Paesi membri, restituisce un quadro piuttosto cupo circa il profilo italiano. I dati relativi all’Italia mostrano, infatti che la spesa per l’istruzione è diminuita significativamente dal 2008 al 2014. Nel 2013 la spesa totale (pubblica e privata) per l’istruzione è stata fra le più basse dei paesi presi in esame dall’analisi, cioè pari al 4% del PIL rispetto ad una media OCSE del 5,2%. 
Si potrebbe pensare che un così basso livello di spesa pubblica per l’istruzione sia riconducibile ad un basso livello di spesa pubblica in generale, ma non è così: a partire dal 2013 all’istruzione italiana è stata attribuita una quota di bilancio esigua rispetto ad altri settori, stanziando il 7% della spesa pubblica dedicata a fronte di una media OCSE pari all’11%.

LEGGI ANCHE GIOVANI LAUREATI, L’ITALIA DIETRO LA LAVAGNA 
Tutto questo è in rotta di collisione con una realtà: l’investimento in istruzione produce rendimenti elevati, tanto per chi ne beneficia quanto per l’economia in generale, infatti un maggiore livello di istruzione dovrebbe avere effetti positivi sulla crescita dell’intero sistema e produrre migliori opportunità per tutti. 
In Italia, l’ultimo tasso registrato di ingresso degli studenti in un corso di laurea di primo livello è del 37%, mentre i giovani laureati, tra i 25 e i 34 anni, non trovano facilmente lavoro e registrano un tasso di occupazione pari al 62% contro una media OCSE dell’83%. Oltretutto, più di un terzo dei giovani tra i 20 e i 24 anni sono giovani che non lavorano, non studiano e non seguono una formazione. 
Probabilmente a fare da ponte tra la mancanza di investimenti e la sfiducia negli esiti, conta anche la struttura della domanda: complice la crisi, il nostro sistema produttivo non ha necessità di professionalità tali da giustificare investimenti in termini di impegno nello studio e di risorse finanziarie.  Se è vero che un sistema di piccole imprese specializzate in settori tradizionali tende ad investire meno in acquisizione di capitale umano, è altrettanto vero che questo è uno dei più evidenti limiti del nostro sistema produttivo. Il compito della politica economica è quello di contrastarli con decisione, non di assecondarli con morbidezza.
 
LEGGI IL NOSTRO LIBRO “ALLENARSI PER IL FUTURO” 
E nasconderci dietro alla solita considerazione per cui è difficile trovare le risorse finanziarie, è solo una mezza verità. Gli investimenti e gli orientamenti in tema di istruzione devono essere guidati dall’importanza dei processi di sviluppo. La cattiva abitudine a fare cassa riducendo la spesa per l’istruzione può creare spazio ad altre voci di spesa, ma nel lungo periodo avrà effetti negativi sulla crescita, danneggiando tutti.
Le Idee di Competere
Leggile tutte

Categorie: Attualità

0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.