Vincenzo Russo: “Che bella la casetta in Canada”
Beniamino Lomacchio, povero in canna viveva da sfollato in un’aula scolastica; con un’espediente riuscì a farsi assegnare una casa, precisamente quella del custode del cimitero.In seguito ad una notte insonne, costellata da macabri episodi durante i quali fu messo a dura prova il cuore non solo di Beniamino, ma di tutta la sua famiglia, ritorna sotto “il tetto” che lo aveva fino a poco prima ospitato,in quell’accogliente aula scolastica. Lo svolgimento delle elezioni ( evento priotitario su qualsiasi condizione sociale ), lo costrinse ad abbandonare nuovamente l’aula, per “rifugiarsi” in quell’arena che secoli addietro era stato il deplorevole scenario di lucenti lame, quelle dei Gladiatori; la sua nuova casa era il Colosseo. La somma in denaro vinta ad un concorso, fu una svolta per Beniamino, il quale decide di prendere in fitto un “appartamento a tutti gli effetti”. Beniamino Lomacchio, non aveva molta fortuna, in quello che per lui era un motivo di vita e cioè “un tetto” per la sua famiglia, perché la stessa casa fu fittata anche ad alcune turiste inglesi e per finire ad un cinese…immaginate che “convivenza”. Questo era il soggetto di un film realizzato da Stefano Vanzina ( Steno ) e Mario Monicelli, nel 1949 “ Totò cerca casa “. Il Principe De Curtis, impersonò Beniamino.
“La casa”, il quartier generale di ogni individuo; sia che viva da “single” o che decida di metter su famiglia. “Il tetto” che purtroppo non sempre gli uomini riescono a realizzare,fondamentale per la “privacy”. Negli ultimi anni, e questo è un dato di fatto, in Italia sono stati adeguati i tassi di interesse (grazie Europa), per chi chiede un mutuo bancario al fine di comprare una casa; la richiesta di appartamenti ha subito un’impennata e di conseguenza i prezzi degli stessi.
Italiani non temete! Nella sua ultima “apparizione”,nonostante un vento ribelle, neppure un capello fuori posto, in uno dei posti che il mondo più ci invidia: Sorrento, il Cavaliere, nonché condottiero del nostro amato Stivale, ha promesso di dare una casa a chiunque non l’abbia.
“Daremo la casa a circa 12 milioni di Italiani”; certo la promessa è alquanto azzardata, ma lui è uno che le promesse le mantiene! “Presidente ma com è possibile? “ Mi consenta, daremo la casa a tutti gli sfrattati”. “ Ah…volevo ben dire,allora si che la promessa La può mantenere”.
Mi sono chiesto quanti fossero gli sfrattati; forse qualche milione; speriamo non sia quello stesso “milione” che cinque anni or sono trovò impiego, altrimenti si potrebbe pensare che sono raccomandati”.Grazie comunque Presidente. S’avvicinano le elezioni e Lui si, che conosce bene le preferenze degli Italiani: possedere una casa, e qui non sbaglia di certo, considerato che in ogni singola città, Comune o addirittura quartiere, spuntano come funghi punti, vendita immobiliari; di cui, quelli di “ultima generazione” con già annessa una Società finaziaria. Certo l’acquisto di un appartamento non è cosa semplice, le risorse apparteneti alle Agenzie immobiliari spendono una marea di tempo per mostrare l’oggetto dell’acquisto al probabile acquirente; il quale talvolta deluso, per qualche mancata esigenza, desiste.
Oltre le riviste specifiche, con miliardi di annunci e numeri di telefono,qualche Agenzia, attraverso il sito internet, mostra le foto dell’appartamento in vendita, ma resta sempre un fatto molto riduttivo; che diciamolo pure non soddisfa a priori, fino in fondo, le particolari esigenze dell’acquirente; quelle visive.Bisogna recarsi in loco di persona ed ogni volta rievocare “San Tommaso”.Parliamo di certezze e non di semplici promesse, se proprio qualcuno, costruttori, privati, agenzie e chi più ne ha più ne metta, volesse ottimizzare il tempo di compravendita di un appartamento, allora è necessario collegarsi al sito www.pubblicasa.it.
L’idea è di un ragazzo napoletano, Giorgio Calafato che ci consiglia “La tua casa in DVD”. Praticamente viene filmata l’ubicazione cittadina dell’immobile e le caratteristiche interne dello stesso; il video che ne consegue è reso successivamente disponibile sul sito internet. Onestamente mi sembra un’idea valida, che ottimamente si colloca nell’era del progresso, dove siamo tutti dei “San Tommaso”, anche da una comoda poltrona di casa nostra, imputando ad un computer, quelle informazioni necessarie a soddisfare la nostra vista.
Pubblicasa di Calafato Eduardo Via Galante 53 80046 San Giorgio a Cremano (NA).
Info Tel. 081/2565001 338/3551133 – Info Line info@pubblicasa.it
Correva l’anno 1957, quando Gino Latilla cantava…
Aveva una casetta piccolina in Canada, con vasche, pesciolini e tanti fiori di lillà,
e tutte le ragazze che passavano di là dicevano: “Che bella la casetta in Canada”
Oggi non occorre passare necessariamente di là, la bella casetta in Canada “appartiene” in tempo reale, al mondo. Vincenzo Russo


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.