FILMARE A PINETAMARE. CASTELVOLTURNO(CE): LA PRIMA RASSEGNA CINEMATOGRAFICA E UN CONVEGNO.
“Fil.mare” in programma dal 4 al 7 giugno 2008 all’Holiday Inn di Castelvolturno e nei centri del litorale domizio.
Primo Festival Cinematografico dedicato al mare e alle sue suggestioni.
Con “NavigaVolturno” al via i convegni di Fil.mare.

——————-
SABATO 7 GIUGNO
——————-
Premio Domiziano a
Michele Placido, Valeria Golino, Isabella Ferrari,
Laura Chiatti, Ernesto Mahieux e Ortensia De Francesco.
«Se ne è andato uno dei grandi maestri del nostro cinema, nella sua totalità, ha rappresentato la storia del cinema italiano con Germi, Monicelli, Comencini». Così ha commentato la scomparsa di Dino Risi, Michele Placido, ospite alla prima edizione di «Fil.mare», il festival dedicato al mare e alle sue suggestioni, diretto da Valerio Caprara, che si è svolto in questi giorni a Castelvolturno e si è concluso ieri sera, con la consegna del «Premio Domiziano» a Placido e ad Isabella Ferrari, Valeria Golino, Laura Chiatti. «Risi – ha continuato l’artista – rappresenta quei grandi registi e sceneggiatori che hanno saputo raccontare la realtà sociale attraverso la commedia. Ricordo con immutata passione i suoi capolavori, «Il Sorpasso» o «Profumo di donna», quasi mai citato. So che aveva apprezzato molto «Romanzo Criminale», me lo aveva fatto sapere e poi mi aveva chiamato per dirmelo personalmente. Questo è uno tra ricordi più belli che mi ha lasciato. Il figlio Marco (
Marco Risi, con il quale Placido ha girato «Mary per sempre» ndr), parlava sempre con orgoglio della sua ironia, citando spesso Mario Monicelli, che considerava una sorta di zio». Placido inizierà lunedì le riprese del suo film «Il grande sogno». «E’ un film in parte autobiografico –ha detto Placido – sul sogno di un giovane poliziotto del Sud, che va a Roma sperando di entrare nel mondo del cinema. Un po’ la mia storia, che da poliziotto, mi sono poi trasformato in attore e regista».
Per Isabella Ferrari, Risi ha rappresentato il suo «Padre cinematografico. Nel film «La Roi De Dagobert», ero una ragazzina inesperta e lui mi trattava malissimo, negli anni ci siamo incontrati e lui mi diceva che ero la più bella e la più brava. La sua era un’intelligenza corrosiva, era un vero ribelle». Considerata dalla critica una sorta di dark lady del cinema italiano, dopo la sua interpretazione di «Arrivederci amore, ciao», di Michele Soavi, la Ferrari si augura di avere nuovi evoluzioni interpretative nel corso della sua carriera. Isabella Ferrari sarà tra i protagonisti di «Un giorno perfetto», il nuovo film di Ferzan Ozpetek, tratto dal libro di Melania Mazzucco, al fianco di Valerio Mastandrea, Monica Guerritore, Stefania Sandrelli ed Angela Finocchiaro e nella pellicola «Il seme della discordia» di Pappi Corsicato, con Alessandro Gassman e Caterina Murino.
Valeria Golino era impressionata dalla fisicità di Risi e dalla sua «vecchia maniera» di trattare le donne. Anche la Golino, come nelle precedenti dichiarazioni di Orlando e della Sandrelli, si chiede come sarebbe esordire da regista, sogno che definisce davvero troppo difficile per il momento. Attrice internazionale, ha lavorato in Europa e negli Stati Uniti, ha dichiarato che «in Francia e negli Stati Uniti si fanno molti più film, esiste un’idea di industria che qui non c’è. Il loro cinema cinema indipendente invece somiglia molto al cinema italiano». Attualmente la Golino sta lavorando ad un film con Giuseppe Piccioni, dal titolo «Il Premio» ed anche in questo film avrà a che fare con l’acqua (come in «Respiro», «Lascia perdere! Johnny»).
Infine Laura Chiatti, che ha recitato in due nuove pellicole, diretta da Pupi Avati e Roberto Faenza. Nel film di Avati, che si chiamerà “Nel tepore del ballo” e sarà ambientato nella Bologna degli anni ’50, la Chiatti reciterà accanto a Diego Abatantuono, Fabio De Luigi e Luigi Lo Cascio. L’attrice è stata, poi, impegnata sul set de “Il caso dell’infedele Clara”, il prossimo film di Roberto Faenza nel quale veste i panni di una giovane donna innamorata che viene spiata da un detective privato assoldato da suo marito. «Nel film di Pupi Avati – ha dichiarato la Chiatti – interpreto il mio primo ruolo comico e quindi mi sto impegnando molto in questa sfida, che mi diverte molto. Per quanto riguarda il film di Faenza, sto imparando l’inglese, perchè l’attore con cui reciterò non è italiano ed anche questa è un’ulteriore sfida». La Chiatti ha, poi commentato la sua partecipazione al film di Sorrentino, «L’amico di famiglia»: «Mi ha dato molto più di quello che potevo pensare, è stata una grande spinta per la mia carriera cinematografica».

—————–
Valerio Caprara: “La scomparsa di Dino Risi mi colpisce e commuove particolarmente, anche se sono consapevole che il cordoglio e il rimpianto stanno giustamente per appartenere all’intera comunità del cinema italiano e internazionale. Non è disdicevole confessare, infatti, che l’amicizia profonda cresciuta negli anni di reciproca confidenza e tramandata da almeno due libri e decine di presentazioni e interviste, rende in questo momento il mio ruolo e il mio compito terribilmente indifesi e fragili. Non si tratta solo della coincidenza che ha visto il grande regista – circondato dalla calorosa ammirazione del pubblico – ricevere appena mercoledì scorso il premio Domiziano della prima edizione del festival Fil.mare di Castel Volturno di cui sono direttore artistico; ma, piuttosto, del fatto che anche in questa occasione colui che amava definirsi “maestro per caso” ha confermato tutte le speciali doti di umanità, ironia, intelligenza profuse nei trascinanti titoli della sua memorabile filmografia». Queste le dichiarazioni di Valerio Caprara, che aveva consegnato a Dino Risi, morto questa mattina a Roma, all’età di 92 anni, quello che doveva essere l’ultimo premio della sua carriera: il “Premio Domiziano”, nel ruolo di direttore artistico del festival “Fil.Mare” in corso disvolgimento a Castelvolturno. Proprio a Fil.Mare Dino Risi mercoledì scorso aveva salutato il figlio Marco e il nipote Andrea Miglio Risi, a lavoro sulla spiaggia di Castelvolturno sul set di “Forta-Apasc”, film sulla vita e la morte di Giancarlo Siani. La troupe alloggiava nello stesso albergo del festival che ha avuto quindi l’opportunità di riunire le tre generzioni dei Risi. Stamane Marco Risi ha interrotto le riprese per rientrare a Roma.
Parlando in un festival dedicato al mare Risi, nei giorni scorsi, aveva espresso il suo amore per il mare, luogo-simbolo di molti suoi film. Nella memoria una Napoli, vista come una “città di vacanze”, che “ora non c’è più”. Il maestro aveva ricordato, con nostalgia, la sua prima visione del mare. “Arrivavo da Milano in macchina con i miei genitori verso la Riviera Ligure, quando apparve il mare, che si vedeva tra due palazzi e non mi vergogno a dire, che ebbi una crisi di pianto”.
Sempre attento all’attualità, Risi aveva lodato «Gomorra» e il «Divo». «Sono due grandi capolavori aveva dichiarato – che ricordano le denunce dell’Italia del neorealismo. Purtroppo la gente ama queste storie, perché riflettono la terribile realtà in cui vivono e Napoli ne è un esempio».

——————-
VENERDI’ 6 GIUGNO
——————-
Fil.mare, a Michele Placido l’omaggio degli artigiani di Oromare
La filmografia dell’artista incisa su una fibbia in argento
Domani spazio anche alla consegna del “Premio Domiziano”.
L’intera filmografia di Michele Placido incisa su una fibbia in argento. È la creazione realizzata in esclusiva per l’attore e regista da Gustavo Renna, artigiano del consorzio Oromare, che sarà consegnata a Placido domani sera (sabato 7 giugno) in occasione della serata conclusiva della rassegna Fil.mare in corso di svolgimento all’Holiday Inn di Castelvolturno.
Sulla superficie della fibbia a forma di “M”, è stata trascritta la filmografia dell’artista. “Il dono – spiega il presidente di Oromare, Gino Di Luca – oltre a essere prezioso, in quanto unico perché realizzato per l’evento Fil.mare, si rifà ad un’antica usanza, secondo cui l’incisione di frasi e disegni simbolici aveva un significato propiziatorio e bene augurante per chi li indossava”.
Domani, inoltre, a Michele Placido così come a Isabella Ferrari, Valeria Golino, Laura Chiatti, Fabio Fulco, Antonio Milo, Ernesto Mahieux, Ortensia De Francesco, Maria Pia Fanfani e Andrea Caracci sarà consegnato il Premio Domiziano: un vassoio in argento decorato con un ramo di corallo, su cui è inciso il volto dell’imperatore Domiziano. Anche quest’opera è realizzata dai maestri artigiani di Oromare.
Cinema, sport ma anche ricerca: sempre domani sarà consegnata ad Isabella Ferrari – testimonial dell’Airc – una collana appositamente realizzata da Oromare ispirata alle figure del mare per il suo impegno sociale. Questa sera sarà premiato l’attore Carlo Croccolo. Ieri, intanto, il Premio Domiziano è stato consegnato a Silvio Orlando. Nei giorni scorsi ad essere premiati sono stati Stefania Sandrelli, Dino Risi ed Ennio Fantastichini.
Il Festival “Fil.mare” è inserito nel programma “Grandi Eventi 2008” della Regione Campania ed è stato proposto dall’Ente Provinciale Turismo di Caserta nell’ambito del progetto “Un Mare di energia”, ideato dal Comitato Provinciale Coni di Caserta e comprendente una serie di manifestazioni sportive, sociali, culturali e artistiche, tra giugno e ottobre 2008, tutte legate al mare e alle iniziative territoriali relative al Litorale Domizio.

——————-
GIOVEDI’ 5 GIUGNO
——————-
Nasce una Turtle Nursery sul litorale domizio.Il litorale domizio riviera delle tartarughe. Queste le conclusioni del convegno organizzato – nell’ambito della rassegna Fil.mare – in collaborazione con la stazione zoologica Anton Dohrn e l’associazione Geo & Bio Mediterraneo. È stata Flegra Bentivegna,(nella foto), curatore dell’Acquario Pubblico della Stazione Dohrn, a illustrare – a conclusione di una ricerca durata oltre dieci anni – come il litorale domizio sia diventato il “pascolo” delle tartarughe del Mediterraneo, in particolare degli esemplari
‘caretta caretta’ che sempre più vengono a nutrirsi di microrganismi in un mare che tutto sommato non appare – da questo punto di vista – talmente inquinato come si dice.
A supportare la tesi la Bentivegna ha addirittura citato il caso della scoperta – qualche anno fa – della nidificazione sulla spiaggia di Baia Domizia, la prima portata a buon fine sotto la vigilanza degli esperti dell’Acquario, delle tartarughe caretta-caretta.
Sempre a sottolineare la tipologia del litorale domizio rispetto alla stanzialità delle testuggini, il consulente veterinario dei centri di cura e riabilitazione delle tartarughe marine, Luigi Ferretti, ha annunciato una vera e propria novità: la scoperta nei canali di bonifica dell’entroterra domizio, in prossimità della foce del Garigliano, di una specie di tartarughe palustri Emys Orbicularis di cui non si aveva conoscenza.
A conclusione del convegno cui hanno presenziato studenti delle scuole di Castel Volturno, amministratori dei comuni rivieraschi e dirigenti di associazioni culturali e ambientaliste sono state illustrate alcune proposte operative per rafforzare la presenza e la tutela delle tartarughe sul territorio.
In particolare i responsabili di Fil.mare in accordo con le istituzioni locali hanno preso a cuore i progetti operativi presentati dai relatori impegnandosi a concretizzare a breve scadenza le iniziative proposte tra cui la creazione di una Turtle Nursery per incentivare e proteggere la riproduzione di quella che è una specie in via di estinzione.
Il Festival “Fil.mare” è inserito nel programma “Grandi Eventi 2008” della Regione Campania ed è stato proposto dall’Ente Provinciale Turismo di Caserta nell’ambito del progetto “Un Mare di energia”, ideato dal Comitato Provinciale Coni di Caserta e comprendente una serie di manifestazioni sportive, sociali, culturali e artistiche, tra giugno e ottobre 2008, tutte legate al mare e alle iniziative territoriali relative al Litorale Domizio.

———————-

Silvio Orlando, un nuovo film su Napoli. Prodotto da Michele Placido
“La città che racconterò? Lontana da quella di oggi”
“Il mare? Ci sono arrivato tardi visto che abitavo in collina, al Vomero, lo vedevo come una striscia blu in lontananza”. Silvio Orlando è oggi (giovedì 5 giugno) a Fil.mare, il festival dedicato al mare e alle sue suggestioni, diretto da Valerio Caprara, in programma all’’Holiday Inn Resort di Pineta Mare – Castelvolturno, fino al 7 giugno.
L’attore riceverà, in serata, il Premio Domiziano, consegnato ieri sera a Dino Risi e Stefania Sandrelli e, a sorpresa, all’attore Ennio Fantastichini.
“Quando ero piccolo – ha continuato Orlando – ho iniziato ad andare a Licola, poi è arrivato l’amore per Procida, per un mare più consapevole”.
E della sua infanzia, in un contesto in parte autobiografico, parlerà nel suo primo film da regista, prodotto da Michele Placido, anche lui sabato sera tra gli altri ospiti della kermesse cinematografica casertana. Ambientato negli anni ’60 e in una fase ancora embrionale, la pellicola è scritta insieme con Domenico Starnone ed Antonio Pascale.
“Una Napoli lontana da quella di oggi – ha spiegato l’artista – raccontata attraverso gli occhi di un bambino. Quello era un periodo diverso da oggi, ancora non si erano formati i famosi ghetti, come quello di Scampia, ma la società era molto più trasversale. Nella mia classe c’erano insieme il figlio del portiere e la figlia di Gava”.
Un luogo, Napoli “dove tutti davano qualcosa a tutti, il sangue si mischiava. Io stavo un po’ al centro, essendo un “piccolo borghese”.
Preoccupato per questo nuovo ruolo di regista, “ma dovevo farlo, per sapere se non l’avevo fino a questo momento per pigrizia o incapacità”.
Felice della collaborazione con Michele Placido, che anche come produttore “ha un carattere molto combattivo, un vero piglio garibaldino”, Orlando riflette anche sull’attuale situazione napoletana.
“Avevamo creduto nella rinascita bassoliniana e pensavamo di poter poter riprendere a dire ‘siamo orgogliosi di essere napoletani”, ma ora sinceramente siamo tutti delusi”. “Gomorra? E’ un film straordinario, ma non può essere ritenuto un saggio su Napoli. Credo che lil proposito di Garrone, non fosse raccontare la città, ma di proporre la sua visione di Napoli”.
Una città e una regione che oggi conta su poche “eppure continua ad avere il grande dono dell’arte”.
Il Festival è inserito nel programma “Grandi Eventi 2008” della Regione Campania ed è stato proposto dall’Ente Provinciale Turismo di Caserta nell’ambito del progetto “Un Mare di energia”, ideato dal Comitato Provinciale Coni di Caserta e comprendente una serie di manifestazioni sportive, sociali, culturali e artistiche, tra giugno e ottobre 2008, tutte legate al mare e alle iniziative territoriali relative al Litorale Domizio.
Domani, Filmare, continua con l’omaggio a Carlo Croccolo e il Premio Domiziano d’oro a Antonella Stefanucci, protagonista della serie di successo “Capri”, e a seguire l’anteprima nazionale del film “Ombre del passato” di Masayuli Ochiai con Joshua Jackson.

—————
4 GIUGNO 2008
—————

Holiday Inn Resort
Pineta Mare – Castelvolturno.
Dino Risi, Marco Risi e Andrea Miglio Risi. A Filmare tre generazioni a confronto
Tre generazioni del cinema italiano a confronto oggi (4 giugno) alla prima edizione di Filmare, il festival dedicato al mare e alle sue suggestioni, per la direzione artistica di Valerio Caprara. A Castevolturno Dino Risi, il figlio Marco Risi e il nipote Andrea Miglio Risi si sono incontrati nel primo giorno di riprese del film “Fort Apasc”, sulla vita del giornalista del “Mattino” Giancarlo Siani, assassinato dalla camorra nel 1985.
Un momento significativo proprio nel giorno in cui il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha inaugurato a Napoli la “Sala Siani” al Suor Orsola Benincasa.
Sono state due icone del cinema italiano, Dino Risi e Stefania Sandrelli, ad aprire oggi (mercoledì 4 giugno) la prima edizione del festival, dedicato al rapporto tra il cinema e il mare, che vuole divenire l’appuntamento fisso d’inizio estate sul Litorale Domizio. I grandi protagonisti della scena italiana hanno ricevuto in serata il “Premio Domiziano” e discusso insieme al pubblico delle suggestioni reali ed immaginarie suscitate dal mare, un elemento che tanta parte ha avuto nella storia del cinema e che continua ad affascinare autori e registi.
Fino al 7 giugno all’’Holiday Inn Resort Naples – Castelvolturno (Pinetamare) anteprime cinematografiche nazionali, film e documentari legati al mare, convegni, mostre, premiazioni ad importanti personaggi della cultura, dello sport, della politica e degli spettacoli, creeranno una grande opportunità, per rilanciare una zona, quella del Litorale Domizio, che nonostante le sue problematiche, ha grandi potenzialità turistiche e recettive.
Fimare» continua domani (giovedì 5 giugno), con il «Premio Domiziano» a Silvio Orlando. Sempre in serata un omaggio a Sidney Pollack, il grande regista americano recentemente scomparso, con l’anteprima nazionale del suo ultimo film “Un amore di testimone” di Paul Weiland in cui compare come attore.
Iniziato oggi, il festival dedicato al mare e alle sue suggestioni, per la direzione artistica di Valerio CapaIl Festival è inserito nel programma “Grandi Eventi 2008” della Regione Campania ed è stato proposto dall’Ente Provinciale Turismo di Caserta nell’ambito del progetto “Un Mare di energia”, ideato dal Comitato Provinciale Coni di Caserta e comprendente una serie di manifestazioni sportive, sociali, culturali e artistiche, tra giugno e ottobre 2008, tutte legate al mare e alle iniziative territoriali relative al Litorale Domizio.

———————–

Fil.Mare, la rassegna cinematografica ispirata al mare, all’ambiente e agli sport marini si è inaugurata stamane (4 giugno), all’insegna dell’avventura.
Il prologo del festival è stato dedicato alla proiezione del documentario sul Volturno, realizzato su iniziativa dell’assessorato all’Ambiente della Provincia e del Comitato Provinciale Coni di Caserta in relazione al progetto ù“NavigaVolturno” organizzato dal Centro Nautico Enel di Presenzano. A partire dalle 17.30 la giornata continua con la partecipazione di Stefania Sandrelli e Dino Risi.
Questa mattina a conclusione della proiezione il presidente del Coni Caserta, Michele De Simone ha annunciato che il documentario
“NavigaVolturno” verrà presentato a Milano durante il Festival Mondiale del Cinema e della Televisione Sportiva in programma dal prossimo 31 ottobre al 4 novembre, un significativo riconoscimento per il progetto della Provincia e del Coni in collaborazione con il Centro Nautico Enel di Presenzano.
Le riprese della discesa in gommone e canoa del corso d’acqua più lungo del Sud si sono trasformate in un documentario turistico-culturale con le splendide immagini del regista Antonio Mingione e i testi dello scrittore Antonio Pascale, che potrà contribuire, nello stesso tempo, alla conoscenza ed alla salvaguardia del Volturno.
Alla presentazione, nella sala Aquarius dell’Holiday Inn di Castel Volturno, hanno partecipato il sindaco di Castel Volturno Francesco Nuzzo, l’assessore all’ambiente della Provincia Maria Carmela Caiola, il presidente del Comitato Provinciale Coni di Caserta Michele De Simone e il campione olimpico Davide Tizzano, direttore del centro nautico Enel di Presenzano.
Entusiasti della proiezione i ragazzi delle scuole elementari e medie di Castel Volturno, che hanno a lungo dialogato con gli esponenti delle istituzioni, auspicando una migliore conoscenza ed una ulteriore campagna di recupero ambientale del fiume.
E domani sempre all’Holiday Inn Pinetamare proseguono gli appuntamenti all’insegna del naturalismo con la presentazione del progetto sulle tartarughe marine del Litorale Domizio elaborato dalla stazione zooologica “Anton Dorhn” di Napoli.
Il Festival “Fil.mare” è inserito nel programma “Grandi Eventi 2008” della Regione Campania ed è stato proposto dall’Ente Provinciale Turismo di Caserta nell’ambito del progetto “Un Mare di energia”, ideato dal Comitato Provinciale Coni di Caserta e comprendente una serie di manifestazioni sportive, sociali, culturali e artistiche, tra giugno e ottobre 2008, tutte legate al mare e alle iniziative territoriali relative al Litorale Domizio.

———–
L’ANNUNCIO
————
“Fil.mare” in programma dal 4 al 7 giugno 2008 all’Holiday Inn di Castelvolturno e nei centri del litorale domizio.
Convegno: “Il nuovo porto turistico di Pinetamare e le prospettive di sviluppo della portualità in Campania” che si terrà il 7 giugno alle ore 10.30 presso la sala Capricon dell’Holiday Inn.
(1 maggio 2008)

INFO

Per informazioni:
Ufficio stampa: Désirée Klain
081/400565- 339/6839129
desiree@postounico.it

Fil.mare
Organizzazione
Emanuela Sorrentino
DSL Comunicazione
Via G.Fiorelli, 12 – 80121 Napoli
Tel. +39.081.7641316; +39.081.19303460
fax +39.081.19303464
ufficiostampa@dslcomunicazione.com
www.dslcomunicazione.com


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.