CAMPANIA E VITICULTURA: Interventi della Regione ai Consorzi Tutela Doc e Docg
La Giunta Regionale ha approvato, su proposta dell’Assessore all’Agricoltura e alle Attività Produttive, Andrea Cozzolino, una delibera in favore dei Consorzi di Tutela dei Vini della Campania.
In particolare gli interventi riguarderanno iniziative per la promozione, il sostegno, l’avviamento e l’adeguamento degli stessi Consorzi.
Un successivo provvedimento dirigenziale del SeSIRCA (Servizio Sistema Informativo Agricolo Regionale, Aggiornamento E Formazione In Agricoltura) provvederà all’emanazione e all’impegno delle somme occorrenti all’attuazione del bando relativo, per un importo complessivo di 320.000 euro per l’anno 2005.
Beneficiari di questo intervento, saranno i consorzi di tutela e valorizzazione delle produzioni vitivinicole a Denominazione di Origine Controllata (DOC) e Denominazione di Origine Controllata e Garantita (DOCG) che abbiano sede legale o operativa in Campania.
Il contributo regionale massimo riconosciuto potrà essere di 100.000 euro all’anno per impresa e servirà per:
· le spese di costituzione e di adeguamento statuario;
· l’acquisizione di supporti tecnici finalizzati alle attività istituzionali (software, hardware, beni strumentali);
· l’acquisizione di consulenze esterne finalizzate alla predisposizione dell’organizzazione;
· la formazione di personale specializzato;
· lo sviluppo di sistemi di identificazione delle produzioni.
“Con questo provvedimento – spiega l’Asssessore Cozzolino – intendiamo sostenere la fase di avviamento dei Consorzi di Tutela di queste produzioni, necessari per consentire un concreto sviluppo del settore vitivinicolo di qualità. Nella nostra regione sono 17 i vini DOC. Tre sono, invece, i DOCG, gli unici riconosciuti dell’Italia Meridionale. Le produzioni DOC e DOCG hanno un’importanza strategica non solo nell’ambito del sistema agroalimentare locale ma anche per l’intera economia regionale. È per questo che ribadiamo l’importanza della collaborazione fra gli operatori del settore che, riuniti in Consorzi, producono valore aggiunto per il nostro sistema produttivo”.


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.