COMUNICATO STAMPA DEL 13 NOVEMBRE 2009

GIUSTIZIA, BASSOLINO: DDL PROCESSO BREVE ASSURDO. INCHIESTE FARANNO PIENA LUCE SU RUOLO CAMORRA NEI RIFIUTI

“Il ddl sul “processo breve” è assurdo e dubito davvero molto che un tale testo possa passare.
Mi auguro comunque che non abbia alcun effetto sulla vicenda giudiziaria che mi riguarda”, dichiara il presidente della Regione Campania Antonio Bassolino.
“Non intendo, infatti, in alcun modo difendermi dal processo. Ribadisco che, al contrario, sono invece interessato a difendermi nel processo”.
“Sono fiducioso che sarà accertata l’infondatezza delle accuse nei miei confronti e risulterà che ho sempre operato nel rispetto della legge”.
“Sono altresì convinto che dalle inchieste giudiziarie in corso emergeranno il ruolo e i collegamenti dei casalesi e della camorra nel boicottare gli sforzi tesi a costruire un moderno ciclo integrato e il loro tentativo di riprendere un pieno controllo sul sistema dei rifiuti”.
“Penso, infine, che sia giusto e importante affrontare in Parlamento il tema di una giustizia più efficiente e più rapida.
È questa una grande questione del nostro Paese.
Una giustizia che funziona è il tassello fondamentale di uno stato che funziona.
Ed è essenziale che una riforma della giustizia vista dalla parte dei cittadini comuni sia una riforma condivisa da larghe forze nel Parlamento e nel Paese.
Per questo motivo, servono, innanzitutto, più risorse e più mezzi per il funzionamento della giustizia e c’è bisogno di una riforma che dia ai cittadini tempi certi per ottenere il giudizio”, conclude Bassolino.


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.