Capri, lunedì 2 agosto 2010 ore 20.30
Chiostro Piccolo della Certosa di San Giacomo

“Lo specchio di Borges”
la letteratura di Borges e il tango di Piazzolla
in uno spettacolo teatrale fatto di parole, ricordi, sogni ed eros

Massimiliano Finazzer Flory – accompagnato dal Quintetto Neofonia Ensemble – interpreta i più importanti testi di Jorge Luis Borges diventando un veggente, quasi un cieco ispirato dai libri, un Omero che dice la verità sul leggere.

“Lo specchio di Borges” – spettacolo che ha riscosso grande successo nelle sue rappresentazioni italiane e internazionali (dal Petit Palais di Parigi al Circulo de Bellas Artes di Madrid, dal Petruzzelli di Bari alla recente data a Porto Cervo) – muove una ricerca letteraria e artistica sulle linee della memoria e del silenzio, ma anche dell’ascolto e dell’evocazione della parola poetica per riscoprire una inquieta geografia dell’anima che lo scrittore argentino insegue e che ritrae simbolicamente nel corso della propria articolata opera.
Lo spettacolo, infatti, vuole esaltare lo struggente contrasto tra i valori della spiritualità, della meditazione e del raccoglimento che si liberano dai testi di Jorge Luis Borges e le appassionate musiche di Astor Piazzolla, eseguite con arrangiamenti sinfonici per quintetto (pianoforte, chitarra, violino, contrabbasso, fisarmonica).

Ad ospitarne la messa in scena a Capri, con ingresso libero, sarà il Chiostro piccolo della Certosa di San Giacomo il prossimo lunedì 2 agosto alle ore 20.30.

Lo specchio di Borges
spettacolo teatrale diretto e interpretato da
Massimiliano Finazzer Flory
con un’antologia da Jorge Luis Borges

Musiche di Astor Piazzolla eseguite dal
Quintetto Neofonia Ensemble
fisarmonica, Pietro Bentivenga | violino, Arturo Sica
pianoforte, Gianni Mola
chitarra, Luigi Bonaparte | contrabbasso, Camillo Chianese

atto unico, 70 minuti
ingresso libero – per informazioni: 349.0908883

Jorge Luis Borges (Buenos Aires 1899 – Ginevra 1986), uno dei padri della letteratura del Novecento, ha firmato capolavori quali L’Aleph (1939); La biblioteca di Babele in Finzioni (1944); Altre inquisizioni (1952-1960). Definito per il pregio della sua personale scrittura ”l’Omero della Pampa” ha presto ottenuto il riconoscimento e l’apprezzamento di altri grandi autori del nostro tempo: Italo Calvino, Umberto Eco, Gabriel García Márquez, Harold Bloom.

Astor Piazzòlla, compositore e musicista argentino (Mar del Plata 1921 – Buenos Aires 1992) allievo di A. Ginastera e, a Parigi, di N. Boulanger, si è consacrato alle forme musicali popolari del suo paese, rielaborando il tango in forme concertistiche e jazz. Tra i suoi brani più conosciuti: Biyuya, Tangata e gli album Piazzolla live (1983), Tango (1988).

In collaborazione con il Centro Comunicazione e Relazioni Pubbliche
Hotel La Palma – Capri

da: Capri – Lo specchio di Borges [desk@ufficiostampapress.com]

Categorie: Libri

0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.