Invito: Le opere dell’artista giapponese in mostra sull’isola per l’intera estate.

Capri, 14 Luglio. Fantastici draghi di carta e di legno, tele coloratissime dai toni rosso, blu, violetto, nero e giallo, è il mix di opere che resterà esposto fino a Settembre nello spazio Blu di Capri, a pochi metri dalla piazzetta, sulla strada che unisce il centro storico a Tragara.
Takada, uno dei più importanti allievi del maestro Shozo Shimamoto, esponente del movimento Gutai, ha scelto per esporre le sue opere non una galleria, ma la bottega-laboratorio creativo di Umberto Natalizio, che venerdì sera animerà quell’angolo di strada, l’antica Via Pastena, che si appresta a diventare un vero e proprio crocevia di artisti internazionali, grazie all’impegno che la culture-manager Rosanna Chiessi, curatrice della mostra, sta spendendo a favore dell’arte isolana.
L’evento, organizzato da Capri Press di Annamaria Boniello, Blu di Capri di Umberto Natalizio e dall’Archivio Pari e Dispari di Rosanna Chiessi è uno degli appuntamenti importanti che terranno banco a Capri quest’ estate.
In allegato, invito, biografia dell’artista e scheda tecnica della mostra .
Contatti :
paridispariagency@libero.it

YUHEL TAKADA
E’ straordinario come gli allievi di Shozo Shimamoto, che sono tanti, non siano degli epigoni del Maestro. Tra questi, il giovane artista Takada, di Osaka, ha interpretato l’insegnamento come una lezione di vita, di creatività, indipendente dal pensiero del Movimento Gutai, ma con la stessa forza, con la stessa energia nel ricercare materiali che vanno dalla carta di giornale al legno e al colore. La carta manipolata, arrotolata, pestata con infinita pazienza, si trasforma in draghi fantastici anche di grandi dimensioni.
Legno e carta, assumono colori e forme irregolari che si moltiplicano fra loro in maniera differente mantenendo fede alla ricerca secondo le tradizioni orientali del suo paese.
Materiali poveri che trovano la loro ricchezza visiva nell’accostamento di tale povertà con il colore rosso vivo, blu violento, viola, nero giallo, tutti ingabbiati in un triangolo o un quadrato a convivere felicemente. Il risultato è straordinario.
Sicuramente queste opere esposte a Capri sotto la luce magica dell’isola raffigureranno un accostamento universale tra Giappone e Italia che solo l’arte può realizzare.

INFO
Curatrice della Mostra
Rosanna Chiessi
Capri, Estate 2010
Takada a Capri [desk@pressinforma.com]

Categorie: Mostre

0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.