GRANDE FESTA A CASORIA PER CIRO RIGIONE
Di Laura Caico

Un trionfo tutto napoletano. Il cantante Ciro Rigione, rientrato a Casoria dopo il primo tour in Sardegna è stato festeggiato in grande stile da un folto gruppo di amici con una cena a base di pesce, crostacei e frutti di mare da “Pulcinella” per il successo riportato al “Trillionaire” di Porto Ottiolu: ospitato dall’imprenditore Gennaro Primitivo – titolare della rinomata struttura insieme ai soci Salvatore Messina e Ferruccio Rovescalli – Rigione ha sbancato in Sardegna, spopolando con la sua personale versione della tamburriata napoletana che ha galvanizzato le serate del locale. Un debutto doc, dato che il Trillionaire già dall’inaugurazione , avvenuta lo scorso anno, aveva fatto molto parlare di sé, catturando l’attenzione dei media al punto che “Le Jene” su Italia Uno si erano messi sulle tracce di Flavio Briatore: il sospetto era che l’ex manager Renault – sazio della movida in Costa Smeralda – avesse creato il nuovo ritrovo (il cui nome riecheggia il suo Billionaire) per “impadronirsi” a 360° dell’intrattenimento notturno in Sardegna, puntando su una zona poco nota ai Vip ma molto frequentata da giovani e giovanissimi, aficionados di discoteche di alto livello ma più accessibili economicamente.
Invece, ben presto il Trillionaire – ristorante e lounge bar di Porto Ottiolu si è rivelato frutto dell’intuito e del coraggio imprenditoriale dei tre grintosi amici che sono riusciti ad attrarre un flusso turistico crescente, sia dal nord Europa che dall’Italia centro settentrionale. Personaggi come Ezio Greggio, i Fichi d’India, Al Bano, Antonio Zequila sono passati dal Trillionaire di Porto Ottiolu e lo stesso Umberto Smaila – spesso partner di Briatore al Billionaire – ha cambiato location quest’estate per inaugurare il nuovissimo Smaila’s di San Teodoro (frazione di Budoni come Porto Ottiolu) che si trova a poche centinaia di metri dal Trillionaire.
Ecco quindi perchè il “battesimo” sardo di Rigione ha avuto l’aspetto di una “consacrazione” nell’Olimpo della movida vacanziera: musica d’autore e ritmo incalzante sono stati i suoi ingredienti vincenti per la ricetta di un by night di grande richiamo che l’hanno imposto al pubblico, siglando così l’ottima riuscita della sua prima tournèe, conclusa in bellezza proprio allo “Smailas” di Budoni con memorabili duetti intonati col “patron”Umberto Smaila.
Tra i pezzi che ha cantato, “ o Sole mio”, ‘o Sarracino, ‘o Soldat nammurat”, e tante altre appartenenti al vasto repertorio colto e popolare della canzone napoletana: non è mancato, fra le richieste ossessive di bis, il suo cavallo di battaglia “chille va pazz pe tè” e gli applausi hanno sottolineato ininterrottamente le sue esibizioni con Francesco Arca, Antonio Zequila, Fabiano- Fefè, Jonathan e Jak del Grande Fratello e con lo stesso Umberto Smaila. Il tam tam del gossip si è mosso velocemente e lo scorcio di fine estate ha attirato folle inaspettate in quest’angolo finora poco noto della Sardegna, adesso sotto tutti i riflettori, mettendo in risalto la simpatica verve di Rigione in particolare e, in generale, l’innegabile appeal della musica napoletana capace di infiammare i cuori a qualsiasi latitudine.
Laura Caico

da:

Categorie: Eventi

0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.