CASA DEL NONNO 13 HA FESTEGGIATO i tre protagonisti campani dell’Oscar del Vino promosso dall’Ais di Roma.

La grande pasta di Gragnano e le birre di Teo Musso proposte dal sommelier Domenico Sarno sono state la cena di una grande festa fuori dai canoni tradizionali organizzata da Raffaele Vitale, patròn di “Casa del Nonno 13” a
Mercato San Severino,(Sa), e dalla Perlage srl per salutare in allegria Luciano Pignataro, Bruno De Conciliis e Marisa Cuomo, i tre protagonisti campani dell’Oscar del Vino promosso dall’Ais di Roma presieduta da Franco Ricci.
I quattro piatti di pasta cucinati dallo chef Donato Episcopo sono stati preceduti dalle tapas dei tre ristoranti cetaresi, Acquapazza, Convento e
San Pietro, capitani dal sindaco Secondo Squizzato bagnate dal Selim di de Conciliis.
Poi il via alle danze: spaghetti con zucchine e cicale, pacchero
con bottarga e fichi, timballo di pasta e patate con tartufo nero di Bagnoli Irpino e infine i classici fusilli con braciola di capra. Tra i presenti, i produttori Silvia Imparato (Montevetrano), Luigi Maffini, Gerardo Giuratrabocchetti (Cantine del Notaio), il segretario dell’ordine dei
giornalisti nonché presidente dell’Arga Campania Francesco Landolfo, la vicepresidente Arga Brunella Cimadomo, il vicepresidente nazionale dell’Ais
Vincenzo Ricciardi, i giornalisti Annibale Discepolo (Il Mattino), Giampaolo Necco (www.argacampania.it),Clara Barra (Gambero rosso), Monica Piscitelli
(Il Danaro), Adele Chiagano (Gambero Rosso), Donatella Bernabò Silorata (La Repubblica), Giuseppe Di Girolamo (Roma), Vittoria Cisonno presidente del
Mtv di Puglia, Mimmo Cirsone delle Edizioni del Tirso di Bari, Janet
D’Alessio, pr dell’Hotel Caruso di Ravello, Silvio De Angelis, responsabile della Piemme Campania, Giacomo Pastore (Coldiretti Avellino), Francesco
Colonnesi (Slow Food Napoli), Sergio Calzigna (Slow Food Salerno), Mimmo Vicinanza e Maurizio Somma (Il Papavero di Eboli), Lina Martone (Megaron di
Paternopoli), La Locanda di Bu, gli agriturismi Chiusulelle di Ogliastro Cilento e Corbella di Cicerale, l’affinatore di formaggi Michele Amato, Antonio e Lucio Tubelli (Timpani e Tempura di Napoli), Rocco Iannone
(Pappacarbone di Cava de’ Tirreni), il direttore dell’Associazione del Borgo
di Terravecchia Rosario Muro, Pasquale Buonocore del Pastificio Afeltra,Michele Buonomo presidente di Lega Ambiente Campania, Cosimo Mogavero ed Eugenio Luigi Iorio, direttore tecnico e responsabile scientifico della Festa della Pizza di Salerno. Alla manifestazione sono arrivati anche gli auguri affettuosi di Enzo Vizzari, responsabile delle Guide Espresso
Infine, ospite a sorpresa ma gradita la prof.ssa Marta D’Auria, docente di storia delle religioni all’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli.
(nella foto,da sinistra, Francesco Landolfo, Brunella Cimadomo, Luciano Pignataro)


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.