ASSESSORE VETRELLA IN VISITA ALL’AUTORITA’ PORTUALE DI NAPOLI: “PIU’ COLLEGAMENTI FERROVIARI PER LE MERCI E MOLO DI SAN VINCENZO COME ULTERIORE TERMINAL PER LE CROCIERE”

Verificare la possibilità di utilizzare anche il molo San Vincenzo come ulteriore terminal per le crociere e potenziare ancora i collegamenti ferroviari per il trasporto delle merci.

Sono due delle principali iniziative per lo sviluppo dei traffici marittimi individuate oggi dall’assessore ai Trasporti, Viabilità e Attività produttive, Sergio Vetrella, nel corso della sua prima visita all’Autorità portuale di Napoli.

All’incontro sono intervenuti il presidente e il segretario generale dell’Authority, Luciano Dassatti e Zeno D’Agostino, e i rappresentanti delle diverse categorie di imprenditori presenti nel porto: Anna Ummarino per l’Unione industriali di Napoli, Raffaele Aiello per gli armatori, Fabrizio Bouchet per gli autotrasportatori, Gennaro Murolo per gli spedizionieri, Pasquale Legora De Feo per i terminalisti e Michele Pappalardo per gli agenti marittimi.

“Il porto di Napoli è una realtà fondamentale per l’economia e lo sviluppo della nostra regione – dice l’assessore Vetrella – e in questo primo incontro abbiamo cominciato a delineare una strategia d’intervento complessiva – alla quale la Regione darà il suo convinto contributo – in grado di aumentarne le potenzialità e migliorarne ancora le performance.
Per questo, oltre ai grandi progetti previsti e in corso, si è deciso di cominciare a studiare alcune iniziative che possono essere avviate a breve termine, come la possibilità di utilizzare il molo San Vincenzo quale ulteriore terminale per le navi da crociera, la riorganizzazione ottimale degli spazi portuali, e soprattutto lo sviluppo ancora più deciso dei collegamenti ferroviari per le merci, in modo da ridurre quelli su gomma – e dunque migliorare traffico e smog – e completare finalmente la piattaforma logistica con un’unica grande infrastruttura integrata tra porto di Napoli e di Salerno e interporti di Nola, Marcianise-Maddaloni e Battipaglia (quest’ultimo in costruzione); il che consentirà di aumentare ancora i traffici e quindi l’occupazione e l’economia.
Per questo il fatto che i trasporti e le attività produttive siano uniti in un unico assessorato avrà risvolti certamente positivi per due settori fortemente connessi tra di loro: senza le infrastrutture e i collegamenti, infatti, non può esserci sviluppo economico. Nei prossimi giorni continuerò dunque il mio giro di visite nelle altre realtà di questi due importanti comparti”.

REGIONE CAMPANIA. COMUNICATO UFFICIO STAMPA DEL 3 GIUGNO 2010

Categorie: Mare e Pesca

0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.