“Capri- the Island of Art” mostra d’arte open air in 4 punti dell’isola:la Piazzetta, la Certosa, Punta Tragara e Villa Lysis e “Capri Orien Express” alla Certosa e Villa Lysis in esposizione fino a dicembre 2016

Ultimi 10 giorni per visitare “Capri the Island of Art”
La mostra che in due anni ha portato a Capri 67 installazioni d’arte contemporanea
Un itinerario inedito tra 4 punti dell’isola (la Piazzetta, la Certosa, Punta Tragara e Villa Lysis)
Ancora fino all’11 dicembre 2016, la 2° edizione di arte itinerante sull’isola
E’ visitabile ancora fino all’11 dicembre 2016, ed è particolarmente suggestiva in questi giorni invernali, la mostra, seconda edizione del progetto Capri the Island of Art: rassegna open air ideata da Franco Senesi, Presidente dell’omonima associazione culturale che ha organizzato l’evento in patnership con la Città di Capri. La manifestazioni si chiude con un grande traguardo, per cominciare a lavorare alle prossime tappe, non a caso in due edizioni, che si possono considerare prove, cioè in due anni e mezzo, ha portato a Capri 67 installazioni artistiche pubbliche che hanno interagito con gli abitanti e i visitatori dell’isola. Una curiosità delle ultime ore, riguarda l’opera “Come quando Accadrà”, la cometa artificiale di David Casini a Punta Tragara, che è molto affascinante e da vedere in questi giorni, soprattutto da quando la piazza in cui si trova è completamente buia dopo la chiusura stagionale dell’hotel Tragara.
Tutte le immagini di quest’anno sono consultabili sul sito web dell’evento, theislandofart.org dove sono le fotografie delle installazioni, che quest’anno per Capri the Island of Art ha visto coinvolti artisti della scena contemporanea, invitati a dialogare con i luoghi simbolo dell’isola. Guest curator del festival è stato Sergio Risaliti che ha presentato la mostra dal titolo Capri Orient Express, con gli artisti Marco Bagnoli, Domenico Bianchi e Remo Salvadori, nella chiesa della Certosa di San Giacomo, in collaborazione con il Polo Museale Regionale della Campania, e presso Villa Lysis.
Mentre direttore artistico di Capri the Island of Art è Marco Izzolino come anche curatore di alcune installazioni sul territorio di cinque artisti più giovani della scena italiana contemporanea. Come nello spirito delle scorse edizioni, le loro opere trattano tematiche legate alla cultura dell’isola. Gli artisti invitati a realizzare le installazioni sul territorio sono: Alessia Armeni, con il progetto Am-mira i bianchi di Capri, ideato per interagire con i visitatori dell’isola; David Casini, con due progetti, uno diurno dal titolo Seicentodiecimilametri, a Villa Lysys, e uno notturno, dal titolo Come quando accadrà, realizzato appositamente per il belvedere di Punta Tragara; Francesco Carone, con una installazione scultorea, dal titolo Scultura Sirena (scandaglio) che per la prima volta è stata inserita nel contesto del cortile del palazzo municipale di Capri; Daniela Di Maro, che con l’opera Cuprum II – in honorem Jovis ha tentato di interagire con il dialogo tra Natura e Artificio che l’architettura di Villa Lysis sorprendentemente esercita sul paesaggio in cui è inserita; Giuseppe Teofilo, con la suggestiva scultura, che ritrae un pesce spada, Untitled, sulla terrazza della Piazzetta.

CONTATTI PER LA STAMPA
Daniela Ricci, d_ricci@libero.it | Tel. +39 347 0824165
Annalisa Tirrito, annalisa.tirrito@tin.it | Tel. +39 335 5289607
—————————————–
30 settembre 2016 – Ha preso il via in settembre e sarà in mostra fino all’11 dicembre, la 2° edizione di Capri the Island of art, mostra itinerante sull’isola azzurra. Capri the Island of Art, alla seconda edizione, è una rassegna open air ideata da Franco Senesi, Presidente dell’omonima associazione culturale che ha organizzato l’evento in patnership con la Città di Capri. Anche quest’anno Capri the Island of Art vede coinvolti artisti della scena contemporanea, invitati a dialogare con i luoghi simbolo dell’isola.
Direttore artistico di Capri the Island of Art è Marco Izzolino che è inoltre curatore di alcune installazioni sul territorio di cinque giovani artisti della scena italiana contemporanea. Come nello spirito delle scorse edizioni, le loro opere trattano tematiche legate alla cultura dell’isola. Così hanno realizzato installazioni: Alessia Armeni, con il progetto Am-mira i bianchi di Capri, ideato per interagire con i visitatori dell’isola; David Casini, con due progetti, uno diurno dal titolo Seicentodiecimilametri, a Villa Lysys, e uno notturno, dal titolo Come quando accadrà, realizzato appositamente per il belvedere di Punta Tragara; Francesco Carone, con una installazione scultorea, dal titolo Scultura Sirena (scandaglio) per la prima volta nel contesto del cortile del palazzo municipale di Capri; Daniela Di Maro, che con l’opera Cuprum II – in honorem Jovis tenta di interagire con il dialogo tra Natura e Artificio che l’architettura di Villa Lysis sorprendentemente esercita sul paesaggio in cui è inserita; Giuseppe Teofilo, con la suggestiva scultura, che ritrae un pesce spada, Untitled, sulla terrazza della Piazzetta.
Un itinerario inedito tra 4 punti dell’isola (la Piazzetta, la Certosa, Punta Tragara e Villa Lysis) che anche quest’anno incuriosirà ed incanterà i turisti in modo tale da apprezzare ancora di più la ricca storia di Capri che per circa 2000 anni ha ospitato intellettuali ed artisti di fama internazionale facendo conoscere l’isola attraverso il loro lavoro in tutto il mondo.
Guest curator è quest’anno Sergio Risaliti con la mostra nella mostra, dal titolo Capri Orient Express, con gli artisti Marco Bagnoli, Domenico Bianchi e Remo Salvadori, nella chiesa della Certosa di San Giacomo, in collaborazione con il Polo Museale Regionale della Campania, e presso Villa Lysis.
Il progetto di mostra Capri Orient Express pianificata per la Certosa di San Giacomo e Villa Lysis è focalizzato su tre grandi protagonisti dell’arte italiana contemporanea: Marco Bagnoli, Domenico Bianchi, Remo Salvadori. Il critico e storico dell’arte Sergio Risaliti ha già curato mostre personali dei tre artisti in occasioni diverse. Per questo nuovo progetto di mostra, tema comune e sotteso già nel titolo è una maggiore e insistita riflessione sulla presenza di elementi simbolici e grafici derivanti dalla cultura orientale e mediorientale, costantemente presenti e ricorrenti in molte delle opere dei tre artisti. Le opere di Bagnoli, Bianchi e Salvadori, in dialogo con le culture del Mediterraneo e del lontano Oriente, riattivano memorie e conversazioni tra gli antichi maestri di spiritualità e il mondo dell’arte occidentale, riallacciano scambi simbolici e conoscenze formali, diffuse nei secoli lungo le vie del mare e nei porti, e mostrano un’esperienza dell’arte come conoscenza e visionarietà “altra”. Significativo è il fatto che questa riflessione avvenga all’interno di una Certosa in cui il ritmo architettonico evoca sinuosità lineari arabe e in quella villa Lysis (così nominata con riferimento al Dialogo Liside di Platone) che è stata teatro di sincretismo culturale.
L’arte contemporanea, dunque, anche in questa occasione diventa argomento di incontro e discussione per coinvolgere il pubblico anche non addetto ai lavori per riuscire a fare una riflessione sul nostro passato e sulle nostre radici primigenie sempre pronte ad elevarci. Capri diventa una vetrina sul mondo come un grande mecenate di arte e cultura. L’offerta artistico- culturale e di conseguenza il percorso ogni anno sono nuovi e diversi e sempre accattivanti.
Durante tutto il periodo e fino a dicembre saranno a disposizione del pubblico mappe cartacee dell’isola con segnalazione dei luoghi, sito web responsive per smart Phone e tablet attraverso cui sarà possibile trovare schede tecniche e critiche sia delle opere che degli artisti.
La manifestazione Caprese è gemellata con le Stazioni dell’Arte della Metropolitana di Napoli gestite da ANM (Azienda Napoletana Mobilità): Il gemellaggio è confluito nell’Mproject, una mappa dei luoghi pubblici del contemporaneo nel golfo di Napoli che potenzia al massimo i canali d’informazione di ANM e Capri per una comunicazione combinata. L’idea è quella di estendere il modello museale “non convenzionale“ delle Stazioni dell’Arte, proponendo ai visitatori turisti della città di Napoli il suo golfo come un modello di sviluppo per la ricerca artistica e culturale contemporanea.
CONTATTI PER LA STAMPA
Daniela Ricci, d_ricci@libero.it | Tel. +39 347 0824165
Annalisa Tirrito, annalisa.tirrito@tin.it | Tel. +39 335 5289607
INFORMAZIONI
Certosa di San Giacomo Tel. +39 081.8376218 Via Certosa, 10 – Capri
Orari di apertura
Settembre: ore 10,00 -17,00; sabato 24 e domenica 25: ore 10,00- 19,00
Ottobre: ore 10,00 -17,00
Novembre – Dicembre: ore 9,00 -15,00
Chiuso lunedì
Villa Lysis Via Lo Capo – Capri Orari di apertura Settembre – Ottobre: ore 10,00 -18,00
Novembre – Dicembre: ore 9,00 -16,00
Chiusa mercoledi
Dida Immagini credits foto Simone Larocca IMG 0009 Da sinistra: Sergio Risaliti, Marco Bagnoli, Franco Senesi, Domenico Bianchi, Patrizia Di Maggio, Remo Salvatori, Marco Izzolino
da: annalisa.tirrito@tin.it e Daniela Ricci, d_ricci@libero.it

Categorie: Mostre

0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.